Nutella Vegana, la video ricetta golosa bio.

nutella vegana senza latte
Condividi con i tuoi amici!

Golosa crema spalmabile vegana al cioccolato e nocciole. Di imitazioni ce ne sono tante, ma questa nutella vegana , senza latte, è davvero la più gustosa. È facile da fare e veloce da preparare è pronta in soli 12 minuti!

nutella vegana senza latte

Prova anche tu la nuova video ricetta Nutella Vegana, e non perdere le altre ricette nel nostro canale  video ricette bio.
Anche tu puoi essere Masterchef  preparando questa ricetta,  è semplice e super golosa, in famiglia è un successo assicurato.

La nutella vegana è ideale per la merenda dei bambini e di tutta la famiglia, è ideale spalmata sul pane o sulle fette biscottate integrali oppure per guarnire le torte, le crostate, per farcire ottime crepes  (le famose crepes calde a base di Nutella). Non lo diciamo a nessuno ma è buonissima mangiata, così, in assoluto, al cucchiaio 😉
Solo la tua fantasia è un limite, attenzione provoca dipendenza 🙂

Perché ha tanto successo la Nutella?
È singolare la storia di successo di questo prodotto, ideata per rimediare alla scarsità di cacao dopo la Seconda Guerra Mondiale da un pasticcere piemontese, di nome Pietro Ferrero.
Aveva la forma di un panetto noto con il nome “Giandujot“,  correva l’anno 1946 quando viene fondata  la ditta Ferrero.

Nel 1951 venne commercializzata come crema spalmabile,  chiamata SuperCrema. Solo infine nel 1964, grazie all’estro del figlio Michele Ferrero, il prodotto assume un packaging innovativo in vasetto e il nome conosciuto oggi in tutto il mondo: la Nutella. Un successo senza confine.

Vale la pena di ricordare che è un prodotto ipercalorico del quale sarebbe buona norma fare un uso sporadico e non continuativo e quindi lecito solo concederci dei piccoli vizi senza abusarne ed in generale farne un uso consapevole anche per l’alimentazione di tutta la famiglia.

Un ultimo consiglio, la Nuts & bio original di Probios è già pronta con nocciole italiane coltivate nella regione Lazio, non è adatta ai vegani ma come dice un nostro cliente: “È uno dei migliori tentativi di sostituire la nutella!!“.
Evviva la nutella vegana.

Quanto è buona la pizza ancor più se bio!

Condividi con i tuoi amici!

La pizza è uno dei piatti più amati dagli italiani e uno dei piatti della tradizione italiana più noti all’estero. Amatissima da grandi e piccini, la pizza incontra i gusti di tutti anche perchè può essere farcita in tantissimi modi diversi. Ma vi siete mai chiesti se la pizza che mangiate è biologica?

pizza-bio-4

Cos’è la pizza biologica?
La pizza biologica è una pizza preparata prestando molto attenzione agli ingredienti.
Gli ingredienti che stanno alla base della pizza sono molto semplici. L’impasto infatti si prepara con acqua, farina, lievito e olio extra vergine d’oliva mentre per il condimento di base, della classica pizza Margherita, ci vogliono pomodoro, mozzarella e basilico: dalla scelta della qualità di questi ingredienti dipende già gran parte della bontà della pizza. La pizza biologica viene preparata selezionando con cura la provenienza e la qualità di ogni ingrediente impiegato: agricoltura bio, chilometro zero, allevamenti scelti e selezionati che non sfruttino gli animali e coltivazioni che non impieghino pesticidi e prodotti chimici sono solo alcune delle tante caratteristiche che certifichino la qualità dei prodotti scelti.
Ecco qualche esempio:

ingredienti-pizza

La farina proveniente da agricoltura biologica è macinata con metodi naturali e non viene trattata: questo ne garantisce un gusto molto più genuino e intenso, una qualità senza pari e il mantenimento di tutti i valori nutrizionali. Vale lo stesso per le verdure: quelle coltivate secondo natura e secondo i cicli stagionali, senza lo sfruttamento intensivo del terreno e l’impiego di pesticidi chimici e sostanze che incrementino la produzione, sono più sane e più buone. L’olio extra vergine d’Oliva da usare sarà quello ottenuto tramite sola spremitura di olive biologiche, estratto a freddo e ottenuto esclusivamente mediante procedimenti meccanici. Lo stesso ragionamento si può fare anche per tutti gli altri ingredienti, che pertanto andranno scelti e selezionati con cura, valutando con attenzione quanto dichiarato dal produttore.


Le alternative alla pizza tradizionale

Se è vero che la pizza è amatissima da tutti, è altrettanto vero che negli ultimi anni piacciono sempre di più anche nuove tipologie di pizze, pizza-bio
che si differenziano da quella della
tradizione soprattutto per quel che riguarda le farine. Sempre più apprezzate sono ad esempio le pizze a base di farina integrale, farina di riso, di farro, ma anche di kamut, di grano duro e di grano saraceno. Spesso viene prediletto l’impasto della pizza realizzato con farine di questo tipo perchè più leggero e digeribile e più adatto anche in caso di allergie e intolleranza.

Pizze biologiche vegetariane e vegane
Negli ultimi anni sono sempre più diffuse anche proposte vegetariane e vegane, pensate per chi ha scelto uno stile di vita di questo tipo e per chi ha voglia di provare nuovi sapori e scoprire la pizza in vesti sempre nuove. Le verdure sono in primo piano per quel che riguarda la pizza vegetariana biologica e lo stesso vale anche per i formaggi, Dop e selezionati con cura. Le pizze vegane invece spesso sono farcite con il tofu al posto della mozzarella e, grazie a ingredienti inediti mischiati con fantasia, propongono gusti e accostamenti di sapore originali e interessanti.

Lo zenzero: un prezioso alleato per il nostro benessere

Condividi con i tuoi amici!
  • 54
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    54
    Shares

Da sempre noto e molto usato in Oriente lo zenzero, pianta erbacea di origine orientale, sta sempre più conquistando consensi anche da noi grazie ai suoi mille usi e ai tanti benefici che questa pianta ci può regalare. Oltre alle innumerevoli proprietà benefiche per la salute, contribuiscono a renderlo noto e sempre più amato, anche il suo sapore inedito e il gusto piacevole che lo rendono un gustoso alleato anche in cucina.

zenzero-benefici

1) Amico dell’apparato gastro-intestinale
Lo zenzero, grazie alle sue proprietà calmanti e rilassanti, si rivela un prezioso alleato nel combattere i dolori allo stomaco e all’intestino; rilassando i muscoli gastro-intestinali infatti aiuta a prevenire la formazione di aria e a ridurre il gonfiore. In caso di nausea, lo zenzero si rivela molto utile, aiutando a calmare il fastidio e dopo un pasto particolarmente pesante, masticare un pezzettino di zenzero, facilita la digestione.

2) Lo zenzero depura!
Le tisane allo zenzero, oltre ad essere davvero buone e gradevoli di sapore (lo zenzero si sposa alla perfezione con un po’ di succo di limone e un cucchiaino di miele) favoriscono i processi digestivi e aiutano a depurare l’organismo dalle scorie, donando un senso di leggerezza.

3) Combatte i malanni stagionali
Raffreddore e mal di gola sono malanni comuni ma piuttosto fastidiosi che ci colgono di sorpresa non solo in autunno e in inverno ma anche in primavera, quando gli sbalzi di temperatura sono all’ordine del giorno e la voglia di alleggerire l’abbigliamento è tanta. In caso di raffreddore lo zenzero è molto utile e può essere consumato sia fresco che nella forma di infusi, a seconda di quel che si preferisce. Anche in caso di mal di gola lo zenzero si rivela un prezioso amico: basta masticarne un pezzetto non appena la gola inizia a pizzicare e le proprietà calmanti e rilassanti contribuiranno in maniera efficace ad attenuare l’infiammazione in corso.

zenzero-alleato-salute4) Allevia i dolori mestruali, muscolari alle articolazioni
Lo zenzero in Oriente viene considerato un anti-dolorifico e anti-infiammatorio naturale e come tale viene usato per risolvere ed alleviare alcune problematiche. Perfetto come infuso, lo zenzero contribuisce a rendere meno intensi i dolori di vario tipo come quelli mestruali, muscolari e quelli alle articolazioni. In Giappone viene spesso usato a livello topico per combattere i dolori e le contrazioni muscolari, riscaldando la radice con il vapore, inserendola in un panno di cotone e mettendola a diretto contatto con la zona da trattare.

5) Un rimedio contro il mal di testa
Anche in caso di mal di testa, grazie alle sue proprietà calmanti e anti-dolorifiche, lo zenzero si rivela efficace: soprattutto in casa di emicrania, il consiglio è quello di bere un infuso caldo e coricarsi, i miglioramenti saranno rapidi.

6) Buonissimo in cucina
Infine lo zenzero è molto apprezzato anche in cucina. Grazie alla sua versatilità può essere usato in diversi modi: insalate, dolci e salse sono solo un esempio! Ottimo come infuso, può essere usato anche in aggiunta al tè verde e rappresenta un ingrediente ideale per realizzare oli da condimento e centrifughe. In cucina è sempre meglio usare zenzero fresco.

 

La ricetta della farinata di ceci

Condividi con i tuoi amici!
  • 204
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    204
    Shares

Gustosa e saporita, la farinata di ceci è un piatto tradizionale della cucina povera e si prepara solo con 3 ingredienti: farina di ceci, acqua e olio extra vergine d’oliva. E’ un piatto molto conosciuto e apprezzato che ben si presta a numerose varianti, a seconda dei gusti. L’ideale è cuocere la farinata nel forno a legna ma anche a casa, cotta nel forno tradizionale, il risultato può essere ottimo!

ricetta-farinata-di-ceci

Ingredienti: 
700 ml di acqua
250 gr di farina di ceci
Olio extra vergine d’oliva
Pepe
Sale

Preparazione:
In una ciotola mettete la farina e poi aggiungete a mano a mano l’acqua mescolando con attenzione con la frusta in modo che non si formino grumi. Una volta che il composto risulta omogeneo, va lasciato riposare; il tempo di riposo è variabile a seconda delle vostre possibilità, l’ideale sarebbe lasciarlo a riposo tutta notte ma in ogni caso non meno di 5 ore. Terminato il tempo di riposo va rimossa l’eventuale schiuma formatasi e il composto va aggiustato di sale e pepe.
Nel frattempo procuratevi una teglia capiente, cospargetela abbondantemente di olio extra vergine d’oliva e versateci il composto in modo che lo strato sia sottile. Si procede ora con la cottura. Il forno a legna, ideale per la cottura della farinata di ceci, raggiunge temperature molto elevate e permette la cottura della farinata in poco tempo. Nel forno tradizionale il discorso è un po’ diverso: per una cottura il più ottimale possibile è bene impostare il forno alla temperatura massima e far cuocere inizialmente la farinata sul fondo del forno per poi spostarla nel centro finchè la superficie non risulti ben dorata.
La cottura della farinata nel forno di casa può non essere sempre ottimale; se avete l’impressione che il composto resti troppo liquido, potreste provare a diminuire la quantità d’acqua nell’impasto e a ridurre di conseguenza anche la temperatura di cottura. Nella ricetta tradizionale, l’elevata temperatura di cottura è importante per garantire la buona riuscita della ricetta ma, in mancanza del forno a legna, molto dipende dalla tipologia di forno che avete a disposizione.
La ricetta tradizionale della farinata di ceci si può infine personalizzare, a seconda dei gusti, con del pepe nero, un po’ di rosmarino o eventualmente anche delle verdure.

Hamburger di lenticchie: croccanti e gustosi!

Condividi con i tuoi amici!
  • 134
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    134
    Shares

Chi l’ha detto che l’hamburger è solo di carne? Provate ad assaggiare questi buonissimi hamburger di lenticchie e vi ricrederete! Croccanti, gustosi e saporiti, gli hamburger di lenticchie mettono d’accordo anche gusti diversi e sono un piatto completo e ricco di proteine. Ottimi per chi vuole diminuire il consumo di carne nella propria alimentazione quotidiana, gli hamburger di lenticchie sono anche ricchi di ferro.

Immagine tratta da www.tasteofrunway.com
Immagine tratta da www.tasteofrunway.com

Ingredienti:
250 gr di lenticchie secche
1 uovo grande
1 cipolla
2 cucchiai di Parmigiano Reggiano
3 cucchiai di pan grattato
Qualche foglia di menta
Olio extra vergine d’oliva
Sale
Pepe

hamburger-croccanti-lenticchiePreparazione:
Prima di iniziare le lenticchie vanno lasciate in ammollo il tempo necessario perchè si ammorbidiscano. Quando saranno pronte, sciacquatele con cura e intanto tagliate finemente la cipolla e fatela dorare con un filo di olio in una padella antiaderente e mezzo bicchiere d’acqua. Aggiungete quindi le lenticcchie e cuocete per 20/30 minuti e poi mettete il tutto nel frullatore e frullate grossolanamente. Prima di frullare, se vi sembra che nella pentola ci sia troppa acqua, rimuovetela. In una ciotola capiente unite le lenticchie a tutti gli altri ingredienti e mescolate; se l’impasto vi sembra troppo molle, aggiungete ancora del pan grattato. Stendete l’impasto in uno strato abbastanza spesso e realizzate la forma dell’hamburger (va bene anche una tazza grande!). A questo punto non resta che cuocere gli hamburger in una padella antiaderente con un filo d’olio per 10 minuti circa, finchè non diventeranno belli croccanti e dorati, ricordando di girarli a metà cottura. Un’idea originale per servirli? Accompagnateli da una salsa allo yogurt da realizzare unendo ad un po’ di yogurt bianco del succo di limone, sale e pepe.
Il successo è assicurato!