Spezie scadute? Non le buttare!

spezie scadute
Condividi con i tuoi amici!
  • 38
  •  
  • 101
  •  
  •  
  •  
    139
    Shares

Spezie scadute, a chi non è mai capitato di trovare in dispensa confezioni datate? Capita infatti che una determinata spezia si acquisti per una circostanza o una ricetta particolare e che poi resti lì, inutilizzata, fino alla data di scadenza. In casi di questo tipo, non pensate subito alla spazzatura: le spezie infatti riservano ancora qualche sorpresa e degli usi alternativi, non alimentari, inaspettati!

spezie-scadute-usi

E’ bene sottolineare inoltre che il fatto che, nonostante una spezia abbia superato la data di scadenza indicata, non significa necessariamente che non sia più buona: nella maggior parte dei casi infatti significa soltanto che il suo potere aromatico non è più al 100%, ma non sussistono danni per la salute. Se invece la spezia, per odore o per colore, si discosta da come dovrebbe essere, al di là del fatto se abbia superato la data di scadenza o no, può non essere stata conservata bene e in quel caso allora è meglio buttarla nei rifiuti organici.

Ecco qualche spunto per riutilizzare le spezie scadute nelle nostre dispense, in linea con il motto… Non sprecare!

Spezie scadute usi alternativi

Profumatore per ambiente

Anche se la spezia non ha più l’aroma di un tempo, come profumatore per ambiente può svolgere il suo compito al meglio!
Se poi la si fa bollire prima, grazie al calore, la spezia ritrova parte dell’aroma. Per creare quindi un profumatore per ambiente personalizzato, basta far bollire in un pentolino dell’acqua e le proprie spezie preferite e posizionare poi il tutto in casa, dove meglio si crede.

Le spezie più profumate come ad esempio la salvia, l’origano e chiodi di garofano non hanno nemmeno bisogno di essere ravvivate in acqua bollente e si possono inserire direttamente in sacchettini di cotone da posizionare negli armadi o nei punti di casa che volete profumare. Grazie al loro aroma intenso, queste spezie si rivelano particolarmente utili anche per profumare e contrastare i cattivi odori della scarpiera.

Disegni e pitture

Alcune spezie, per loro stessa natura, sono ricche di pigmenti e hanno un potere colorante. I più creativi, approfittando di questa caratteristica, possono dedicarsi a quadretti, disegni e creazioni artistiche naturali, usando le spezie come coloranti. La curcuma, il curry, la lavanda e la ginestra, ad esempio, ben si prestano a questo scopo. Via libera alla creatività dunque!

Esfoliante per il corpo

Tutte le spezie con consistenza granulare possono trasformarsi in ottimi e profumati scrub. Si possono semplicemente aggiungere al sapone oppure si può creare uno scrub ad hoc unendo vari ingredienti, come ad esempio olio extra vergine d’oliva, la spezia o e spezie scelte e del sale fine, per un effetto esfoliante e al contempo idratante. Le combinazioni sono tantissime: a voi la scelta di spezie e ingredienti! Una volta creato lo scrub, non resta che passarlo delicatamente con movimenti circolari su cute detersa.

Deterrente per gli insetti

Se gli insetti non vi lasciano in pace o banchettano con le vostre piante preferite, le spezie scadute possono fornire la soluzione ideale. In particolare le spezie più piccanti come il pepe o il peperoncino, se disposte nel vaso, sul terriccio o nei punti d’ingresso da cui insetti e formiche accedono in casa, possono diventare un ottimo deterrente. C’è solo da tenere presente che, più vecchia è la spezia, più il suo potere piccante diventa debole.

Video ricette bio con ingredienti a base di spezie.

Conchiglie di grano saraceno con curcuma, tofu e peperoni.

Focaccine di Kamut alle spezie

Bulgur con zucca e porri.

Profuma la tua casa in modo naturale!

Condividi con i tuoi amici!
  • 12
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    12
    Shares

Sapevate che esistono tantissimi modi per profumare la propria casa in modo naturale, senza dover per forza ricorrere a spray chimici o a deodoranti per ambiente industriali e artificiali? Per donare alle stanze di casa un fresco profumo infatti, basta davvero poco… a volte basta anche soltanto un mazzo di fiori appena colto o dei mazzetti di fiori secchi, come la lavanda! Ecco qualche spunto profumato… a cui ispirarsi!

profumazioni naturali casa

Oli essenziali
Un modo semplicissimo per profumare casa consiste nell’utilizzare gli oli essenziali. Disponibili in tantissime varianti, sono un prodotto davvero versatile. Se ne può mettere qualche goccia nel potpourri o nel diffusore di casa, oppure su dei fazzolettini da posizionare negli armadi. Gli oli essenziali ben si prestano anche ad essere abbinati tra loro per dare vita a profumi e accostamenti inediti.


Acqua profumata

Un’altra soluzione per profumare casa consiste nel creare da sè una bottiglietta di acqua profumata, da nebulizzare all’occorrenza, evitando così l’uso di deodoranti spray, chimici e dannosi per l’ambiente. Realizzare un acqua profumata è molto semplice: basta procurarsi uno spruzzino o un contenitore a spray, riempirlo di acqua e diluirci all’interno qualche goccia dei vostri oli essenziali preferiti (mixando a piacere tra le varie fragranze) ed anche, se l’idea vi piace, spezie e petali di fiori. In caso di uso di petali e spezie l’acqua va prima lasciata a riposo qualche ora, in modo che si profumi bene, poi va diluita e a questo punto messa nello spruzzino e nebulizzata.

spray-acqua-profumata

Cannella
Un’altro metodo, perfetto se vi piacciono le profumazioni speziate e amate le candele, consiste nel contornare tutte le candele di casa con abbondante cannella, in modo che, accendendole assieme, si possa diffondere un buonissimo profumo per la casa.

Candele profumate bio
Chi preferisce non avere a che fare con intrugli, può usare semplicemente delle candele profumate. Attenzione però: in commercio ne esistono tante tipologie diverse, con tante profumazioni; è imporatnte sceglierle bio ed ecologiche, per profumare la vostra casa con la fragranza che più vi piace, in tutta sicurezza.


La menta

Con il suo profumo fresco e rilassante, la menta è perfetta per profumare casa! Basta raccogliere le foglie e posizionarle in casa, in una ciotola. Se vi sentite creative, potete anche realizzare un bel centro-tavola a base di menta, per avere una cucina adorna e al contempo profumata.

Questi sono solo alcuni esempi di come profumare casa in modo naturale. Lasciate libero sfogo alla fantasia e vedrete che ne troverete tanti altri, in relazione anche alla stagione, ai vostri gusti e a quello che più vi piace.
menta-profumo-casa

Come dare nuova vita ai vecchi oggetti della cucina

Condividi con i tuoi amici!

Le cucine di ognuno di noi sono piene di tantissimi oggetti che però non sempre usiamo. Quando, a causa dell’usura, del non utilizzo o dell’acquisto di qualcosa di nuovo, arriva il momento di buttarli, perché non cambiare prospettiva e pensare al riciclo creativo? Dare nuova vita a tutti questi oggetti è un modo divertente, green e utile per evitare gli sprechi e far tornare a nuova vita gli oggetti, dando loro nuovo senso e una nuova funzione.
Le creazioni che si possono fare sono tantissime, originali e divertenti e permettono di arredare casa con stile e a costo zero!
Ecco qualche idea da copiare!

1) Le posate
Le posate sono davvero versatili e fonte di tantissimi spunti diversi! Si possono trasformare in ganci per la cucina, in elementi decorativi per cornici, lampadari e orologi, porta candele o appendini per grembiuli e stracci! Le creazioni da realizzare sono tantissime, avete solo l’imbarazzo delle scelta!

come-creare-un-lampadario-con-vecchie-posate_2f29f0442171e87fcb9aeae68f37d75e

posate2

Appendini

2) Tazzine del caffè
Quante volte capita che, dopo anni di onorato servizio, le tazzine da caffè dei vari servizi si rompano e restino poche tazze per tipo, tutte diverse e spaiate? O che qualche tazzina si sbecchi e non possa essere più usata? In tutte queste situazioni non buttate le tazzine, date loro nuova vita con il riciclo creativo! Anche in questo caso le possibilità sono davvero tante: le tazzine possono diventare graziosi vasetti, possono trasformarsi in porta-candele, decorare lampadari o trasformarsi in appendini originali e divertenti!

come-riciclare-le-tazzine-da-te_208532a296115ec929b639804b3b599b

come-fare-un-appendi-oggetti-da-riciclo_722e7b748c556b0e33ce02064bb9f745

 

3) Fruste per la cucina
Le fruste in cucina non mancano mai! Quando però si rovinano e perdono forma, perché buttarle? Usatele per la vostra casa, darete vita ad una scenografia davvero suggestiva!

T110_E-frusta-da-cucina-e1424335041249

AD-DIY-Repurpose-Old-Kitchen-Stuff-08

4) Mattarelli da cucina
Anche i vecchi mattarelli possono tornare a nuova vita! Trasformati in ganci per vestiti e giacche, daranno alla vostra casa un tocco originale e inedito!

mattarelli

5) Grattugia per il formaggio
Quante cose si possono fare con la grattugia! Lampade, porta matite e porta orecchini sono solo alcune delle tante possibilità!

come-riutilizzare-una-grattugia_1d7d1935aaaf84e304c93ab7c8f8b614
gratt6) Caffettiera
E con a vecchia caffettiera che non funziona più bene che fare? Perchè non trasformarla in un’originalissimo vasetto?

Fai-da-te-vasi-di-riciclo-creativo_o_su_horizontal_fixed

 

Pulire cuscini e materassi con il bicarbonato di sodio

Condividi con i tuoi amici!
  • 21
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    21
    Shares

Il bicarbonato di sodio è un alleato prezioso in casa: le sue funzioni sono tante e diverse e in numerosi casi si rivela davvero utile. Il bicarbonato è molto utile ed efficace anche per la pulizia e l’igienizzazione dei materassi e dei cuscini; si tratta di una soluzione comoda e low cost che, una volta scoperta, non potrete più abbandonare! Questo metodo è perfetto anche per la pulizia dei tappeti.

materasso-bicarbonato

Per procedere con la pulizia e la disinfezione di cuscini e materassi dovete procurarvi: 

Aspirapolvere
Un panno pulito
Bicarbonato di sodio
Una spazzola

pulizia-materasso-bicarbonatoCome fare?
Per prima cosa vanno rimossi dal materasso e dai cuscini eventuali pelucchi con la spazzola; materasso e cuscini vanno poi cosparsi in modo omogeneo con il bicarbonato di sodio e il tutto va lasciato agire per un’oretta. Il bicarbonato va poi rimosso con la spazzola e il tutto va passato con un panno pulito e asciutto. A questo punto non resta che rimuovere eventuali residui di bicarbonato con l’aspirapolvere e il gioco è fatto. Grazie a questo semplice gesto i materassi, i cuscini e i tappeti risulteranno ben puliti e igienizzati senza sprechi di tempo e di soldi. Il trattamento può essere ripetuto a cadenza mensile, bimestrale o in occasione dei cambi di stagione.

6 usi alternativi del dentifricio che non immaginate

Condividi con i tuoi amici!
  • 15
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    15
    Shares

Il dentifricio è un prodotto che tutti noi conosciamo bene e che usiamo ogni giorno.
Quel che invece è meno noto è che il dentifricio non serve solo per l’igiene orale. In un’ottica di riciclo e di recupero infatti, si possono usare le l per utilizzi alternativi davvero inaspettati. Prima di acquistare prodotti specifici e costosi, leggete dunque questo articolo e provate con il dentifricio!

dentifricio-usi-alternativi

1) Pulizia delle unghie
Le unghie appaiono rovinate, ingiallite e opache? Il rimedio è semplice! Con uno spazzolino da denti vecchio che non si utilizza più (e che dovrà essere ben lavato e disinfettato) strofiniamo delicatamente il dentifricio sulle unghie. Le unghie torneranno ad essere pulite e lucide e con un bel colorito sano!

2) Elimina i cattivi odori dalle mani
Quante volte in cucina capita di avere a che fare con aglio, cipolla e scalogno e che il loro odore molto forte resti impregnato sulle mani? La sensazione è davvero fastidiosa ma il dentifricio ci può aiutare! Basta metterne un po’ sulle dita, strofinare per qualche minuto e poi risciacquare: dell’odore non resterà più traccia!

3) Asciuga i foruncoli
Per bloccare sul nascere l’apparizione di un inestetico foruncolo, basta mettere un pochino di dentifricio sul brufolo e lasciare agire tutta la notte. La mattina seguente si potrà constatare come il foruncolo in questione si sarà decisamente asciugato.

dentifricio-toglie-macchie

4) Il dentifricio… utilissimo per le macchie!
Che si tratti di vestiti, tappeti, moquette o muri, il dentifricio di rivela un ottimo alleato per combattere le macchie, anche quelle più difficili. Per rimuovere le macchie dai vestiti basta applicare un po’ di dentifricio sulla macchia, strofinare e poi procedere con il consueto lavaggio. Per tappeti e moquette il dentifricio va applicato sul punto interessato, sfregato con energia con una spazzola e poi sciacquato mentre per le macchie sui muri il dentifricio va applicato sul punto interessato e strofinato con un panno umido. Un unico consiglio: evitate dentifrici dall’effetto sbiancante che potrebbero sbiancare in modo eccessivo la macchia.

 

5) Ideale per rimuovere la crosticina bruciata dal ferro da stiro
Chi utilizza con frequenza il ferro da stiro sa bene che, con il passare del tempo, la piastra genera una crosticina bruciata. Il dentifricio è molto utile per la sua rimozione: la silice contenuta nel dentifricio contrasta infatti in modo efficace la ruggine.


5) Utile per evitare che le lenti si appannino

Un consiglio per chi utilizza maschere da sub e occhialini per nuotare: per evitare che le lenti si appannino applicate un po’ di dentifricio sulle lenti, massaggiate molto delicatamente e risciacquate. Il risultato vi stupirà! Non effettuate però il trattamento troppo spesso e fate tesoro di questo consiglio solo per quel che riguarda le lenti delle maschere da sub e degli occhialini per la piscina.
come-disappannare-una-maschera-da-sub_513a0f0a09718468aa2458bc803622cb