Frullato a colazione… e inizi la giornata con grinta

Condividi con i tuoi amici!
  • 11
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    11
    Shares

La colazione è un pasto fondamentale perchè permette di fare il pieno delle sostanze nutrienti che serviranno per affrontare la giornata con grinta e con la giusta vitalità. E’ molto importante non saltare mai la colazione ma è altrettanto importante scegliere gli alimenti giusti da gustare di mattina. A questo proposito i frullati si rivelano degli ottimi e gustosissimi alleati per fare il pieno di energia!

Dopo il riposo notturno, il corpo ha bisogno di riattivarsi e lo fa bruciando le calorie che gli forniamo con la colazione. Questo è il motivo principale che rende a la colazione davvero importante e insostituibile. Fare colazione permette al corpo di mettersi in moto e bruciare le calorie che gli serviranno per carburare. Una delle motivazioni più comuni di chi salta la colazione o, al contrario, ingurgita rapidamente quel che ha a portata di mano (di solito dolci molto calorici o merendine preconfezionate) è la mancanza di tempo. Quando la vita è frenetica e  si comincia a correre dalla mattina, la colazione è di solito la prima cosa che salta. A tutti sarà capitato saltuariamente di bere un caffè al volo o mangiare un biscotto, per riempire lo stomaco, mentre ci si infila la giacca. Può succedere, ma rendere queste azioni abituali non giova affatto alla salute. E’ bene ritagliarsi dieci minuti per fare colazione con calma, sedersi al tavolo e mangiare con tranquillità. I frullati rappresentano una soluzione ottimale per una colazione nutriente e corretta. Ricchi di vitamine e sali minerali, sono nutrienti, completi a livello alimentare e facili da preparare e in estate sono particolarmente amati per la freschezza, il potere dissetante e la leggerezza.
Vi proponiamo due ricette veloci, gustose e ideali da sfruttare quando si ha poco tempo a disposizione ma tanto bisogno di energie e vitalità.

Frullato di more e yogurt
Ricco di vitamine e sali minerali, questo frullato è un vero elisir benefico dal sapore ricco e gustoso. Per prepararlo occorrono:

10 more
1 yogurt bianco naturale
1 cucchiaino di miele
1 cucchiaino di semi di chia

Prepararlo è semplicissimo: occorre frullare le more e lo yogurt assieme finche non si ottiene una bevanda cremosa e omogenea. A questo punto basta unirvi il miele e il cucchiaino di semi di chia, mescolare con cura e gustare il frullato con calma, ritagliandovi 10 minuti di relax.

Frullato di pesca, fragola e latte di mandorle
Grazie all’apporto di vitamina C, potassio e fibre, con questo frullato si fa il pieno di energia!
Per prepararlo servono i seguenti ingredienti:

3 fragole
1 pesca
1 bicchiere di latte di mandorle
1 cucchiaio di miele
8 mandorle pelate

Procedete in questo modo: dopo aver pulito i frutti, metteteli nel frullatore assieme al latte di mandorle e alle mandorle, che avrete precedentemente tritato sottili. Quando la bevanda risulterà omogenea, non resta che addolcirla con il miele e gustarla, accompagnata da una fetta di pane integrale.

 

I benefici dell’ananas

Condividi con i tuoi amici!

L’ananas è uno dei frutti più amati dell’estate! Fresca, dolce, dal sapore gustoso e inconfondibile, è ottima da gustare quando fa caldo per il suo potere dissetante e rinfrescante ed è ricca di benefici! Infatti mangiare l’ananas fa molto bene all’organismo e giova al nostro corpo su più livelli.

Nutriente e ricca di vitamine
L’ananas vanta un mix di sostanze nutrienti, sali minerali e vitamine che la rendono un frutto davvero unico nel suo genere. Proprio per questo motivo mangiare ananas fa bene al nostro corpo, perchè rafforza il sistema immunitario, contribuisce a mantenere in salute cervello e sistema nervoso e facilita l’assorbimento dal calcio, rendendo così le ossa più forti. L’ananas inoltre è molto ricca di vitamine e in particolare di vitamina C, caratteristiche che la rendono un alimento da cui l’organismo può trarre numerosi benefici.

Favorisce la digestione e combatte la stipsi
Non tutti lo sanno ma l’ananas è un alimento che facilita la digestione e contribuisce a regolarizzare il transito intestinale. Il segreto è nascosto nelle fibre insolubili di cui è ricca e che, una volta giunte nell’intestino, agiscono come spugne, aiutando l’espulsione delle tossine dal corpo, favorendo il transito intestinale e combattendo la stitichezza. L’ananas inoltre è in grado anche di aiutare i processi di digestione e ridurre i sintomi di acidità.

Ideale per le diete
L’ananas è un frutto molto amato anche da chi è a dieta. Da un lato, con il suo sapore dolce, permette di appagare la voglia di cibi dolci, dall’altro, grazie alle sue caratteristiche, risulta particolarmente utile. Ricca di bromelina, l’ananas infatti stimola il metabolismo e contribuisce a bruciare i grassi. Grazie alla sua azione diuretica, è poi fortemente consigliata per combattere la ritenzione idrica e contrastare il senso di gonfiore.

Amica dei capelli e della pelle
Ricca di vitamina C, l’ananas aiuta a prevenire la perdita dei capelli, migliorandone addirittura la consistenza e rafforzandoli. Contribuisce anche ad alleviare gli stati infiammatori che spesso interessano il cuoio capelluto e che generano prurito, stress e che sono alla base di tante problematiche che indeboliscono il capello e ne causano poi la caduta. Anche la pelle trae infatti molto giovamento dall’ananas, sia a livello di epidermide che di cuoio capelluto. In caso di brufoli, acne e stati infiammatori della pelle, l’ananas fornisce un valido contributo. La bromelina di cui è ricca ha infatti un grande potere anti-infiammatorio e aiuta a lenire le infiammazioni. La vitamina C e gli aminoacidi assicurano invece una rapida riparazione dei tessuti danneggiati e delle zone irritate, garantendo anche un’ottima idratazione della pelle.

 

Vitamina D: dove trovarla

Condividi con i tuoi amici!

La vitamina D è una sostanza davvero importante per il nostro corpo. Può capitare però, per vari motivi legati ai diversi stili di vita, all’età, alle differenti abitudini e alle situazioni personali, che  l’organismo ne sia carente, con conseguenze anche gravi per la salute. Prima di disperarsi e ricorrere a supplementazioni esterne non concordate con il proprio medico, è bene ricordare però che la Vitamina D è presente in natura e in tanti alimenti che passano sulla nostra tavola.

L’importanza della vitamina D
La vitamina D, detta anche vitamina del sole, ha tra i suoi primari compiti quello di fissare il calcio nelle ossa e di favorirne anche l’assorbimento da parte di intestino e reni, facendo in modo che il calcio non venga espulso con l’urina. Solitamente il nostro organismo fa il pieno di questa vitamina con l’esposizione solare, garantendo in questo modo la sintesi del colecalciferolo, il principale precursore della Vitamina D. L’esposizione solare rappresenta la principale fonte di questa vitamina ed è il motivo per cui la stagione estiva è quella che più di tutte, grazie alle giornate più lunghe e al sole più forte, consente di accumulare questa sostanza in grandi quantità nell’organismo, così da poterla poi riutilizzare nel corso degli altri mesi dell’anno, decisamente meno soleggiati. Al giorno d’oggi però questo processo così naturale non sempre va a buon fine: complici gli attuali stili di vita che ci fanno trascorrere gran parte della giornata in un ufficio, l’età e le problematiche di alcune persone, che non consentono loro di esporsi al sole sufficientemente, il fabbisogno corporeo di Vitamina D spesso non viene soddisfatto in maniera esaustiva. Come fare allora, considerando che in alcuni periodi della vita, come l’infanzia, la gravidanza o l’allattamento, questo fabbisogno cresce ancora di più? Ricordandosi che l’esposizione solare non rappresenta l’unica soluzione per fare il pieno di Vitamina D.

Gli alimenti che contengono Vitamina D
Molto spesso la soluzione a tante problematiche passa proprio per la tavola. Conoscere quel che mangiamo e sceglierlo accuratamente sulla base dei nostri bisogni, può essere infatti davvero utile per l’organismo. In caso di carenza di vitamina D o di un periodo di particolare bisogno, la scelta dei giusti alimenti contribuisce a risolvere il problema.

Tenendo presente che il fabbisogno di Vitamina D varia da persona a persona, in relazione all’età, alle abitudini, alla salute e che un consulto con il proprio medico è di fondamentale importanza per verificare le dimensioni della carenza e concordare un’eventuale supplementazione (le conseguenze della mancanza di questa vitamina posso essere anche molto gravi) ecco i cibi più ricchi di Vitamina D da portare in tavola.

PESCE
Lo sgombro, il salmone, le aringhe, il merluzzo e le sardine sono tra i pesci più ricchi di vitamina D. Sono pesci grassi e il loro apporto di sostanze nutrienti e vitamine è ampio e vario. Questi pesci fanno molto bene all’organismo e sarebbe l’ideale che facessero parte della nostra alimentazione in modo abituale e costante.

OLIO DI FEGATO DI MERLUZZO
Si tratta di una vera e propria fonte di vitamina D. Le nonne ne raccomandavano un cucchiaio al giorno e non avevano tutti i torti, visti i grandi benefici di cui è ricco. Non apprezzato a causa del forte odore e del sapore, questo olio però è un vero elisir per la salute.

UOVA
Anche nella uova è presente la vitamina D, motivo per cui dovrebbero far parte della nostra alimentazione in modo costante, senza però esagerare. E’ sufficiente mangiarle 1/2 volte alla settimana.

VERDURA A FOGLIA VERDE
Nell’elenco non poteva certo mancare la verdura. Oltre all’ampio apporto di vitamine e sali minerali che le verdure a foglie verdi consentono di ottenere, esse sono anche una preziosa fonte di vitamina D.

Muffin al lime e semi di papavero

Condividi con i tuoi amici!

Hai mai assaggiato i muffin al lime e semi di papavero? Ecco una ricetta diversa dal solito, per rendere speciali e donare un tocco di originalità ai tradizionali muffin! 😉 Gli amanti della sperimentazione e dei gusti inediti non resteranno assolutamente delusi da questa buonissima novità! Ecco le indicazioni per realizzarla.

Ingredienti:
180 ml di olio di semi di girasole
230 gr di farina di farro
230 gr di zucchero di canna integrale
1 uovo
1 albume
160 ml di latte di soia
1 cucchiaino di lievito in polvere
Sale
Semi di papavero
1 lime

Preparazione (per 12 muffin)
Prima di iniziare a preparare i muffin, pre-riscalda il forno a 190° e inserisci nello stampo per muffin gli appositi pirottini di carta.
In una terrina capiente aggiungi alla farina, il lievito e il sale; mescola con cura e poi aggiungi anche lo zucchero. In una seconda terrina sbattere l’uovo, l’albume e l’olio di semi di girasole. A parte spremo il lime e  grattugiane la buccia: aggiungi in questa seconda terrina un cucchiaio del suo succo e un cucchiaio della sua scorza. Il contenuto delle due terrine va ora unito con delicatezza, vanno aggiunti i semi di papavero e il tutto va mescolato sommariamente perché dovrà restare grumoso. Il composto andrà quindi disposto nei pirottini, riempiendoli solo per 2/3 poiché, in fase di cottura, il composto lieviterà. Prima di infornare lo stampo, cospargi i muffin di semi di papavero e scorza grattugiata di lime. Il tempo di cottura è di circa 25/30 minuti, alla fine del quale i muffin risulteranno dorati e gonfi. Una volta sfornati a voi la scelta se servirli ancora caldi o lasciarli raffreddare.  🙂

I 5 cibi che proteggono dal sole

Condividi con i tuoi amici!

Per proteggersi al meglio dal sole le creme solari sono fondamentali ma un aiuto fondamentale viene anche dalla tavola. La scelta di alcuni cibi infatti può rappresentare un valido aiuto per proteggere il nostro corpo dal sole in modo ancora più efficace!

Ecco quali sono i cinque cibi che aiutano a proteggersi dal sole!

esposizione solare

 

1) Anguria
Fresca, dolce e assolutamente estiva, mangiare l’anguria è un vero e proprio piacere! Essendo ricca di acqua l’anguria contribuisce a mantenere l’idratazione corporea durante l’esposizione al sole e grazie al licopene, aiuta a prevenire le scottature solari. Ricordate che portare in spiaggia una bella fetta di anguria non basta, la crema solare giusta, in relazione al proprio fototipo è essenziale!

2) FragoleFragole
Ricche di vitamina C, di acqua e di fibre, le fragole sono un pieno di benefici per l’organismo e davvero gustoso. Tra le caratteristiche benefiche di questo frutto c’è anche quella di essere ricco di anti-ossidanti, utilissimi per il benessere della pelle e per contrastare l’azione dei radicali liberi, i principali responsabili dell’invecchiamento cutaneo.

3) Carote
Vi ricordate quando da piccoli vi dicevano di mangiare tante carote per preparare la pelle al sole? Ebbene sì, avevano ragione! Le carote infatti sono ricche di beta-carotene che, se assunto con costanza durante l’anno, aiuta la pelle a prepararsi all’esposizione solare.

4) Cetrioli
Ricchissimi di acqua e freschissimi, i cetrioli si mangiano davvero piacevolmente con il caldo e ci regalano preziosi benefici. Aiutano infatti a mantenere la pelle idratata, in modo da fronteggiare al meglio la naturale azione dei radicali liberi e sono ricchi di vitamine, acido folico e sali minerali, tutti importanti per proteggere la pelle dagli agenti esterni e dal sole.

albicocca-sole5) Albicocche
Le albicocche sono un frutto goloso e molto utile. Ricche di carotenoidi e di vitamine, contribuiscono a mantenere la pelle idratata ed elastica, anche sotto il sole, che rappresenta una situazione di stress a livello cutaneo.