La ricetta della farinata di ceci

Condividi con i tuoi amici!
  • 204
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    204
    Shares

Gustosa e saporita, la farinata di ceci è un piatto tradizionale della cucina povera e si prepara solo con 3 ingredienti: farina di ceci, acqua e olio extra vergine d’oliva. E’ un piatto molto conosciuto e apprezzato che ben si presta a numerose varianti, a seconda dei gusti. L’ideale è cuocere la farinata nel forno a legna ma anche a casa, cotta nel forno tradizionale, il risultato può essere ottimo!

ricetta-farinata-di-ceci

Ingredienti: 
700 ml di acqua
250 gr di farina di ceci
Olio extra vergine d’oliva
Pepe
Sale

Preparazione:
In una ciotola mettete la farina e poi aggiungete a mano a mano l’acqua mescolando con attenzione con la frusta in modo che non si formino grumi. Una volta che il composto risulta omogeneo, va lasciato riposare; il tempo di riposo è variabile a seconda delle vostre possibilità, l’ideale sarebbe lasciarlo a riposo tutta notte ma in ogni caso non meno di 5 ore. Terminato il tempo di riposo va rimossa l’eventuale schiuma formatasi e il composto va aggiustato di sale e pepe.
Nel frattempo procuratevi una teglia capiente, cospargetela abbondantemente di olio extra vergine d’oliva e versateci il composto in modo che lo strato sia sottile. Si procede ora con la cottura. Il forno a legna, ideale per la cottura della farinata di ceci, raggiunge temperature molto elevate e permette la cottura della farinata in poco tempo. Nel forno tradizionale il discorso è un po’ diverso: per una cottura il più ottimale possibile è bene impostare il forno alla temperatura massima e far cuocere inizialmente la farinata sul fondo del forno per poi spostarla nel centro finchè la superficie non risulti ben dorata.
La cottura della farinata nel forno di casa può non essere sempre ottimale; se avete l’impressione che il composto resti troppo liquido, potreste provare a diminuire la quantità d’acqua nell’impasto e a ridurre di conseguenza anche la temperatura di cottura. Nella ricetta tradizionale, l’elevata temperatura di cottura è importante per garantire la buona riuscita della ricetta ma, in mancanza del forno a legna, molto dipende dalla tipologia di forno che avete a disposizione.
La ricetta tradizionale della farinata di ceci si può infine personalizzare, a seconda dei gusti, con del pepe nero, un po’ di rosmarino o eventualmente anche delle verdure.

Crema vegan alla mandorla per farcire il panettone

Condividi con i tuoi amici!
  • 30
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    30
    Shares

Durante le feste, nessuno può rinunciare ad una buona fetta di panettone! La ricetta che vi proponiamo oggi è di una crema molto particolare al sapore di mandorla, ideale per farcire il panettone e aggiungere un tocco speciale a questo dolce natalizio, già di per sè buonissimo.

crema-per-panettone

Ingredienti:
600 ml di latte di mandorle
60 gr di amido di mais
70 gr di mandorle pelate
120 gr di zucchero di canna

Preparazione:
La prima cosa da fare per preparare questa squisita crema alle mandorle, ideale per farcire e accompagnare il panettone, è frullare le mandorle, facendo attenzione che non restino dei pezzi troppo grossi. Le mandorle frullate vanno unite allo zucchero e all’amido di mais e il tutto va mescolato con cura. A questo punto il composto va versato in una pentola e lentamente, sempre mescolando, va aggiunto il latte di mandorle. Se si notano troppi grumi durante la cottura, è bene usare una frusta per mescolare. Quando la crema risulterà omogenea e inizierà ad addensarsi, andrà tolta dal fuoco e lasciata raffreddare. A questo punto si potrà usare per guarnire il panettone. Ideale per accompagnare ogni tipo di panettone, questa crema vegan, cremosa ma al contempo croccante grazie alla presenza delle mandorle frullate, è perfetta da abbinare al panettone vegan.

Zuppa di ceci e castagne

Condividi con i tuoi amici!
  • 13
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    13
    Shares

La zuppa di ceci e castagne è una ricetta calda e gustosa, perfetta da assaporare nelle fredde sere autunnali. Il suo sapore dolce e piacevole vi conquisterà il cuore.
Ecco cosa occorre per prepararla.

zuppa-di-castagne-e-ceci

Ingredienti per 4 persone
300 gr di ceci secchi
170 gr di castagne
1 spicchio d’aglio
4 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
150 gr di passata di pomodoro
Sale
Pepe
Rosmarino
Crostini di pane abbrustolito

Preparazione:
Prima di preparare la ricetta, bisogna tenere presente che i ceci secchi vanno messi in ammollo per tempo (12-24 ore); una volta pronti vanno scolati, lavati sotto acqua corrente e a questo punto si può procedere con la preparazione della ricetta. I ceci vanno messi in una pentola con abbondante acqua fredda, portati ad ebollizione e fatti cuocere secondo i tempi indicati sulla confezione. Intanto in una padella antiaderente va scaldato l’olio e vanno fatti soffriggere l’aglio e il rosmarino; va poi aggiunta la passata di pomodoro, il sale, il pepe e i ceci ormai cotti e il tutto va lasciato cuocere per qualche minuto, mescolando delicatamente di tanto in tanto. Dopo qualche minuto vanno aggiunte le castagne, precedentemente arrostite, e la zuppa va fatta bollire ancora per 20-30 minuti avendo cura di aggiungere, se necessario, qualche mestolo di acqua calda durante la cottura. Una volta pronta, la zuppa va servita ben calda assieme ai crostini di pane e condita poco prima di essere messa in tavola con un filo di olio extra vergine d’oliva a crudo.

Zuppa di funghi

Condividi con i tuoi amici!
  • 16
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    16
    Shares

Oggi vi presentiamo la ricetta di una zuppa molto saporita a cui gli amanti dei funghi non sapranno resistere! Noi abbiamo scelto di usare i funghi porcini ma, se preferite o vi va di variare, andranno benissimo anche i funghi misti!

zuppa-di-funghi-ricetta

Ingredienti
600 gr di funghi porcini
1 cipolla bianca
1 carota
1 gambo di sedano
500 gr di pane raffermo
Rosmarino
Bacche di ginepro
1 litro di brodo di carne
Olio extra vergine d’oliva
Sale
Peperoncino
1 spicchio di aglio

Preparazione
Le verdure vanno in primis lavate con cura, tritate e rosolate in un ampio tegame con abbondante olio extra vergine d’oliva. Vanno aggiunte anche le bacche di ginepro e quando tutto sarà ben rosolato, andranno uniti anche i funghi che nel frattempo saranno stati ripuliti con cura e tagliati a fettine. Quando anche i funghi saranno ben rosolati, il tutto va bagnato con mezzo bicchiere d’acqua, mescolato e lasciato evaporare. E’ giunto il momento di unire il brodo, condire con sale e peperoncino e far cuocere per mezz’ora circa. Mentre la zuppa cuoce, il pane va tagliato a fette sottili, insaporito sfregandoci sopra lo spicchio di aglio e una prima parte di esso va messo alla base delle ciotole in cui la zuppa sarà servita. Quando la zuppa è pronta, il primo strato di pane nelle ciotole va coperto con un mestolo di zuppa, va poi messo un secondo strato di pane e di nuovo coperto con un mestolo di zuppa. Il piatto è pronto: non resta che condirlo con un filo d’olio e servirlo ben caldo.

Salsa di soia… fai da te!

Condividi con i tuoi amici!
  • 15
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    15
    Shares

La salsa di soia, tipica della cucina orientale, è sempre più usata e apprezzata anche in Italia; capita infatti sempre più spesso di trovarla in tavola, da usare come condimento, oppure come ingredienti in tante ricette. Quella che vi presentiamo oggi è una ricetta per prepararla da sè, evitando così di comprare le salse di soia industriali. si tratta di una delle nostre versioni di salsa di soia preferite: la sua preparazione però è molto particolare e prevede una lavorazione lunga, per cui, se avete intenzione di prepararla, armatevi di pazienza. Ci vorrà del tempo… ma vedrete che ne varrà la pena!

salsa-soia-fai-da-te

Ingredienti:
500 gr di fagioli di soia
350 gr di farina integrale
200 gr di sale fino
4 litri di acqua

Preparazione
Per preparare questa ricetta si comincia dai fagioli di soia che, dopo essere stati cotti, andranno frullati fino ad ottenere una crema. A questa crema va poi aggiunta la farina integrale e il tutto va impastato con cura fino ad ottenere una specie di purea piuttosto solida di consistenza che andrà lavorata su un tagliere e, dopo averle dato una forma piuttosto allungata, andrà tagliata a fette. Le fette andranno disposte una sull’altra, alternate a tovaglioli inumiditi e la pila dovrà iniziare e terminare proprio con un tovagliolo inumidito. Il tutto va poi avvolto in una pellicola trasparente, adagiato su un vassoio foderato con carta da forno e lasciato riposare per una settimana almeno. Trascorso questo tempo, la pellicola va rimossa e le fette vanno disposte su una teglia con carta da forno e lasciate asciugare fino a che non avranno un colore marroncino e risulteranno asciutte. E’ il momento di procedere con la fermentazione in acqua; serve una pentola molto capiente in cui mettere l’acqua e il sale e dove inserire le fette di fagioli e farina. La pentola va poi coperta con la pellicola trasparente e il tutto va lasciato nuovamente a riposare, mescolando una volta al giorno. La fermentazione potrà dirsi conclusa quando tutte le fette si saranno disciolte. A questo punto il liquido va filtrato, imbottigliato e conservato in frigo; grazie al sale infatti, la nostra salsa di soia si conserverà bene e a lungo e sarà pronta per essere usata in ogni occasione.