Crostata con crema di cacao e panna

Condividi con i tuoi amici!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Chi non ama la crostata? Si tratta di un dolce tradizionale che non passa mai di moda e che si può personalizzare a seconda dei propri gusti. Esistono tante ricette diverse per preparare una buona crostata degna di Nonna Papera… quella che vi proponiamo noi oggi ha un gustoso ripieno di crema di cacao e panna!

ricetta-crostata-cacao-panna

Ingredienti
350 gr di farina
125 gr di zucchero
125 gr di burro
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 uovo intero e un tuorlo
1 vasetto piccolo di crema al cacao (200gr)
100 ml di panna liquida

Preparazione
In una terrina, vanno uniti e impastati tutti gli ingredienti: la farina, lo zucchero, il burro, le uova, il lievito e il pizzico di sale. Non appena la frolla risulta morbida e omogenea, va avvolta nella pellicola trasparente e lasciate a riposare in frigorifero per 30 minuti circa. Nel frattempo la crema al cacao va sciolta a bagnomaria e unita alla panna gradualmente, fino a che non si sarà creata una crema omogenea e ben amalgamata. La crema va poi lasciata raffreddare. Trascorso il tempo di riposo, la frolla va suddivisa in due parti, una un po’ più abbondante dell’altra. La parte più abbondante va stesa sulla carta da forno e poi adagiata a adattata alla tortiera (sempre su carta da forno) aiutandosi con le dita. La crema va versata sulla frolla nella tortiera. Anche la seconda parte di frolla va stesa su carta da forno, aiutandosi con un po’ di farina se l’impasto dovesse risultare un po’ appiccicoso. Questa seconda parte di frolla va quindi adagiata delicatamente sopra la crema e il tutto va chiuso sigillando i bordi aiutandosi con una forchetta. In alternativa potrete realizzare strisce di frolla e disporle incrociate sulla crema. Dopo aver decorato e ultimato la crostata, infornatela in forno pre-riscaldato a 180° per circa 30 minuti.

Bulgur e ragù di verdure

Condividi con i tuoi amici!
  • 18
  •  
  •  
  •  
  •  
    18
    Shares

Molto diffuso nella cucina Medio Orientale, non tutti conoscono ancora il bulgur, un alimento ricco di fibre e fonte di proteine vegetali che si ricava riducendo in piccoli pezzi i chicchi di frumento integrale. Nutriente e buono, si può gustare sia cotto che crudo. Oggi noi ve lo proponiamo accompagnato da un gustoso ragù di verdure: un piatto saporito e decisamente diverso dal solito.

bulgur-con-verdure

Ingredienti:
170 gr di bulgur
2 zucchine
2 cipolle
3 carote
1 pezzo di sedano
Olio extra vergine d’oliva
Sale
Basilico
Rosmarino
Salvia
Uno spicchio di aglio

Preparazione:
Il bulgur va messo in un recipiente, va ricoperto con acqua salata bollente nella proporzione di 2 tazze d’acqua per una di bulgur e va lasciato riposare per 15 minuti circa in modo che il cereale si gonfi.  Nel frattempo ci si può dedicare al ragù di verdure; le verdure vanno pulite e tagliate e messe in una padella con un filo di olio caldo, assieme alle spezie e allo spicchio d’aglio. Il tutto andrà rosolato per una decina di minuti e poi, a fuoco spento, si potrà aggiungere ancora un filo di olio. A questo punto le verdure vanno unite al bulgur e il piatto è pronto!

Orzotto alla milanese

Condividi con i tuoi amici!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La bontà dell’orzo unita al sapore inconfondibile dello zafferano danno vita a questo piatto di stampo milanese, gustoso, sano e amatissimo anche dai bambini!

Realizzare ricette tradizionali con ingredienti alternativi è un ottimo metodo per introdurre i cereali nella nostra alimentazione.

L’orzo è ricco di proprietà nutritive, contiene elevate quantità di silicio, di vitamina B1 e di Vitamina E.
Aiuta l’intestino, stimola la memoria, protegge il cervello e il sistema nervoso.

 

orzotto-alla-milanese

Ingredienti per 4 persone:

Orzo decorticato, 2 tazze;
1 cipolla;
Zafferano;
Brodo vegetale, 6 tazze;
Olio extra vergine d’oliva;
Burro, una noce;
Sale;
Parmigiano reggiano grattuggiato.

Preparazione

In una padella scaldate l’olio d’oliva e fate dorare la cipolla tagliata fine. Aggiungete poi l’orzo, fatelo dorare leggermente e aggiungete il brodo. Fate cuocere il tutto per una cinquantina di minuti, aggiungete lo zafferano e proseguite la cottura per una decina di minuti. Terminato il tempo di cottura, l’orzo va tolto dal fuco e lasciato riposare per una decina di minuti in attesa che si gonfi. A quel punto va aggiunto il parmigiano grattuggiato e il piatto è pronto da servire.

Pomodori ripieni: “nidi di farro”

Condividi con i tuoi amici!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

I nidi di farro sono una ricetta buona, saporita e bella da presentare in tavola. Semplice da preparare, questa ricetta è sana, gustosa e leggera e sicuramente conquisterà il favore degli ospiti.

ricetta-nidi-di-farro

Ingredienti:

– 200 gr di farro decorticato;
– 8 pomodori di dimensioni medie;
– prezzemolo;
– aglio;
– sale.

 

pomodori-ripieni-di-farro


Preparazione:

La prima cosa da fare per preparare i nidi di farro è cuocere il farro e poi lasciarlo raffreddare. Nel frattempo i pomodori vanno lavati con cura, tagliati a metà e svuotati. Intanto il farro va insaporito con sale, prezzemolo tritato e aglio tagliato finissimo.
Quando il farro risulterà ben insaporito, va usato per riempire i pomodori; i pomodori vanno disposti su una teglia, ricoperti di pangrattato, un filo di olio e messi in forno a gratinare per 45 minuti a 200 gradi.

Mangiare biologico riduce notevolmente i livelli di pesticidi nel corpo.

Condividi con i tuoi amici!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Negli ultimi anni si parla tanto di biologico e dei benefici che derivano da un’alimentazione più attenta e curata, che privilegi prodotti biologici. Non sempre però il fatto di parlare tanto di un dato argomento permette di conoscerlo nello specifico e in modo chiaro. Vista le tante opinioni a riguardo e, in alcuni casi, la confusione, abbiamo pensato di dedicare questo articolo al significato e all’importanza del mangiare biologico.

coltivazione-biologica

Perché mangiare biologico è importante
Decidere di mangiare biologico significa fare una scelta a tutela di sé e dell’ambiente.

Una scelta salutare
alimentazione bio benessereInserire nella propria alimentazione prodotti provenienti da agricoltura biologica garantita vuol dire infatti in primis tutelare la propria salute; la produzione agricola biologica esclude l’uso di prodotti chimici di sintesi come ad esempio fertilizzanti, diserbanti, insetticidi che spesso vengono usati per concimare la terra e combattere possibili parassiti  e malattie delle piante. Già questo è un dato veramente significativo: si pensi infatti che numerose ricerche hanno mostrato a questo proposito risultati davvero sconcertanti a testimonianza del fatto che il nostro corpo è inquinato da troppe sostanze nocive proveniente da pesticidi e fertilizzanti.

Interessante a questo proposito è lo studio “the organic effect” realizzato in Svezia dalla collaborazione tra il Swedish Environmental Research Institute IVL e una catena svedese di negozi di alimentari, pionieri del biologico. Dai risultati ottenuti da questo e numerosi altri approfondimenti, è dimostrato che mangiare solo cibo biologico per un periodo limitato di tempo (nell’esempio in questione, appena 2 settimane) ridurrebbe notevolmente i livelli di insetticidi, pesticidi e fungicidi nel corpo, dato dimostrabile in modo inequivocabile dall’esame delle urine effettuato prima e dopo il cambio di alimentazione.

Ciò significa che ogni giorno, senza saperlo, inquiniamo il nostro corpo con sostanze nocive e pericolose. L’aspetto positivo però c’è: per disintossicare l’organismo da queste sostanze è sufficiente fare una scelta salutare e scegliere di mangiare bio.

Rispetto per l’ambiente
Rotazione delle colture, concimazione con sostanze organiche, lavorazioni ridotte, compatibili e rispettose dell’ambiente sono solo alcune delle caratteristiche dell’agricoltura biologica. In un approccio di questo tipo viene posta grande attenzione al rispetto e alla salvaguardia dei cicli naturali, della biodiversità ambientale e dell’architettura del paesaggio, tutelando ambiente e esseri viventi da ogni forma di inquinamento.
Il modello di produzione bio è un modello ecosostenibile dove non vi è uno sfruttamento eccessivo delle risorse naturali, in particolare del suolo, dell’acqua e dell’aria, utilizzando invece tali risorse all’interno di un modello di sviluppo in grado di durare e autoprodursi nel tempo. Grande cura è dedicata anche agli animali, alla loro tutela e al loro rispetto. Un allevamento di stampo biologico rispetta le esigenze nutrizionali degli animali in base alla loro specie di appartenenza e allo stadio fisiologico, abbandonando le strategie di massimizzazione della resa a favore della qualità e nel rispetto dell’animale anche in caso di malattia, scegliendo di curarlo con prodotti fitoterapici, omeopatici e oligoelementi.

I benefici di un’alimentazione biologica
Mangiare biologico fa bene al corpo e fa bene all’ambiente ma, a livello concreto, quali benefici possiamo trarre da Biologicoun’alimentazione di questo tipo anche sulla base dei più recenti studi?

– Gli alimenti biologici contengono molti meno metalli tossici e pesticidi. Mangiare cibo bio riduce in modo considerevole la loro presenza nel nostro corpo.

– I livelli di antiossidanti contenuti negli alimenti bio sono molto superiori rispetto a quelli dell’agricoltura convenzionale, in una percentuale variabile tra il 19 e il 69% in più. Secondo lo studio “Higher antioxidant and lower cadmium concentrations and lower incidence of pesticide residues in organically grown crops” realizzato nel Regno Unito, optare per il cibo biologico permette di arricchire notevolmente la dieta di antiossidanti come se mangiassimo 1/2 porzioni di frutta e verdura al giorno di più.

– Mangiare bio è salutare e fornisce un maggiore apporto di vitamine, sali minerali e sostanze nutrienti. Gli alimenti biologici infatti non vengono sottoposti a processi di maturazione innaturali e non sono ottenuti da sementi geneticamente modificate.

– Il cibo biologico è buono, saporito e, essendo coltivato su terreni sani e non sfruttati aiuta a rinforzare le difese immunitarie e a migliorare il metabolismo.

Ecomarket ha scelto il bio!