You Are Here: Home » Alimentazione Bio » Tutti sui banchi… alimentari!

Tutti sui banchi… alimentari!

ricomincia la scuola “Ma io a scuola non ci voglio andare!”. Il coro di voci bianche è pronte a elevarsi da sopra o (peggio) sotto il letto, a riproporsi mentre ci si lava, veste, si fa colazione e cammina verso l’inevitabile patibolo scolastico. Io che da piccola non vedevo l’ora di incontrarmi con la mia super migliore amica al mondo al nostro banco per cominciare a chiacchierare e finire di farlo a fine giornata nonostante gli stoici tentativi di quella maleducata della Maestra di farci smettere assisto ora allo spettacolo di “accorrete mi stanno sgozzando” che mio nipote mette in scena quasi ogni mattina.

Che fossi una bambina particolare io o che sia troppo sensibile lui, resta il fatto il “ritorno a scuola” incombe come una spada di Damocle sulla testa e sulla psiche di tutta la popolazione compresa tra i 6 e i 18 anni (abbiamo deciso di essere ottimisti).
Le cause del senso di stress e ansia sono molteplici: se da un lato il dolce far nulla estivo contribuisce a… carbonizzare la pillola, non dimentichiamo che, soprattutto nei primi anni di scuola, compiti, interazioni tra compagni, studio e apprendimento coincidono con il rapido accrescimento del corpo e della personalità. E se gli stimoli ambientali con il quale i ragazzi sono oggi sempre più a contatto sono in costante evoluzione e crescita, un fattore importante che può influenzare umore, concentrazione e memoria e sul quale è possibile più facilmente intervenire è l’alimentazione.

Secondo studi condotti su migliaia di ragazzi, una dieta equilibrata qualitativamente e quantitativamente e ricca di frutta e verdura è infatti collegata a migliori performances nei confronti di vari test e questionari, mentre una eccessiva assunzione di grassi è risultata capace di aumentare notevolmente le percentuali di insuccesso a scuola.
Diabolicamente misconosciuto è per esempio il fatto alimenti come caffeina, cacao, conservanti e coloranti, tutte sostante eccitanti, possano recare disturbi alla concentrazione. Pertanto attenzione all’eccesso di bevande gasate e ai dolciumi industriali: non sono solo gli alimenti portanti dei pasti principali a influenzare più o meno positivamente la dieta dei propri figli, ma anche merende e spuntini, che oltre a essere gustosi e sfiziosi devono mantenere quelle caratteristiche di qualità (con miele e carboidrati complessi, privi di zuccheri raffinati) così importanti per la salute.

alimentazione per la scuola

E così anche il tormentone della nonna “mangia il pesce che fa bene alla memoria” tornerebbe in auge dato che tra una lisca e l’atra questo simpatico natante è ricco dei famigerati Omega 3, simpatici acidi grassi polinsaturi che aiutano il corretto funzionamento dei neuroni e hanno un effetto notevole sull’integrità delle membrane delle fibre nervose. Dunque, è necessario far mangiare pesce più volte alla settimana ai ragazzi che stanno per rientrare tra i banchi di scuola, magari evitando di friggerlo per non creare l’effetto bolla al naso in previsione dei compiti pomeridiani.

Con buona pace degli abitanti dei mari, il pesce non è fortunatamente l’unico cibo che aiuta la memoria e facilita il lavoro intellettuale. Per potenziare le prestazioni mentali dei novelli alunni e di noi individui meramente esecutori in generale non serve quindi necessariametne sviluppare le branchie: tra gli altri alimenti consigliati ecco infatti i frutti di bosco quali ad esempio fragole, lamponi e mirtilli poiché contengono flavonoidi, antiossidanti che preservano la funzionalità cerebrale e migliorano la struttura dei vasi sanguigni.

Si distinguono poi nella categoria “cibi intelligenti” noci, anacardi, mandorle, cereali integrali e alimenti ricchi di vitamina B e acido folico, come ad esempio la carne, il formaggio e le verdure a foglia verde larga. Non bisogna dimenticare infine i cibi ricchi di ferro come i legumi e il tuorlo d’uovo, nonché quelli che contengono potassio come le banane, spinaci e piselli.

Tutti sui banchi… alimentari!

About The Author

Number of Entries : 50

Leave a Comment

Scroll to top