Cinque idee per riciclare i vecchi leggins

Condividi con i tuoi amici!
  • 14
  •  
  •  
  •  
  •  
    14
    Shares

I leggins sono un capo che difficilmente manca nell’armadio di una donna. Comodi, pratici e molto più resistenti dei collant, sono disponibili in vari tessuti e in diversi colori in modo da essere usati in tutte le stagioni e in ogni occasione. Quando però i leggins si usurano o rovinano, invece che buttarli, perchè non dare loro nuova vita trasformandoli in qualcosa di diverso ma altrettanto utile?

Ecco cinque idee creative per riciclare i vecchi leggins!

1) Panni per la polvere
In casa, quando c’è da fare le pulizie, i panni per la polvere sembrano non bastare mai! Munitevi di  forbici e tagliate i vostri vecchi leggins: rimpinguerete in questo modo la vostra fornitura di panni per la polvere!

leggins-panno-polvere

2) Manicotti per le braccia
Per dare al tuo look un tocco originale e glamour, puoi trasformare i tuoi vecchi leggins in comodi manicotti per le braccia. Basta tagliare la parte superiore e abbinarli all’abito che preferisci!

manicotti-leggins

 

3) Leggins… versione estiva!
Un’altra idea utile consiste nel tagliare le gambe dei leggins e realizzare dei comodi pantaloncini corti, funzionali e aderenti, da usare sia in casa che al mare. Colorati, scuri, con fantasie… ce n’è per tutti i gusti!

pantaloncini-corti-leggins

 

4) Accessori per capelli fai da te
Essendo piuttosto elasticizzati, i leggins ben si prestano a trasformarsi anche in elastici, fiocchi e fasce per capelli. Basta ritagliare dalle gambe strisce di diverso spessore e lunghezza, a seconda di quel che volete realizzare, e dare vita a tanti diversi accessori glamour! Lasciate libero sfogo alla vostra fantasia e personalizzate i vostri nuovi accessori per capelli a seconda dei vostri gusti e del vostro umore del momento!

fascia capelli leggins

5) Pantaloni per neonato
Se avete dei leggins comodi, elasticizzati e colorati che non usate più, potete trasfromarli in divertenti pantaloni per neonato. basta accorciarli e adattarli alla gambe del piccolo e il gioco è fatto. Costo zero e risultato bellissimo!

leggins-riciclo-bambino

Sprout: la matita ecologica… da piantare!

Condividi con i tuoi amici!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Può una matita trasformarsi in una pianta? Se si tratta di Sprout… sì!
Questa matita in legno di cedro, grafite e argilla vanta infatti una particolarità davvero speciale: al posto del classico gommino ha invece una capsula protettiva contente dei semi che, se piantati, danno vita ad una pianta di volta in volta diversa.

matita-ecologica.pianta-sprout

Dopo l’uso infatti, quando la matita diventa troppo piccola per essere temperata e impugnata, anzichè buttarla, va inserita in un sprout-piantinavasetto con terriccio, avendo cura di coprire bene la capsula e lasciare visibile il moncherino di matita come se fosse un’etichetta riconoscitiva (su ogni matita infatti c’è scritto il tipo di piantina che nascerà) e nel giro di pochi giorni la matita darà vita ad una piantina e si vedranno i primi germogli. La parola Sprout significa proprio germoglio e la matita è disponibile in tantissime varietà diverse di semi. Sprout è totalmente ecologica: è realizzata con legno certificato, torba e semi biologici e, al fine di favorire la germinazione, ogni matita contiene un minimo di 4 semi a seconda del tipo di pianta; inoltre non contiene materiali tossici (piombo incluso), rilascia un buon odore e scrive in modo scorrevole.

 

Far nascere la propria piantina è semplicissimo: servono solo un buon terriccio, sole, acqua e tanto amore! Una volta inserita nel terreno la capsula idrosolubile e biodegradabile, a contatto con l’acqua, si scioglierà e i semi potranno germogliare nel giro di qualche giorno dando vita a fiori, verdura, piante aromatiche o erba, a seconda del tipo di pianta che avrete scelto.

matita-ecologica-piantina-istruzione-sprout-ecomarket_4

Il progetto, davvero innovativo e anti-spreco, è nato dall’idea di un gruppo di studenti del Mit (Massachusetts Institute of Technology), una delle più importanti Università di ricerca del mondo, allo scopo di recuperare e dare nuova vita alle matite, quando diventano troppo piccole per essere utilizzate ancora. Grazie alla piattaforma di crowdfunding Kickstarter il progetto ha potuto essere finanziato e concretizzarsi, vincendo anche il premio di “Miglior prodotto Eco-frendly” del 2013.
La matita Sprout è oggi disponibile alla vendita e acquistabile anche su ecomarket.bio.

Acquistabili singolarmente o disponibili nelle confezioni da 3 o da 8 pezzi, le matite Sprout sono perfette come idea per un regalo sostenibile, originale e green al 100%. Amatissime da chi ha il pollice verde e da chi apprezza i regali sfiziosi e originali, le matite sono vendute in confezioni con indicazioni precise su come piantare la matita e prendersene cura.

sprout-matita-eco-verdura

Carnevale: 6 idee per costumi fai da te per grandi e piccini!

Condividi con i tuoi amici!
  • 10
  •  
  •  
  •  
  •  
    10
    Shares

Avete già pensato a cosa indossare a carnevale? In un’ottica di risparmio e di tutela dell’ambiente, perchè non pensare ad un costume fai da te, realizzato con materiale di recupero oppure utilizzando e reinterpretando abiti e oggetti che avete già in casa?

Basta un po’ di fantasia e qualche idea per realizzare costumi di ogni genere, davvero spassosi! Non serve necessariamente avere capacità particolari: chi sa cucire potrà dare vita a costumi un po’ più elaborati ma anche chi con ago e filo non ha proprio confidenza, saprà sicuramente adattare l’idea che preferisce alle proprie capacità!
Noi di Ecomarket abbiamo pensato a 6 proposte semplici da realizzare e divertenti, adattabili sia ai bambini che agli adulti: a voi la scelta!

1) Matite colorate

Un’idea molto carina, soprattutto da realizzare in gruppo, è quella di travestirsi da matite colorate. Ognuno sceglie un colore e si veste di quel colore (l’ideale sarebbe indossare collant o leggins e una tunica, entrambi del colore stabilito ma il costume è del tutto personalizzabile sulla base della propria fantasia). Per realizzare il copricapo bisogna procurarsi un cartoncino del colore scelto e dargli la forma di cono. Se volete personalizzarlo potrete incollare della carta colorata marrone subito sotto la punta, per rendere l’idea del legno.

costume-matite-colorate

 

2) I pod o mattoncino Lego?

Divertente e semplice da realizzare, questo costume ben si presta a numerose interpretazioni. Quel che serve è uno scatolone della misura giusta sul quale realizzare i buchi per le braccia, per la testa e il busto, da dipingere e decorare come se fosse un i pod. Se invece preferite dedicarvi alla realizzazione di costumi ispirati a giochi più tradizionali, cosa ne dite dei lego? Basta colorare lo scatolone del colore preferito e decorarlo con le anime dei rotoli di cartaigienica tagliati a metà e chiusi con un foglio di carta, per rendere al meglio l’idea degli incastri dei noti mattoncini.

i pod

lego

 

3) Ancora Lego!

Se invece i vostri idoli sono i personaggi Lego, perchè non realizzarli? Anche in questo caso servono cartone e tempere. Se poi è avanzato qualche pandoro o panettone da Natale e capodanno, la confezione, adeguatamente adattata, è perfetta per realizzare la testa!

personaggi-lego

4) Pippi Calzelunghe

Abiti simpatici e sgargianti, collant a righe colorate, lentiggini, l’immancabile scimmietta e soprattutto due belle trecce: ecco le caratteristiche che in un costume di Pippi Calzelunghe non possono proprio mancare! Un trucchetto per far stare le trecce belle dritte? Inserire al loro interno un filo di fil di ferro!

pippi-calzelunghe

 

5) L’uovo al tegamino: un’idea per chi è in gravidanza

Si tratta di un costume davvero simpatico e divertente, da realizzare usando un panno bianco piuttosto rigido o della gomma piuma su cui praticare un bel buco all’altezza del pancione. Poi basta indossare una maglietta gialla aderente sotto il panno e posizionare il pancione all’altezza del buco e il gioco è fatto!

costume-uovo-al-tegamino

 

6) Uva

Un altro costume simpatico e divertente da realizzare: occorrono solo tanti palloncini viola da attaccare sui vestiti e una bella foglia verde da tenere in testa!

costume-uva

Come pulire e far brillare il lavello della cucina in modo naturale

Condividi con i tuoi amici!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sarebbe bello che il lavello della cucina tornasse a brillare esattamente come il primo giorno in cui l’avete acquistato, vero? Ora invece si presenta opaco, pieno di aloni e di macchie difficili da trattare nonostante la pulizia accurata eseguita quotidianamente.

Ma se vi dicessimo che il lavello della cucina può davvero tornare a brillare come prima e che l’errore sta solo nell’approccio?
Esiste infatti un trattamento completamente naturale che, senza l’ausilio di prodotti chimici, permette di far tornare il lavello della cucina splendente e lucente esattamente come il primo giorno!

pulizia-naturale-lavello-cucina

Ecco cosa vi serve:

Bicarbonato di sodio;
un vecchio spazzolino da denti;
una spugna di nylon;
aceto di vino;
tovaglioli di carta o un vecchio straccio.

Se il vostro lavello ha bisogno prima di tutto di una pulizia approfondita che lo riporti all’antico splendore, procedete in questo modo. Per prima cosa il lavello va sciacquato e asciugato sommariamente; va poi cosparso di bicarbonato e, aiutandosi con la spazzolino da denti bagnato, va creata un sorta di pasta. A questo punto usate la spugna per sfregare la pasta sulla superficie più ampia del lavello mentre proseguite con lo spazzolino per le guarnizioni e le zone
più piccole. Terminato di sfregare, sciacquate il tutto e, se necessario, ripetete ancora una volta il processo. La pulizia profonda ed efficace del lavello è assicurata!

pulizia-lavello-cucina

Se quel che serve al vostro lavello è una bella lucidatura che lo renda splendete e luminoso, prendete i tovaglioli di carta (o lo straccio), immergeteli nell’aceto di vino e ricoprite l’interno del lavello. Dopo 20/30 minuti di posa rimuovete i tovaglioli, passate il tutto con una spugna bagnata e risciacquate con cura ogni parte del lavello e vedrete che splendore!

5 calendari dell’Avvento fai da te!

Condividi con i tuoi amici!
  •  
  •  
  • 231
  •  
  •  
    231
    Shares

Dicembre è cominciato e con lui è partito il fatidico countdown che ci separa dal Natale!
La tradizione, amatissima sia dai bambini quanto dagli adulti, vuole che in casa ci sia un calendario dell’Avvento dotato di una casellina da aprire ogni giorno, dall’1 al 24 dicembre, all’interno della quale si nasconde una sorpresina sempre diversa, in un crescendo d’attesa fino alla sorpresa finale da scoprire aprendo la finestrella del 24 dicembre.
C’è chi sceglie il classico calendario dell’avvento di cartone con all’interno un cioccolatino per ogni giorno e chi invece ogni anno si ingegna per regalare o avere a disposizione un calendario dell’avvento sempre diverso e originale.
E voi, avete già aperto la prima casellina del vostro calendario o siete tra gli ultimi ritardatari?
Noi di Ecomarket abbiamo pensato a coloro che, per un motivo o per l’altro, ancora si sono procurati un calendario dell’Avvento e che vorrebbero realizzare qualcosa di carino e veloce ma sono a corto di idee.
Proprio per voi abbiamo pensato a 5 proposte fai-da-te, facili e veloci da realizzare e tutte in rigorosa chiave green!

Rimboccatevi le maniche: dicembre è già iniziato!

 

calendario-avvento

1) Bicchieri di plastica colorati
Si tratta di un calendario dell’Avvento semplice da realizzare e di grande effetto.
Protagonisti sono i 24 bicchieri di plastica colorati, appesi ad un supporto (un ramo di legno è perfetto ma non è l’unica soluzione) e che contengono una sorpresina: a voi la scelta di cosa! Se avete una parete grande e vuota, questo calendario funge anche da perfetta decorazione natalizia per la casa e potrete scegliere di arricchirlo con qualche lucina o con delle palline colorate.

Schermata 2015-12-01 alle 11.37.43

 

2) Teglia per i muffin
Ecco una soluzione originale, divertente e semplicissima, per un calendario dell’avvento davvero innovativo!
Basta avere una o due (dipende dalla loro dimensione) teglie per i muffin in casa e del cartoncino colorato. Realizzarlo è davvero facile: basta ritagliare dei cerchi colorati, numerarli e incollarli con una punta di colla a caldo sulla teglia (in alternativa va bene anche il nastro bi-adesivo ma la colla a caldo è quella che poi si rimuove con più facilità) sopra il rispettivo scomparto, che ovviamente, dovrà contenere un piccolo regalino.

calendario-avvento-originale

 

3) Bustine di carta
Anche in questo caso, il materiale che vi serve è di facile reperibilità: sostanzialmente si tratta di bustine di carta, di un filo di spago e di mollette. Questo calendario dell’Avvento è interamente personalizzabile: potrete decidere voi se usare piccole mollette di legno o le mollette rosse, bianche e verdi del bucato oppure se scegliere buste colorate, con stampe e decorazioni a tema o quelle classiche marroncine.
Quel che conta è numerarle, metterci dentro un regalino e appendere al muro su un filo di spago: il risultato è assicurato!

calendario-avvento-bustine-di-carta

 

4) Scatole di fiammiferi
Avete a disposizione parecchie scatole di fiammiferi? Allora questo è il calendario dell’Avvento che fa al caso vostro!
Dovrete solo ricoprire le scatoline con carta colorata (vanno benissimo tutti quei piccoli rimasugli rimasti dalla realizzazione dei pacchetti regalo che sono troppo piccoli per essere riutilizzati), inserire all’interno della scatolina la sorpresa e comporre con i piccoli pacchetti un albero di Natale o la forma che più vi piace! Il rituale di aprire ogni giorno questo pacchettino in miniatura sarà davvero emozionante!

calendario-avvento-scatole-fiammiferi

5) Buste colorate
Se volete realizzare il calendario dell’avvento per una persona cara, un’idea carina è quella di usare delle buste colorate da appendere su un filo di spago, all’interno delle quali scrivere delle frasi felici o dei pensieri dolci.

Calendario-Avvento-Buste-colorate