Ricetta vegana: Torta alle nocciole

Condividi con i tuoi amici!
  • 35
  •  
  • 1
  •  
  •  
    36
    Shares

Ingredienti scelti con cura e biologici, morbidezza e bontà sono le caratteristiche che meglio descrivono la torta vegana alle nocciole. Ecco la ricetta e tutte le indicazioni per prepararla!

torta-nocciole-vegan

Ingredienti:
250 gr di farina integrale
200 gr di zucchero di canna integrale
Mezzo bicchiere di latte di soia
150 gr di nocciole sgusciate
1 bustina di lievito per dolci
1 cucchiaio di olio extra vergine d’oliva
60 gr di olio di semi di girasole
6 cucchiai di fecola di patate
Scorza di limone
Zucchero a velo

Preparazione:
Per preparare la torta occorre innanzitutto tritare le nocciole e unirle, in una terrina capiente, allo zucchero, all’olio d’oliva e all’olio di semi di girasole. La farina va passata al setaccio a parte assieme al lievito e alla fecola di patate e poi questi ingredienti vanno aggiunti agli altri uniti precedentemente nella terrina, avendo cura di mescolare bene. Per ammorbidire il composto ed evitare la formazione di grumi, aggiungete il latte di soia e la scorza di limone. Oliate poi per bene una tortiera e versatevi all’interno il composto. Infornate in forno pre-riscaldato a 180° per 45 minuti circa; per accertarvi che la torta sia ben cotta, fate la prova dello stecchino di legno che dovrà risultare asciutto, altrimenti prolungate la cottura di una decina di minuti. Prima di servire la torta, lasciatela raffreddare e guarnitela con lo zucchero a velo e un po’ di nocciole sbriciolate.

Gazpacho: fresco, gustoso e saporito!

Condividi con i tuoi amici!
  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
    6
    Shares

In estate la voglia di mangiare cibi gustosi ma al contempo freschi e leggeri diventa una vera e propria necessità. Il Gazpacho è un piatto che risponde a questi requisiti e, con il suo sapore inconfondibile, riscuote sempre numerosissimi consensi!

Ingredienti
6 pomodori maturi
2 spicchi di aglio
1 cipolla bianca
Olio extra vergine d’oliva
Aceto di vino rosso
1 cetriolo
Mezzo peperone rosso
5 fette di pane
Sale

Preparazione
In una terrina capiente mettere il cetriolo tagliato a pezzetti, i pomodori puliti tagliati a cubetti e la cipolla e il peperone, anch’essi lavati con cura, sminuzzati. Prelevate e sminuzzate la mollica da due delle fette di pane, mettete anch’essa nella terrina e aggiungete l’aglio schiacciato. Mescolate il contenuto della terrina e aggiungete ora un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva, un cucchiaio di aceto di vino rosso, un pizzico di sale e mescolate. Dopo aver mescolato nuovamente il tutto per amalgamarlo al meglio, versate il contenuto della terrina nel frullatore e frullate finchè il composto non sarà diventato una crema morbida e omogenea. Dopo averne verificato il sapore e aver corretto eventualmente di sale, il Gazpacho va riposto in frigorifero e lasciato riposare per un paio di ore. Andrà servito bello fresco, accompagnato da fette di pane abbrustolite.. una vera delizia!

Bio Pasta Lori, la bontà della pasta biologica

Condividi con i tuoi amici!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

In Italia siamo dei veri e propri cultori della pasta, uno dei principali alimento alla base della dieta mediterranea! La amiamo in tutte le versioni, in tutte le forme, con tutti i condimenti e la amiamo ancora di più se è biologica.
Bio Pasta Lori, italiana al 100%, è pasta di semola di grano duro ottenuta attraverso una lenta macinatura, una lunga essiccazione ed una sapiente lavorazione artigianale. Il grano duro selezionato per preparare questa pasta è scelto con grande attenzione e coltivato in terreni con l’impiego di sistemi avanzati che garantiscono la totale assenza di sostanze chimiche di sintesi in ogni fase del processo produttivo.

La scelta di pasta è ampissima, per rispondere a tutti i gusti e alle esigenze! Si spazia dai classici spaghetti, passando per le penne rigate e le farfalle, senza dimenticare gli gnocchi sardi, i fusilli e i tortiglioni. E per gli amanti della pasta integrale? Non mancano certo gli spaghetti integrali! Buonissime anche le pastine, perfette anche per i bambini, come le stelline e seme di cicoria.
La varietà della pasta è ampia ma quel che accomuna ogni prodotto sono la qualità e la sicurezza, motivi per cui Noi di EcomarketBio abbiamo scelto di inserire la pasta Lori all’interno dell’offerta dei nostri prodotti. Made in Italy, qualità e coltivazione biologica senza l’utilizzo di pesticidi, sostanze chimiche e OGM sono infatti caratteristiche fondamentali dei prodotti che proponiamo.

Abbiamo provato la pasta Lori in prima persona e la consigliamo perchè è buona e perchè la coltivazione avviene nelle verdi colline della Murgia Pugliese, simbolo di qualità e bontà derivante da una tradizione nella produzione della semola di grano duro lunga una storia che dura da oltre cinquecento anni ed è un alimento sicuro perché proviene da una filiera interamente controllata e certificata.

spaghetti pasta Lori biologici
spaghetti pasta Lori biologici

Pasta Lori nasce nel 1995 ad Altamura in Puglia, nel Sud d’Italia, grazie all’abilità imprenditoriale della famiglia Loizzo, che con successo continua la trentennale tradizione di industriali molitori. L’azienda, oltre al pastificio, comprende due molini ad Altamura, che producono semola di grano duro indispensabile per ottenere pasta, della migliore qualità, dal tradizionale sapore mediterraneo e producono circa il 30% della produzione nazionale. La lavorazione della pasta avviene attraverso l’utilizzo di metodi e tecniche naturali.

La verifica della qualità e della sicurezza del prodotto oltre che dell’affidabilità e della professionalità dell’azienda è per Noi di EcomarketBio di fondamentale importanza. Ci impegniamo a portare sulla vostra tavola il gusto della buona cucina e lo facciamo con impegno e amore esattamente come se la tavola fosse nostra.

 

Muffin al lime e semi di papavero

Condividi con i tuoi amici!
  • 7
  •  
  •  
  •  
  •  
    7
    Shares

Hai mai assaggiato i muffin al lime e semi di papavero? Ecco una ricetta diversa dal solito, per rendere speciali e donare un tocco di originalità ai tradizionali muffin! 😉 Gli amanti della sperimentazione e dei gusti inediti non resteranno assolutamente delusi da questa buonissima novità! Ecco le indicazioni per realizzarla.

Ingredienti:
180 ml di olio di semi di girasole
230 gr di farina di farro
230 gr di zucchero di canna integrale
1 uovo
1 albume
160 ml di latte di soia
1 cucchiaino di lievito in polvere
Sale
Semi di papavero
1 lime

Preparazione (per 12 muffin)
Prima di iniziare a preparare i muffin, pre-riscalda il forno a 190° e inserisci nello stampo per muffin gli appositi pirottini di carta.
In una terrina capiente aggiungi alla farina, il lievito e il sale; mescola con cura e poi aggiungi anche lo zucchero. In una seconda terrina sbattere l’uovo, l’albume e l’olio di semi di girasole. A parte spremo il lime e  grattugiane la buccia: aggiungi in questa seconda terrina un cucchiaio del suo succo e un cucchiaio della sua scorza. Il contenuto delle due terrine va ora unito con delicatezza, vanno aggiunti i semi di papavero e il tutto va mescolato sommariamente perché dovrà restare grumoso. Il composto andrà quindi disposto nei pirottini, riempiendoli solo per 2/3 poiché, in fase di cottura, il composto lieviterà. Prima di infornare lo stampo, cospargi i muffin di semi di papavero e scorza grattugiata di lime. Il tempo di cottura è di circa 25/30 minuti, alla fine del quale i muffin risulteranno dorati e gonfi. Una volta sfornati a voi la scelta se servirli ancora caldi o lasciarli raffreddare.  🙂

Tiramisù… senza le uova!

Condividi con i tuoi amici!
  • 10
  •  
  •  
  •  
  •  
    10
    Shares

Più leggero della ricetta tradizionale e adatto a soddisfare le voglie delle donne in gravidanza che non possono mangiare uova crude, il tiramisù senza uova è facile e veloce da preparare ed è buonissimo!

ricetta-tiramisu-no-uova

Ingredienti:
Una confezione di biscotti simil Pavesini
500 gr di mascarpone
250 ml di latte parzialmente scremato
200 gr di zucchero di canna
Cacao amaro q.b.
Una tazza di caffè
200 ml di panna

Preparazione
Cominciamo la preparazione del tiramisù dalla crema di mascarpone, unendo il mascarpone allo zucchero e amalgamandoli bene con la frusta. In una seconda ciotola va invece montata la panna e, quando risulterà bella vaporosa, andrà unita delicatamente alla crema di mascarpone e ad essa incorporata. Lasciate la crema a riposare in frigo qualche minuto. Nel frattempo prendete una pirofila e copritene il fondo con i pavesini bagnati leggermente nel caffè, disposti vicini l’uno all’altro; i pavesini vanno ora ricoperti con uno strato di crema di mascarpone e poi, nuovamente, realizzate uno strato di pavesini imbevuti di caffè. Terminate con uno strato di crema e  lasciate il tiramisù in frigorifero per qualche ora. Prima di servirlo, date una bella spolverata di cacao amaro.