Le proprietà della Quinoa

Condividi con i tuoi amici!
  • 18
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    18
    Shares

Le proprietà della Quinoa sono consolidate da diversi secoli nei popoli di origine del Sudamerica (Bolivia, Perù, e Cile) in quanto fonte di sostentamento. La moda per un “supercibo” piuttosto che un altro, l’ha relegata all’oblio negli anni recenti.

Le proprietà della Quinoa
Distese di Quinoa in Bolivia


Fino a qualche anno fa era praticamente sconosciuta,  negli ultimi anni è diventata uno dei cibi più celebri e rincorsi in Europa e negli Stati Uniti.
Perchè? Fa bene e ha un alto valore nutrizionale.

A testimoniare le proprietà della Quinoa, già a fine 2009, secondo le statistiche elaborate dalla FAO, la produzione andina era pari a 70.000 tonnellate, e nel corso del periodo 1992–2010 è duplicata e addirittura triplicata la produzione. Ad oggi viene prodotta da 70 Paesi, inclusa l’Italia. A testimoniare le proprietà della Quinoa

Le proprietà della Quinoa: i valori nutrizionali

Esistono centinaia di tipi di quinoa seppur nei nostri supermercati siamo abituati a vederne le versioni più comuni come quella bianca, rossa e nera.

Segnaliamo la buonissima Quinoa italiana di Probios, disponibile sul Catalogo di EcomarketBio.

Da non perdere anche i gnocchi di Quinoa, senza glutine, tra i migliori 10 alimenti in vendita sul nostro Store.

È considerato uno pseudocereale, come il grano saraceno, l’amaranto e la chia, e quindi diverso dal grano, riso e mais.

È  naturalmente priva di glutinericca in fibre e ad altissimo contenuto in grassi insaturi (la quantità di grassi saturi è praticamente irrilevante). Contiene manganese, magnesio (ma anche calcio, rame, ferro e zinco), acido folico e vitamine del gruppo B.
Contiene inoltre flavonoidi ed antiossidanti, presenti invece in quantità trascurabili nei più comuni cereali gluten free, come il riso ed il mais.

La Quinoa superfood, pseudocereale ad alto valore biologico

La  quinoa ha un alto valore biologico grazie al suo contenuto di proteine e la qualità degli amminoacidi che le compongono.
Si dice che le proteine della quinoa si possono equiparare alle proteine animali come la carne, il latte, le uova ed il pesce.

Le proprietà della Quinoa: gli amminoacidi essenziali

Gli amminoacidi essenziali sono amminoacidi che il nostro corpo non può sintetizzare da solo ma deve necessariamente assimilarli dagli alimenti.

In generale, le proteine che siano di origine animale o vegetale sono composte da 20 amminoacidi. Di questi 20 amminoacidi all’incirca 10 sono considerati essenziali. Il numero è variabile a seconda della necessità de l nostro corpo. Ad esempio quando siamo bambini necessitiamo di più amminoacidi essenziali.

Le proteine della Quinoa sono ricche e complete

La quinoa, pur essendo un vegetale contiene proteine composte da tutti gli aminoacidi essenziali e rappresenta dunque un fonte proteica completa soprattutto per vegetariani e vegani, un cibo perfettamente bilanciato in proteine e carboidrati, laddove l’alimentazione vegetariana e vegana può effettivamente portare ad un eccesso in carboidrati e una (seppur modesta) carenza proteica.

Attenzione anche se è considerato un cibo proteico, in realtà non sono presenti moltissime proteine. Con circa il 12-18% di proteine ne ha più del riso ma meno di alcune leguminose come la soia o i fagioli.

Come cucinare la quinoa? Ecco le video ricette

Insalata di Quinoa mediterranea.

Sformatini di Quinoa al pesto.

Le saponine della Quinoa

Quando fai bollire la Quinoa si forma una schiuma, esattamente come per i legumi. Questa, è dovuta alla presenza delle saponine, composti di cui sono ricoperti i semi della quinoa.

Le saponine servono alla pianta per tenere alla larga gli insetti e gli animali in genere e danno ai semi della quinoa un sapore piuttosto amarognolo.

Oltre al sapore in sè niente affatto gradevole, c’è il sospetto che le saponine possano essere ‘pericolose‘ per la salute umana, dunque consigliamo di rimuoverle dalla quinoa lavando questa in acqua fredda prima di metterla a cuocere, proprio come si fa per i legumi.

Un lavaggio in acqua fredda è sufficiente per rimuovere le saponine dalla quinoa, senza dimenticarci che la quinoa viene lavata durante la sua lavorazione da parte dell’industria alimentare.
Quasi tutto  il contenuto in saponine viene perso già in questa fase iniziale.

L’acido fitico nella Quinoa preoccupa poco

Oltre alle saponine la quinoa possiede un composto considerato antinutriente in quanto interferisce con l’assorbimento e l’assimilazione intestinale dei minerali che ingeriamo. È l’acido fitico, presente non solo nella quinoa ma in molti altri vegetali come per esempio nei semi, nei legumi, nella frutta secca, nei cereali integrali.

Dai più non viene data particolare attenzione alla cosa: lavare la quinoa, bene, sotto acqua corrente fredda ed in caso una sua leggera tostatura per qualche minuto in padella prima della cottura sono strategie più che sufficienti per far fuori sia le saponine che l’acido fitico.

Considerazioni etiche sulla Quinoa

La Quinoa ha generato in questi ultimi anni un dibattito importante che non si è ancora concluso e che ha prodotto ulteriori domande sul significato, i paradossi e le conseguenze della globalizzazione.

La Quinoa, come già considerato, rappresenta da sempre un cibo di valore inestimabile per il sostentamento delle popolazioni andine. Soprattutto laddove il livello di povertà di quei luoghi richiedeva un cibo nutrizionalmente ricco ma economico, accessibile a tutti.

La globalizzazione della Quinoa e gli effetti negativi sui produttori

Da quando il mercato europeo e statunitense ha aumentato la sua domanda di Quinoa le popolazioni locali sono sempre più povere e malnutrite.

L’aumento della produzione di Quinoa per gli agricoltori andini non ha portato un aumento dei propri guadagni, anzi i loro ricavi sono sempre più miseri.

Le famiglie andine più povere, a causa dell’aumento globale del prezzo della Quinoa, non riescono ad acquistarla e la sostituiscono con riso, pasta e mais con minori qualità nutrizionali.

Inoltre, si optano scelte non sosteniblili per la coltivazione: i campi in Bolivia e Perù sono stati convertiti alla coltivazione di quinoa, per l’esportazione, con opere di disboscamento e desertificazione.

Anche tu puoi fare una scelta etica

Ti sei mai chiesto/a qual è la quinoa che mangi o qual è quella che acquisti?
Sii consapevole delle tue scelte.
C’è chi ha deciso di escludere del tutto la quinoa dalla propria alimentazione, chi invece sceglie solo quinoa italiana o fairtrade: entrambe possono rappresentare infatti una buona risposta etica e sostenibile se desideri non rinunciare alla quinoa sulla tua tavola!