Riciclo creativo: 6 idee per i vasetti di omogeneizzati!

Condividi con i tuoi amici!
  • 26
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    26
    Shares

Chi ha a che fare con bambini piccoli, sa bene quanti vasetti di omogeneizzati vengono usati ogni giorno. Invece che buttarli, perché non pensare di donare loro nuova vita e nuova utilità? Le possibilità sono davvero tante e molto carine: noi vi proponiamo 6 spunti, voi lasciate libero sfogo alla vostra fantasia!

1) Graziosi portacandele
I vasetti ben si prestano a diventare dei graziosi portacandele. In vista dell’estate, sono perfetti per decorare e abbellire giardini e balconi e sono personalizzabili secondo il vostro gusto, usando carta, spago, foglie ecc.

candele-vasetto

 

riciclo-barattoli

2) Lampade da soffitto
Chi ama le idee originali e creative sicuramente apprezzerà questo impiego inusuale e molto ad effetto dei vasetti di omogeneizzato

lampade-vasetti

3) Piccola serra!
Un altro modo intelligenti per dare nuova vita a questi piccoli barattoli di vetro è trasformarli in piccoli vasetti, riempirli di terra e piantarci le proprie piantine preferite, siano esse spezie o fiori.

vasetti-piantine

 

 

Riciclo-dei-barattoli-piantine

4) Bomboniere
Come risparmiare sulle bomboniere per il battesimo e proporre un’idea creativa? Usando i vasetti degli omogeneizzati! Le possibilità sono tante, così come le decorazioni! All’interno mettete i confetti che preferite e il gioco è fatto!

Immagine tratta da http://partymamma.net/
Immagine tratta da http://partymamma.net/

vasetti-bomboniera2

 

5) Comodi porta-spezie
Per avere le spezie sempre a disposizione e ben ordinate, perchè non usare i vasetti? Una soluzione originale, comoda e soprattutto funzionale!

portaspezie

6) Hobbystica e cucito
Chi si diletta con ago e filo o si dedica alla realizzazione di collane, orecchini e di creazioni fai da te, sa bene quanto sia complicato tenere in ordine perline, bottoni, fili, aghi, pietre ecc.
Anche in questo caso i vasetti di omogeneizzati rappresentano una soluzione comoda e utile per avere tutto il materiale in ordine e al contempo sotto mano.

vasetti-perline

vasetto-cucito2

vasetto-cucito

6 usi alternativi del dentifricio che non immaginate

Condividi con i tuoi amici!
  • 15
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    15
    Shares

Il dentifricio è un prodotto che tutti noi conosciamo bene e che usiamo ogni giorno.
Quel che invece è meno noto è che il dentifricio non serve solo per l’igiene orale. In un’ottica di riciclo e di recupero infatti, si possono usare le l per utilizzi alternativi davvero inaspettati. Prima di acquistare prodotti specifici e costosi, leggete dunque questo articolo e provate con il dentifricio!

dentifricio-usi-alternativi

1) Pulizia delle unghie
Le unghie appaiono rovinate, ingiallite e opache? Il rimedio è semplice! Con uno spazzolino da denti vecchio che non si utilizza più (e che dovrà essere ben lavato e disinfettato) strofiniamo delicatamente il dentifricio sulle unghie. Le unghie torneranno ad essere pulite e lucide e con un bel colorito sano!

2) Elimina i cattivi odori dalle mani
Quante volte in cucina capita di avere a che fare con aglio, cipolla e scalogno e che il loro odore molto forte resti impregnato sulle mani? La sensazione è davvero fastidiosa ma il dentifricio ci può aiutare! Basta metterne un po’ sulle dita, strofinare per qualche minuto e poi risciacquare: dell’odore non resterà più traccia!

3) Asciuga i foruncoli
Per bloccare sul nascere l’apparizione di un inestetico foruncolo, basta mettere un pochino di dentifricio sul brufolo e lasciare agire tutta la notte. La mattina seguente si potrà constatare come il foruncolo in questione si sarà decisamente asciugato.

dentifricio-toglie-macchie

4) Il dentifricio… utilissimo per le macchie!
Che si tratti di vestiti, tappeti, moquette o muri, il dentifricio di rivela un ottimo alleato per combattere le macchie, anche quelle più difficili. Per rimuovere le macchie dai vestiti basta applicare un po’ di dentifricio sulla macchia, strofinare e poi procedere con il consueto lavaggio. Per tappeti e moquette il dentifricio va applicato sul punto interessato, sfregato con energia con una spazzola e poi sciacquato mentre per le macchie sui muri il dentifricio va applicato sul punto interessato e strofinato con un panno umido. Un unico consiglio: evitate dentifrici dall’effetto sbiancante che potrebbero sbiancare in modo eccessivo la macchia.

 

5) Ideale per rimuovere la crosticina bruciata dal ferro da stiro
Chi utilizza con frequenza il ferro da stiro sa bene che, con il passare del tempo, la piastra genera una crosticina bruciata. Il dentifricio è molto utile per la sua rimozione: la silice contenuta nel dentifricio contrasta infatti in modo efficace la ruggine.


5) Utile per evitare che le lenti si appannino

Un consiglio per chi utilizza maschere da sub e occhialini per nuotare: per evitare che le lenti si appannino applicate un po’ di dentifricio sulle lenti, massaggiate molto delicatamente e risciacquate. Il risultato vi stupirà! Non effettuate però il trattamento troppo spesso e fate tesoro di questo consiglio solo per quel che riguarda le lenti delle maschere da sub e degli occhialini per la piscina.
come-disappannare-una-maschera-da-sub_513a0f0a09718468aa2458bc803622cb

Detersivi, per lavare i piatti, fai da te

Condividi con i tuoi amici!
  • 17
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    17
    Shares

Hai mai pensato di rinunciare ai detersivi tradizionali, pieni di sostanze chimiche e molto inquinanti per l’ambiente, a favore dei detersivi fai da te? Si tratta di un’alternativa ecologica e pratica che tutela l’ambiente e permette anche di risparmiare.

Come realizzare il tuo detersivo fai da te? Vi proponiamo tre ricette semplici da realizzare e naturali al 100%!

detersivo-piatti-fai-da-te

Detersivo con la cenere: per combattere lo sporco più ostinato
Sapevi che con la cenere puoi realizzare un detersivo fai da te molto efficace e totalmente green per liberare le pentole e le stoviglie da incrostazioni e sporco difficile? Basta procurarsi 200 gr di cenere di legna e 850 ml di acqua. La cenere va setacciata in una pentola e poi va aggiunta l’acqua; il tutto va lasciato a bollire per circa un’ora e mezza a fiamma bassa. Terminata la cottura, il composto va lasciato riposare per l’intera notte, va filtrato con un colino e la sostanza risultante, che si può conservare anche per un anno, è perfetta per pulire approfonditamente stoviglie e pentole.

Detersivo per piatti con bicarbonato: pulito e igiene
Il bicarbonato si presta benissimo a tantissimi usi, tra cui anche la realizzazione di un ottimo detersivo per i piatti. Grazie al suo potere disinfettante è perfetto per una pulizia approfondita di piatti e pentole. Se poi abbiniamo il bicarbonato a del sapone liquido green, l’effetto viene decisamente potenziato. Per realizzare questo detersivo servono 120 gr di bicarbonato, 120 ml di sapone liquido, 200 ml di acqua e qualche goccia del vostro olio essenziale preferito. Il tutto va unito assieme e agitato delicatamente e il detersivo è pronto.

detersivo-piatti-naturaleDetersivo con sale e limone: un lavaggio profumato
Profumato, fresco e naturale, questo detersivo si realizza con 2 limoni, 150 gr di sale e 300 ml di acqua. Per rendere l’effetto ancora ancor più efficace e sgrassante si possono aggiungere 100 ml di aceto bianco. Realizzare il detersivo è molto semplice: i limoni vanno spremuti e il loro succo va unito al sale e all’acqua creando un composto omogeneo e senza grumi. Va poi aggiunto l’aceto e il tutto va messo in un pentolino e fatto bollire per 20 minuti e il vostro detersivo per piatti 100% naturale è pronto da usare!

Halloween: 5 idee per costumi fai da te!

Condividi con i tuoi amici!

Manca poco ad Halloween: avete già deciso come vestirvi?
La scelta del costume più adatto per Halloween richiede grande inventiva e una buona dose di fantasia e impegna notevolmente le menti dei più grandi e dei piccini che, con il passare degli anni, si sono affezionati a questa festa anglosassone e si divertono a festeggiarla.
Per stupire gli amici e proporre dei costumi originali e sorprendenti, vi diamo anche noi qualche suggerimento in chiave green, proponendovi qualche spunto per realizzare da sé il proprio costume di Halloween, senza sprechi di denaro e nel rispetto dell’ambiente. Ogni costume è realizzabile sia nella versione per bambini che in quella per adulti ed è completamente personalizzabile secondo i propri gusti: il vantaggio di realizzare un costume con le proprie mani è infatti l’unicità del costume stesso! Via libera alla fantasia dunque, la notte delle streghe è vicina! Ecco le nostre idee fai-da-te per non farvi cogliere impreparati!

Tratto da www.mammesprint.it

1) Il pipistrello
Il pipistrello, assieme al gatto nero e al ragno, è uno degli animali-simbolo di Halloween.
Realizzare il costume è molto semplice: basta scegliere un abbigliamento total-black e dotarsi di grandi ali nere! Per realizzare le ali è sufficiente procurarsi un sacco nero per la spazzatura da aprire completamente. Calcolando che la lunghezza angolo superiore- centro del sacco corrisponda a quella di polso-schiena di chi indosserà il costume, il sacco va piegato in due e va disegnata un’ala. L’ala (che è doppia, saranno quindi 2) va ritagliata e aperta e fissata alla schiena e ai polsi con dello scotch bi-adesivo.

2) Lo zoombie
Grande classico di Halloween, lo zombie è semplicissimo da realizzare e totalmente personalizzabile! Seguendo la regola che, in caso di un’invasione zombie, ci si può tramutare in zombie in qualsiasi momento, potete decidere di vestirvi come vi va: in pigiama, sei siete stati morsi di mattina, vestiti da lavoro o in abito da sera. Solo che gli abiti scelti non dovranno essere puliti e ben stirati: via libera a macchie, buchi e brandelli! Completa il costume un trucco molto marcato con occhiaie e colorito malsano, capelli arruffati e soprattutto tanto tanto sangue che potete ricreare facilmente usando il colorante alimentare rosso!

zombie-costume-fia-da-te

3) Il giudice severo
Facile da realizzare e molto originale, il costume da giudice severo ben si adatta a quel he avete in casa. Indossate abiti bianchi o una tunica nera, raccogliete stretti i capelli e indossate la simpaticissima parrucca realizzata con le anime dei rotoli di carta igienica pinzati assieme. Darete subito l’impressione di essere un severo giudice francese, molto incline a dichiarare tutti… colpevoli!

costume.halloween-giudice-severo


4) Lo spaventapasseri

Uno spaventapasseri che prende vita e si aggira per le strade
camminando sulle sue gambe e perdendo fili di paglia… spaventoso, vero? Realizzare questo costume è molto semplice: occorre scegliere degli abiti vecchi e usurati e cucire una alcuni punti del costume degli ornamenti in rafia che ricordano paglia. Se ve la cavate abbastanza bene con ago e filo potete realizzare delle imbottiture di rafia e poi fare un piccolo piccolo buco da cui fare uscire dei fili, rendendo alla perfezione l’idea che lo spaventapasseri sia completamente fatto di paglia!

 

costume-spaventapasseri-fai-da-te-halloween

 

5) Il ragno
Simbolo di Halloween per eccellenza, il costume- ragno è divertente e di grande effetto. Anche in questo caso un abbigliamento total-black è d’obbligo, meglio ancora se corredato di cappello nero. Per realizzare le tante braccia del ragno servono due paia di collant neri da imbottire e dotare di guanto sull’estremità. Andranno poi cucite a eguale distanza sulla maglia nera e unite alla braccia mediante dei fili, in modo da poterle muovere tutte assieme! Effetto ragno assicurato!

 

Tratto da www.mestieredimamma.it