Farro in crema di zucca e patate

Condividi con i tuoi amici!
  • 38
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    38
    Shares

Con l’arrivo del primo freddo, a chi non è venuta voglia di gustare qualcosa di caldo? Ecco la ricetta di un piatto saporito, gustoso, sano e facile da preparare che ha per protagonista la zucca.

ricetta-farro-zucca

Ingredienti (per 4 persone)
150 gr di farro perlato
1 fetta di zucca
1 patata
1 cipolla
Sale
Pepe
Prezzemolo
Olio extra vergine d’oliva

Preparazione
In una padella capiente va scaldato l’olio e poi va fatta dorare la cipolla tagliata sottile. Vanno poi unite la zucca e la patata tagliate a rondelle e, dopo averle fatte insaporire un po’, il tutto va coperto con acqua calda e fatto cuocere a fuoco lento per almeno 30 minuti, fino a che le verdure non risulteranno morbide. In questo arco di tempo si può procedere con la cottura del farro, secondo la ricetta di base riportata sulla confezione. Quando le verdure saranno pronte, vanno frullate fino ad ottenere una crema omogenea che andrà aggiunta al farro cotto. Il piatto ora va salato e pepato a piacere e insaporito con un filo di olio a crudo e un po’ di prezzemolo e poi servito.

Lasagne: due varianti vegetariane e una vegan!

Condividi con i tuoi amici!
  • 180
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    180
    Shares

Chi l’ha detto che le lasagne sono buone solo nella classica versione?
Esistono infatti numerose versione vegetariane davvero gustose, inedite e saporite, in grado di conquistare i palati di tutti, vegetariani e non!

Noi ve ne proponiamo tre versione, tutte da scoprire!

Lasagne alle erbe
Una ricetta saporita e… totalmente verde!

lasagna-vegetariana

Ingredienti

400 gr di pasta all’uovo
1 uovo
1 cucchiaio di farina
60gr di burro
1 dl di latte intero
1 mazzo di crescione
1 mazzo di borragine
1 mazzo di bieta a coste
3 porri
250gr di ricotta
120 gr di parmigiano reggiano
1 limone
1 pizzico di sale
1 pizzico di noce moscata

Procedimento
Per realizzare questa ricetta, si parte dalle erbette (crescione, borragine e foglie delle bietole: le coste vanno lasciate un attimo da parte) che vanno pulite, tagliate a listarelle e cotte in poca acqua bollente per qualche minuto. Terminata la cottura, vanno strizzate e tritate. Le coste vanno invece cotte per una ventina di minuti in acqua bollente e salata contenente il cucchiaio di farina e il succo di limone. I porri vanno invece tagliati a listarelle sottili e cotti in padella assieme al burro per 5 minuti circa e ad essi vanno poi aggiunte le coste cotte, un pizzico di sale e uno di noce moscata. Intanto ricotta, latte, uovo e parmigiano vanno frullati assieme e al composto vanno unite le erbe. La pasta per le lasagne va nel frattempo tagliata in sfoglie della misura della pirofila, la pirofila va imburrata e le sfoglie, scottate in acqua bollente, vanno poste all’interno alternando uno stato di pasta, uno di crema alle erbe e uno di coste e porri. Una vola pronte, le lasagne vanno cotte in forno a 180° per una ventina di minuti.

Lasagne con pomodori confit e zucchine
Una ricetta gustosa, fresca, ideale anche per la stagione estiva

lasagna-pomodori-zucchine

Ingredienti
4 sfoglie di pasta fresca per lasagne
200 gr di besciamelle
200 gr di mozzarella di bufala
8 zucchine
20/30 pomodorini
Basilico
Sale
Pepe
Origano
Olio extra vergine d’oliva
Zucchero

Procedimento
Per preparare questa ricetta si parte prima dalla cottura dei pomodorini confit che richiede un po’ di tempo; i pomodorini vanno lavati, tagliati a metà, disposti su una teglia foderata di carta da forno, cosparsi di zucchero, sale e origano e lasciati cuocere a 120° per 1h e mezza/ 2h.
Nel frattempo ci si può dedicare alla preparazione del resto: le zucchine vanno tagliate a listarelle sottilissimi, grigliate e poi lasciate a marinare per 20/30 minuti in un contenitore con olio e basilico. La mozzarella di bufala va tagliata a dadini e lasciate a scolare per 15 minuti circa con un peso sopra in modo che perda la gran parte del liquido.
Quando questi ingredienti saranno pronti, si può procedere con la preparazione effettiva delle lasagne. La pirofila va unta leggermente, va disposto un primo strato di pasta a cui farne seguire uno con zucchine, pomodori, mozzarella e basilico e continuare così. Lo strato finale va coperto con la bescaimella e guarnito con qualche pomodorino rimasto e il tutto va cotto in forno preriscaldato a 180° per una ventina di minuti circa.

Lasagne vegan con radicchio e noci
Infine una variante molto saporita perfetta anche per chi ha fatto una scelta alimentare vegana.

lasagne-radicchio-noci

Ingredienti per 4 porzioni
250 gr di lasagne secche di grano duro
450 gr di radicchio
1 cipolla
15/20  noci
Pistacchi
Dadi vegetale
Olio extra vergine d’oliva

Per la besciamella:
800ml di latte di soia
50gr di olio extra vergine d’oliva
50 gr di farina integrale
Un pizzico di sale
Un pizzico di noce moscata

Procedimento
Radicchio e cipolla, entrambi tagliati fini, vanno fatti stufare in una padella con l’olio d’oliva, acqua e dado.
Nel frattempo va preparata la besciamella che si ottiene facendo scaldare sulla fiamma una padella con l’olio, unendo la farina (lontano dalla fiamma) fino ad ottenere una pastella e aggiungendo il latte lentamente, mescolando con cura, dopo aver rimesso la padella sul fuoco. Il fuoco va spento non appena la basciamella inizia a bollire e va insaporita con un pizzico di sale e noce moscata. Il radicchio va aggiunto alla besciamella e, se ce ne fosse bisogno, allungato con un po’ di latte di soia ancora. Nel frattempo noci e pistacchi vanno tritati e, sul fondo di una pirofila, va messo un mestolo di crema al radicchio, un sottile strato di noci tritate e la pasta delle lasagne, procedendo in questo modo fino a quando si è riempita la pirofila. L’ultimo strato va spolverato con noci e pistacchi tritati. Le lasagne vanno informate in forno preriscaldato a 200° per una ventina di minuti circa e poi lasciate un po’ raffreddare prima di servirle in tavola.

Legumi: perché fanno bene al nostro organismo

Condividi con i tuoi amici!

Troppo spesso sottovalutati, i legumi sono molto importanti per il benessere del nostro organismo e, se inseriti in una dieta corretta e bilanciata, sono portatori di grandi benefici.
Appartenenti alla famiglia delle leguminose, i legumi sono semi commestibili molto ricchi a livello nutrizionale: forniscono al nostro organismo una buona dose di proteine e sali minerali.

legumi benefici e proprietà
I legumi possono essere consumati freschi, in scatola, surgelati o secchi: mantengono comunque le loro proprietà benefiche e il loro potere nutritivo.

Le tipologie di legumi presenti in natura sono numerose e ognuna di esse vanta peculiarità specifiche: i fagioli hanno un alto potere energetico, i ceci sono ottimi per chi necessita di ferro e calcio, le fave e le lenticchie sono ricche di sali minerali e i piselli fanno bene alla pressione sanguigna, solo per citarne alcuni tra i più noti.

Ma i benefici dei legumi non finiscono qui:
– sono ricchi di vitamine del gruppo B e di sali minerali (es.calcio, ferro, fosforo, potassio, magnesio)
– contengono vitamina C
– hanno grandi capacità antiossidanti
– hanno un forte potere energetico
– sono poveri di grassi
– contengono una grande quantità di fibre 
– aiutano a combattere la pigrizia intestinale

legumi fanno beneE’ bene sottolineare che i legumi da soli non sono sufficienti per soddisfare l’apporto proteico e nutrizionale di cui il nostro corpo necessita: per questo motivo è molto importante abbinarli sempre a cereali e verdure. Pasta e fagioli e riso e piselli, ad esempio, sono dei piatti unici completi e nutrienti oltre che sazianti: i legumi infatti contribuiscono a creare rapidamente un senso di sazietà e, sia per questo motivo che per il loro potere nutrizionale ed energetico, sono spesso consigliati anche nelle diete.

Spesso chi non è abituato a mangiare con regolarità i legumi, accusa un senso di gonfiore e flatulenza. Si tratta di una cosa normale che si attenua notevolmente quando il fisico si abitua a mangiare con costanza e regolarmente i legumi, tuttavia pare che aggiungere una foglia di salvia o di alloro durante la cottura aiuti ad attenuare questa problematica. In caso di legumi secchi, per ridurre la quantità di gas che si viene a creare nell’intestino, è importante anche rispettare i tempi di ammollo (12-24h): ammorbidendo per bene la cuticola si riducono i tempi di cottura e aumenta decisamente la digeribilità dei legumi. Ricordate però che l’acqua di ammollo non deve essere mai usata per la cottura dei legumi perché serve a pulire e a liberare il legume allo stato secco da alcune sostanze.

Qualche consiglio in cucina:
– Prima di cucinare i legumi, sciacquarli sempre sotto acqua corrente
– Cuocerli con attenzione, rispettando le tempistiche indicate
– Aggiungere il sale solo a fine cottura perché, durante la cottura, il sale indurisce l’involucro del seme