You Are Here: Home » Alimentazione Bio » I ceci: che scoperta!

I ceci: che scoperta!

Ebbene sì, lo confesso: fino a qualche mese fa non avevo mai assaggiato i ceci. E non mi limitavo a non mangiarli, bensì li evitavo con ogni mezzo possibile. Pasta e ceci? Proposta non accettata. Purea di ceci? Ma siete matti! Zuppa di ceci? Vabbè, lasciamo perdere.

Poi però qualcosa è cambiato. Non so bene perché e non ricordo con precisione quando, ma qualche mese fa, dopo una giornata pesantissima in giro per Milano, al mio rientro a casa ho trovato sul tavolo un piatto di ceci al sugo, preparati da un amorevole fidanzato che mi fissava con occhi speranzosi. Esimersi dall’assaggio avrebbe rappresentato la fine di una convivenza serena e pacifica, per cui, forchetta alla mano, mi sono lanciata nell’assaggio e…si è aperto un mondo. I ceci, evitati per anni e anni come peste, in realtà erano…buoni! Molto buoni! Talmente buoni da fare immediatamente il bis, così buoni da stabilire che, da quel momento in poi, i ceci non sarebbero più potuti mancare in dispensa e così buoni da indire ufficialmente ogni settimana una “serata-cecio”.legumi ceci
Ok, d’accordo, forse in questo comportamento c’è qualcosina-ina-ina di folle, ma sorvoliamo, andiamo avanti e concentriamoci su di loro, sui ceci e sui loro strabilianti poteri benefici perché, in tutto questo, non vi ho ancora detto la cosa più importante: oltre ad essere buono, questo legume fa benissimo!

Prima di addentrarci nella scoperta dei benefici del cece, serve un minimo di presentazione di questo alimento: i ceci sono i semi di una pianta leguminose chiamata Cicer Arietinum che appartiene alla famiglia delle leguminose, la cui coltivazione è piuttosto diffusa nel mondo, specie in Asia, ma poco n Italia.

Tra i legumi il cece è il più calorico (te pareva, ecco perché mi piace!) una porzione di 100grammi di ceci ha infatti un apporto calorico di circa 320 calorie; E’ legume è ricco di vitamine e sali minerali, carboidrati e proteine.

I ceci vantano notevoli proprietà benefiche tra cui:
– Miglioramento, regolarizzazione del transito intestinale e protezione delle mucose, grazie all’elevato apporto di fibre
– Grazie agli Omega 3 e al folato che contengono, i ceci aiutano a prevenire l’ipertensione e ad apportare benefici al ritmo cardiaco, contribuendo ad evitare l’insorgere di aritmie cardiache.
Miglioramento della circolazione del sangue, grazie al magnesio e abbassamento dei livelli ematici di colesterolo e glucosio

Questi legumi inoltre sono molto amati da coloro che soffrono di celiachia perché non contengono glutine mentre vanno invece consumati con moderazione da chi soffre di coliti frequenti perchè contengono cellulosa che, al contrario, si rivela provvidenziale e utilissima per chi soffre di stipsi.

ceci in terrinaSiete restii a consumare i ceci perché dopo averli mangiati vi sentite gonfi e affaticati a livello di digestione? Ecco un consiglio che può tornarvi molto utile non solo a proposito di ceci ma di legumi in generale; provate i legumi decorticati (è proprio la cuticola a causare la maggior parte dei problemi di digestione o di meteorismo) oppure, se usate abitualmente legumi secchi, lasciateli a lungo in ammollo, per ammorbidirne appunto la cuticola. L’ammollo è anche importante per la dispersione di sostanze non benefiche come l’acido fitico e pertanto l’acqua, che deve essere cambiata 1-2 volte durante l’ammollo, non va assolutamente usata in seguito come acqua di cottura.

Studi comprovati dimostrano che mangiare ceci e legumi con regolarità, due o tre volte alla settimana, faccia bene alla salute e renda possibili i benefici sopra elencati, Quindi cosa aspettate?

E per gustare al meglio la bontà e di questi alimenti e sfruttarne al massimo i benefici, provate i nostri ceci e i nostri legumi biologici, ancora più buoni perché bio!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I ceci: che scoperta!

About The Author

Number of Entries : 244

Leave a Comment

Scroll to top