Rimettersi in forma dopo l’estate, prova il nostro menù leggero.

Condividi con i tuoi amici!
  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    6
    Shares

Le vacanze estive sono finite da qualche settimana, i più sono tornati al lavoro già da un po’ e alcuni di noi sentono il vivo desiderio di rimettersi in forma dopo l’estate.

Il periodo estivo da poco trascorso è stato una piacevole pausa in cui dedicarsi di più a se stessi, alla propria famiglia, godendosi il relax delle giornate di vacanze passate. Molti di noi, complice anche un buon grado di svogliatezza e sonnolenza estiva e magari la scelta di un soggiorno estivo molto sedentario son tornati a casa appesantiti, con i soliti 2/3 kg sul peso forma.

Cosa fare per rimettersi in forma dopo l’estate

Rimettersi in forma dopo l’estate significa tornare ad una sana abitudine alimentare, ad un po’ di attività fisica regolare e ad ascoltare con attenzione ciò che il nostro corpo ci chiede in questo periodo dell’anno preliminare ad un cambio di stagione.

Buttarci infatti a capofitto nella routina quotidiana lavorativa e familiare impiegando tutte le nostre energie lì e dimenticandoci delle esigenze del nostro corpo non ci fa bene nè aiuta a rimettersi in forma dopo l’estate.

Ricordati, è bene che il passaggio dalla stagione calda a quella fredda avvenga gradualmente, un po’ come accade quando strato dopo strato ci vestiamo a cipolla di modo da poter essere pronti per i primi freddi della sera senza però rischiare di patire il caldo a mezzogiorno.

Ugualmente, se arriviamo preparati all’autunno più freddo con piccole attenzioni che ci rivolgiamo quotidianamente riusciremo a goderci e non solo a sopravvivere al cambiamento stagionale.

Assecondare il sonno è essenziale per rimettersi in forma dopo l’estate

Questo significa per esempio poterti concedere di dormire di più sin da ora, senza dover attendere che le giornate si facciano davvero più corte e buie e che la stagione fredda sia alle porte.

Puoi approfondire l’importanza del sonno, funzione fisiologica del nostro corpo che contribuisce a migliorare l’attività del nostro sistema immunitario, le funzioni metaboliche del nostro organismo, la memoria e le nostre capacità di apprendimento, come pubblicato in questa ricerca dell”Harvard Medical School.

Cambia il ciclo sonno veglia con il cambio di stagione e la routine quotidiana

Già da settembre ci sono meno ore di luce durante l’intero arco della giornata e questo ha sicuramente delle ripercussioni sul nostro ciclo sonno veglia.

Inoltre il ritorno al lavoro e alla routine giornaliera familiare può essere molto impegnativo in termini fisici, emotivi e psicologici ed è bene essere tolleranti verso le nostre fatiche ed accogliere le nostre stanchezze facendo in modo, tra le altre cose, di non rimanere proprio a corto di sonno.

Gli esperti del sonno consigliano di tutelare le nostre ore di sonno

  • non andare a dormire tardi;
  • andare a dormire il più possibile liberi da pensieri fissi o preoccupazioni che interferiscano con il riposo;
  • coricarsi con una cena adeguatamente digerita;
  • svolgere un’attività rilassante prima di andare a letto (questo secondo i più bandirebbe necessariamente l’utilizzo di tutti gli schermi, dalla televisione, al tablet, al cellulare).

Stare al sole finchè si può aiuta a rimettersi in forma e a star bene dopo l’estate

A proposito delle ore di luce ancora a disposizione in questo periodo dell’anno, tieni a mente che seppure le giornate si facciano sempre più corte è pur vero che c’è ancora molto sole di cui poter godere.

Dunque, anzichè rinchiuderti in una palestra cerca di approfittare ancora del sole caldo che allieta queste giornate di fine estate per fare del movimento all’aria aperta. Il tuo corpo e la tua psiche ne gioveranno moltissimo!

Sì perciò a passeggiate, nella natura possibilmente o ancora in riva al mare se hai la fortuna di averlo a portata di mano. Ma anche prendersi cura dell’orto e del giardino, andare in bicicletta o sui pattini lungo una pista ciclabile ed andare a cavallo: sono tutti un’ottima attività da fare per rimettersi in forma dopo l’estate e per preservare il più a lungo possibile tutto il buono che viene dallo stare all’aria aperta.

Menù giornaliero per rimettersi in forma dopo l’estate.

Ed ora passiamo ad illustrare un esempio di menù giornaliero per un adulto medio sano. È solo un esempio di dieta bilanciata che prevede di coprire 2000 kcal giornaliere e fabbisogni nutrizionali nella media. Le varianti a questo menù sono moltissime, chiaramente, in ogni sua parte e secondo i gusti personali.

Rimettersi-in-forma-menù-per-estate

Scarica il Menù in Pdf

 

L’importanza della stagionalità di frutta e verdura

Per sapere quale verdure e frutta scegliere, cerca di tenere a mente il calendario stagionale della frutta e della verdura che la natura ci offre in questo periodo dell’anno.

In questo modo sceglierari sicuramente i frutti più buoni e saporiti per rimettersi in forma dopo l’estate o per mantenere il benessere estivo conquistato. Inoltre, particolare non trascurabile, sceglierai la frutta e la verdura meno costosa.

Per un maggior dettaglio sulla ricchezza nutrizionale dei semi oleosi, ed in generale di tutte le proprietà dei principali semi, ideali proprio nella Colazione o nello Spuntino , cosi come indicato anche dal nostro menù in alto.

 

Cosa acquistare a settembre sui banchi della frutta e verdura?

Frutta:

  • Fichi settembrini neri
  • Frutti di bosco
  • Uva
  • Prugne
  • Pesche tardive
  • Fichi d’india
  • Kiwi
  • Mele nuove
  • Pere

Verdura:

  • Zucchine e melanzane (le ultime)
  • Pomodori (soprattutto da sugo per farne scorta per l’inverno)
  • Barbabietole
  • Cavolfiori (i primissimi!)
  • Carote nuove
  • Cetrioli tardivi
  • Vari tipi di insalata
  • Funghi

Per gli amanti dei funghi

Funghi porcini
Bosco di Faggi con porcini commestibili.

Qui puoi trovare tutte le indicazioni per consumare in tutta sicurezza i funghi spontanei raccolti: CeiRS,  Centro interdipartimentale di Ricerca e documentazione sulla Sicurezza Alimentare, qui la guida alla prevenzione delle intossicazioni.L’unico metodo sicuro per stabilire la commestibilità di un fungo è quello di classificarlo come appartenente a specie di comprovata commestibilità.

Per una valutazione di commestibilità dei funghi spontanei raccolti, gli amanti dei funghi possono portarli agli Ispettorati micologici delle Agenzie di Tutela della Salute (ATS) e sarebbe buna cosa leggere con attenzione il manuale del cercatore di funghi, ove ci sono preziosi consigli per evitare facili intossicazioni, purtroppo anche letali.

Guarda la golosa ricetta di stagione con i funghi

Crespelle ai funghi, ricotta e sesamo tostato

Detox: la dieta ideale per i cambi di stagione

Quando si segue una dieta fai da te, si corre il rischio di commettere errori, per questo chiediamo consiglio alla nostra nutrizionista.

È importante variare la dieta in base ai cambi di stagione perché anche il nostro organismo necessita di un cambio di marcia.

La dieta detox è il modo migliore per affrontare questo passaggio, aiutando il nostro corpo ad eliminare le tossine.