You Are Here: Home » Alimentazione Bio » Pranzi, cene… cenoni: qualche consiglio per non diventare una pallina di Natale.

Pranzi, cene… cenoni: qualche consiglio per non diventare una pallina di Natale.

Il Natale è proprio alle porte. Abbiamo fatto l’albero, addobbato la casa con candele, fiocchi e babbi natale e ultimato i regali.
Il bello (e il buono) però deve ancora arrivare. Sulle nostre tavole ben apparecchiate per l’occorrenza vedremo infatti davvero ogni ben di Dio: tortellini, cotechini, lenticchie, lasagne e cannelloni, panettoni  e ogni tipo di cioccolato e frutta secca.
Uno strappo alla regola è doveroso durante le feste ma attenzione a non esagerare per non “svegliarvi” il 6 gennaio… come delle palline di Natale!
Ecomarket  vi svela qualche piccolo trucchetto per godervi tutte le prelibatezze della tradizione italiana con un occhio alla linea e, naturalmente, alla salute.

Il primo imperativo, anche se può sembrare un controsenso è non digiunare.

Il digiuno infatti oltre a rallentare il metabolismo, vi farà arrivare all’ora di pranzo troppo affamati e vi tufferete sull’insalata russa della nonna facendo il pieno di calorie per tutta la giornata.
La mattina quindi, dopo aver scartato i regali e fatto gli auguri a tutti, iniziate con una tazza di tè verde, qualche fetta biscottata e un frutto di stagione: vi aiuterà ad arrivare all’ora di pranzo senza rubare le tartine prima dell’arrivo del resto della famiglia.

Un buon consiglio è anche quello di servire le pietanze su piatti piccoli e decorati. Oltre a rendere elegante la vostra tavola, è un piccolo “inganno” visivo: riduce la quantità di alimenti serviti e fa avvertire prima il senso di sazietà. Una ricerca inglese ha dimostrato che la stessa persona tende a fare porzioni più grandi in un piatto ampio e bianco rispetto ad un piatto colorato.

Un atro suggerimento molto utile è quello di cucinare usando erbe aromatiche: conferiscono ad ogni piatto un’aroma e un gusto speciali, rendendo i piatti più saporiti senza dover ricorrere all’uso di condimenti pesanti come troppo olio o burro.

Scoprirete che cucinare al vapore o alla griglia è molto più buono di quello che immaginate, usando questa piccola accortezza.

Per fortuna la nostra tradizione, in qualunque regione abitiamo, ci permette di portare a tavola piatti davvero buoni. Godiamoceli e impariamo a gustarli davvero risparmiando sulle calorie in più: non è necessario accompagnare tutte le portate con pane, grissini o salse né tantomeno guarnire i dolci tipici con le creme.

I panettoni non hanno la crema e sono davvero buoni così.

Alcuni piatti sono ancora più gustosi il giorno dopo. Evitate però di consumarli subito: dopo un’abbuffata perché non fare un giorno di “decompressione” con frutta e verdura e aspettare per riutilizzare gli avanzi? Conserviamo in frigorifero quello che è rimasto in tavola e via libera a insalate o verdure saltate in padella!

Non vogliamo spaventarvi, ma lo sapevate che ci vuole un’ora e mezza di camminata o mezz’ora di bicicletta per smaltire le calorie di una fetta di panettone?

L’attività fisica è fondamentale anche durante le feste. Portate a spasso i vostri cuccioli o fate una bella passeggiata tra le vie del centro respirando l’atmosfera magica di questo periodo.

Ultimo suggerimento, ma fondamentale, è quello di non farsi prendere dallo stress per i preparativi perché questo ci porta a mangiare anche se non abbiamo fame.

Se a Natale bisogna essere tutti più buoni, cerchiamo di esserlo prima con noi stessi, godendoci le feste…senza diventare delle palline di Natale!

Hai qualche ricetta particolare? Buonissima e senza grassi? Condividila con gli altri utenti sulla nostra pagina facebook!

Pranzi, cene… cenoni: qualche consiglio per non diventare una pallina di Natale.

About The Author

Number of Entries : 106

Leave a Comment

Scroll to top