You Are Here: Home » Eco » Per un Natale economico ed ecologico.

Per un Natale economico ed ecologico.

La crisi impazza, lo stipendio si restringe paurosamente solamente pronunciando la parola “Natale”, mentre la bilancia, udendo anch’essa la medesima parola, scappa e si nasconde.

 

Insomma, il Natale è bello, con le lucine, l’atmosfera, le candele, l’alberello e via dicendo…ma qualche lato negativo ce l’ha.

 

Ce lo siamo ripetuti tutti cento, duecento, mille volte: “Quest’anno solo qualche pensierino…”. Eravamo fermamente convinti delle nostre intenzioni (tra cui: non esagererò con dolci e pandoro, quest’anno starò attenta), ma poi, come sempre, il Natale si avvicina e attorno a sé lascia terra bruciato.

 

Per ora, per quel che riguarda me, a venti giorni dal Natale l’idea dei pensierini, davanti a vetrine invitanti, bancarella tentatrici e cataloghi da urlo, è miseramente sfumata e lo stesso vale per la dieta; ditemi voi, se conoscete un metodo valido, come si fa a passare oltre, immuni al fascino di cioccolato, pandori e panettoni, dolci, mascarpone e tutte le altre schifezze che, alla fine, sono parte integrante dell’atmosfera del natalizia.

 

 

Però una cosa quest’anno la voglio fare…approssimandosi il week end dedicato per antonomasia all’albero di Natale e alla decorazione della casa, e “vantando” tra i miei  addobbi veri e propri reperti da museo, tramandati di generazione in generazione, ossia angeli senza un braccio, festoni stra-spelacchiati e palline in parte ammaccate, ho deciso di fare una bella pulizia!

 

Via tutte queste cianfrusaglie, addio addobbi pungenti e puzzosi (sì, bhè, credo sia normale, stanno chiusi e sigillati un intero anno…): voglio rinnovare! E la cosa più importante è che, nel corso di tutta questa fantasmagorica manovra, non spenderò nemmeno un euro!

 

addobbare la casa per natale

Addobbare la propria casa e il proprio albero in modo originale, unico e a costo zero… è possibile!

 

Come?Alzatevi, fate un giro per le stanze del vostro appartamento e osservate con attenzione ciò che vi circonda. Ora rispondete a questo piccolo sondaggio: avete dei tappi di sughero? Lampadine bruciate, pronte da buttare? Cialde di caffe già usate (o che userete a breve)? Cartoncini? Residui di carta per fare i pacchetti?

 

Ecco, avete già materiale e a sufficienza per addobbare l’intera casa!

 

 

E’ incredibile quanto l’osservare con attenzione e il ripensare in diversa veste gli oggetti che ci circondano, di uso quotidiano e abituale, permetta di dar vita a idee, a parer mio, davvero straordinarie!

 

 

lampadine ricicloUn vasetto di vetro, dipinto con cura e con all’interno una candelina, diventa un oggetto di grandissima suggestione e lo stesso vale, ad esempio, per le lampadine bruciate che, una volta colorate, dipinte e attaccate all’albero, diventano dei sostituti di tutt’altro livello rispetto alle banali, dozzinali e plasticose palline natalizie.

 

 

E vogliamo parlare delle ghirlande? Le ghirlande rappresentano l’apoteosi del riciclo! E’ possibile creare ghirlande di carta, di cartone, di tappi di sughero, di CD, di bottiglie di plastica e persino di vecchie cravatte!!!

 

 

Anche i bottoni e gli scarti di stoffa possono trasformarsi in ingredienti indispensabile per dar vita ad un Natale all’insegna del fai-da-te. Per i più minimal e per coloro che preferiscono non avere in casa alberi di Natale né veri, né finti, esistono poi tantissime soluzioni handmade per creare una alberello stilizzato: si possono ad esempio usare le grucce appendiabiti, gli immancabili tappi di sughero o il fil di ferro.

ghirlande natalizie ecosostenibili

 

 

 

E se siete amanti del presepe, non c’è problema: anche in questo caso esistono soluzioni creative, ecosostenibili e a costo zero! Basta ripensare il presepe in un’ottica differente, con una chiave di lettura creativa e trasformare tappi di sughero, lattine usate, bicchieri di carta rivestiti di carta crespa (questo l’ho fatto due anni fa con un’amica e vi assicuro che l’effetto era incredibile!) e persino le anime in cartone della carta igienica nei classici e noto personaggi! Forse per alcuni potrà sembrare un po’ blasfemo…ma cosa cambia rispetto ad una statuetta plastificata, spesso fatta proprio male a livello di manifattura (tipo quelle in commercio nei supermercati)?

 

 

Queste che vi ho elencato sono le soluzioni che sono venute in mente a me ma sono certa che, dedicandoci un minimo di tempo e mettendoci un filo di fantasia, potranno venir fuori dalle nostre menti machiavelliche, tantissime altre idee davvero strabilianti!

idee riciclo natale

 

Quindi, ricapitoliamo: costo rinnovo addobbi natalizi uguale a zero, indi per cui il mio budget regali natalizi può salire o meglio ancora… con lo stesso budget risparmiato posso auto-farmi un piccolo regalo di Natale!

 

Quindi problema regali risolto! Sì…dai…si può dire risolto! Certo, ho speso più di quanto avevo preventivato ma, alla fine, ho comunque risparmiato sugli addobbi! Si tratta in ogni caso di un grosso risparmio! E ho aiutato l’ambiente!!! E comunque non voglio sentire obiezioni…là, là, làààààààà!

 

 

Ora resta da risolvere la questione bilancia ma alla fine, questa, è un’altra storia….

Per un Natale economico ed ecologico.

About The Author

Number of Entries : 243

Leave a Comment

Scroll to top