You Are Here: Home » Alimentazione Bio » Seitan: una ricetta… veg-olosa!

Seitan: una ricetta… veg-olosa!

Che vegani, vegetariani e fondamentalisti ecologisti propugnino l’eliminazione della carne dalla dieta non è una novità. Nuovo invece è il successo dell’utilizzo di proteine alternative da parte dei comunemente detti “onnivori”. Semplice moda, o reale attenzione alla propria alimentazione, sta di fatto, l’assunzione di alimenti proteici passa sempre più spesso da alternative di derivazione vegetale.

Gli alimenti proteici di origine vegetale per eccellenza sono i legumi (ceci, lenticchie e fagioli secchi contengono circa il 20% di proteine), ma non sono l’unica fonte. Lo spesso maltrattato glutine, infatti, è una lipoproteina, ed è “contenuto” nel frumento e in altri cereali. Tutti pronti a ingozzarsi di pane? Alt, stop, ferma! Accidentalmente non di solo frumento è fatta una dieta bilanciata. Esistono molti modi per assumere proteine vegetali.

Un modo per assumere proteine dai cereali è mangiare il seitan, un prodotto realizzato con la farina di grano integrale, ricco di proteine e povero di grassi e calorie. Adatto a sostituire la carne in molte ricette, soprattutto vegetariane, il seitan ha un sapore molto corposo e gradevole.

Per tutti coloro che “Seitan, chi era costui?”, ecco un piccolo vademecum alla “forse non tutti sanno che” di enigmistica memoria:

Cos’è il seitan?

Il seitan è un alimento altamente proteico ricavato dal glutine del grano tenero o da altri cereali. Secondo la ricetta tradizionale, abbastanza laboriosa, il seitan si ottiene estraendo la lipoproteina che si forma lavorando con acqua le proteine contenute nei cereali, glutenina e gliadina. Seguono altre lavorazioni per cui successivamente alla formazione del glutine, lo si impasta e lo si lessa in acqua insaporita con salsa di soia, alga kombu e altri aromi.

Di cosa sa il seitan?

Di aspetto simile alla carne, il suo sapore è invece più delicato e la sua consistenza più morbida, anche se spesso quest’ultima varia da un tipo di seitan all’altro. Più saporito del tofu, non assimilabile ad alcun legume, di base… occorre assaggiarlo.

Che origine ha?

L’opinione più accreditata dagli studiosi vede la nascita del seitan collocarsi in Cina, dove, a produrre le prime “bistecche” furono dei monaci buddisti spinti dal bisogno di trovare una fonte proteica alternativa alla carne. Dalla Cina gli stessi monaci lo portarono anche in Giappone, dove si diffuse come cibo della disciplina zen sotto il nome di kofu, che significa “glutine di grano”.

La cucina Macrobiotica “riscopre” in anni recenti questa preziosa fonte proteica per rilanciarla sulle tavole occidentali, tanto che a parola seitan viene coniata dall’esperto di macrobiotica George Osawa (“Sei” significa “è” mentre “Tan” vuol dire “proteine”) per indicare un cibo “giusto”: giusto nel sostituire la carne, nel non inquinare e, soprattutto, nell’essere alla portata di tutti.

 

Come viene preparato?

Preparare il seitan non è difficile, e la rete abbonda di tutorial che mostrano come farlo. Fondamentalmente, raffinatezze o trucchetti del mestiere a parte, i passaggi fondamentali per un seitan maker sono i seguenti:

  1. impastare acqua e farina, da lavorare bene e far riposare in ammollo;
  2. lavare l’impasto per eliminare l’amido;
  3. cuocere in acqua e/o brodo della massa risultante.

Detto, fatto! …Più o meno. Perché non difficile non sempre coincide con rapido, semplice o indolore. Tanto che, a meno non abbiate proprio intenzione di passare metà della vostra giornata in cucina e ritrovarvi a sera con i bicipiti doloranti, la schiena incriccata e nessunissima intenzione di alzare manco una forchetta…. oggi è molto facile trovarlo già pronto nei supermercati di alimenti naturali. Un molto facile che diventa un molto facile grazie all’evoluzione, alla tecnologia e alla serietà e alla garanzia di qualità di Ecomarket: il miglior seitan alla piastra, certificato, biologico e sano, a casa tua in un click.

Seitan: una ricetta… veg-olosa!

About The Author

Number of Entries : 1

Leave a Comment

Scroll to top