You Are Here: Home » Eco » Casa ecologica » “Questa stanza non ha più pareti…ma alberi.”I consigli della zia Raffa per pulire la tappezzeria!

“Questa stanza non ha più pareti…ma alberi.”I consigli della zia Raffa per pulire la tappezzeria!

Buon giorno a tutti,come state? Oggi vorrei parlarvi di uno dei lavori di casa più faticosi, la pulizia della tappezzeria, un’operazione che richiede molto tempo e che non sempre è possibile fare al meglio.

Esistono diversi trucchetti che rendono questo lavoro un po’ più leggero: come in molti casi, anche per la pulizia della tappezzeria, si possono usare  prodotti che si trovano in commercio, oppure metodi naturali. Naturalmente noi parleremo di questi ultimi.

Per pulire la tappezzeria di stoffa, come ad esempio i copri divani o le tende, potete ricorrere ad una miscela di acqua, bicarbonato e sale grosso: basterà strofinare delicatamente per qualche minuto e la macchia se ne andrà. In seguito asciugate con il phon ad una temperatura media.

Per quanto riguarda le tende, che generalmente sono realizzate con materiali molto delicati, è sufficiente metterle a bagno in un recipiente con acqua fredda e aceto bianco, nella proporzione di due bicchieri di aceto per due litri d’acqua. Lasciatele in ammollo per un po’ e poi trasferitele in una bacinella con acqua e ammorbidente ecologico delicato, infine, risciacquate.

Esistono molti tipi di tappezzeria, quelle in carta sono le più comuni,  vediamo quali sono i metodi migliori per pulirle.

Le tappezzerie non lavabili non devono essere bagnate perché rischierebbero di perdere il colore: la soluzione più efficace è passarle con la gommapane; se invece il problema è l’unto allora passate il ferro da stiro tiepido su un foglio di carta da pacchi e ripetete l’operazione fino alla completa sparizione della macchia.

Le tappezzerie spugnabili sono stampate con colori sintetici, si possono  tamponare con una spugna poco imbevuta di acqua tiepida e sapone non schiumoso. Le lavabili resistono anche a un leggero sfregamento perché ricoperte da un velo di resina vinilica. Le tappezzerie viniliche sono stampate a colori, sempre protette da una pellicola vinilica trasparente che le rende perfettamente lavabili: usate acqua e sapone smacchiabile con alcool, (attenzione mai con benzina, trielina o prodotti a base di etere).

Le tappezzerie in stoffa devono essere periodicamente passate con l’aspirapolvere. Anche il velluto è perfettamente lavabile grazie al tipo di fibre e al trattamento impermeabilizzante al quale è sottoposta la carta di fondo. Se la tappezzeria é in materiale naturale, come paglia giapponese, sughero ecc, andrebbero spazzolate per evitare accumuli di polvere.

Dopo avervi parlato di un lavoro piuttosto noioso e che spesso si tende a rimandare, mi auguro che passiate all’azione e che mi raccontiate la vostra esperienza!

“Questa stanza non ha più pareti…ma alberi.”I consigli della zia Raffa per pulire la tappezzeria!

About The Author

Number of Entries : 106

Leave a Comment

Scroll to top