You Are Here: Home » Eco » Fai la differenza: differenzia!

Fai la differenza: differenzia!

Ciao a tutti da Zia Raffa! Vorrei affrontare un argomento che mi sta veramente a cuore: la raccolta differenziata e di conseguenza il riciclo dei vari materiali.

L’insieme di tutte le misure prese per evitare o ritardare, per quanto possibile, la formazione di rifiuti e per utilizzare il minimo possibile di materia nella produzione degli oggetti è definito “prevenzione dei rifiuti”.
Ad essa si affianca la “minimizzazione”, cioè le azioni per ridurre la quantità di rifiuti destinati a smaltimento e per massimizzarne il recupero/riciclo.

Oggi, il mio articolo per Ecomarket si occuperà di PLASTICA ! La plastica è una realtà plurale, per questo motivo è più corretto parlare di “materie plastiche”, ossia di una grande varietà di polimeri, ognuno con proprie caratteristiche, proprietà e campi di applicazione. (PET, PVC, CA, PUR etc.)

La plastica è un materiale unico che permette ad un’ampia gamma di prodotti di essere riciclati e trasformati in nuove plastiche.

Molto importante è sapere che, secondo la “COREPLA” (Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclaggio ed il Recupero degli Imballaggi in Plastica ), la raccolta differenziata della plastica è, ad oggi, limitata ai soli imballaggi, quindi bisogna fare molta attenzione a ciò che si ricicla.

SI a: bottiglie d’acqua, flaconi detersivo, vaschette salumi, piatti e bicchieri in plastica, barattoli yogurt, flaconi ketchup, flaconi shampoo, vaschette gelato in polistirolo, flaconi sapone con beccuccio, film x cluster 6 bottiglie, sacchetti pasta, blister trasparenti preformati, vaschette porta-uova, bottiglie bibite.

NO a: utensili da cucina, bacinelle, pennarelli, righelli, tubi x irrigazione, giocattoli in plastica, palle, cartelline di plastica, frullatori, tastiere, CD, sedie, occhiali, pannolini, penne, siringhe, posate, sottovasi.

Non ci si immagina neanche quanti oggetti di uso comune si possano produrre con la plastica riciclata, eccone alcuni esempi:

Trolley e carrelli per la spesa: i carrelli e i trolley per la spesa vengono sempre più spesso realizzati in plastica riciclata: sono leggeri, robustissimi, ecologici.

Vasi: con una miscela di polietilene riciclato e polietilene vergine si producono vasi da fiori di diverse forme, anche di grandi dimensioni, leggeri, atossici, resistenti agli urti e agli sbalzi di temperatura.
Trapunte: con solo 20 bottiglie in PET è possibile realizzare il tessuto di una morbidissima e calda trapunta.

Shopper: le nuove borse riutilizzabili per il trasporto dei prodotti dai negozi e dai supermercati fino a casa possono essere realizzate con plastica riciclata (polipropilene, PET).

Sedili auto: le imbottiture dei sedili possono essere realizzate con ovatte ottenute dal PET riciclato. Anche i tessuti dei rivestimenti, le moquettes e i tappetini possono essere realizzate utilizzando filati di poliestere proveniente da riciclo di bottiglie.

Sedie: sedie e poltroncine possono essere realizzate con il 60% di PET riciclato, oppure impiegando PP riciclato per la produzione dei loro elementi (schienale, braccioli, parti rigide di seduta). L’imbottitura può essere realizzata con fiocco di poliestere ottenuto da PET riciclato.

Scope: con plastiche miste eterogenee derivanti dalla selezione della raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggi in plastica si producono articoli per l’igiene della casa come palette e scope.

Maglia in “pile”: il tessuto “pile” serve per confezionare coperte, felpe, cappelli e guanti. Le moderne tecnologie di riciclo permettono di trasformare in fibra di poliestere di qualità le comuni bottiglie in PET dell’acqua minerale.

Occhiali: gli occhiali possono essere realizzati recuperando bottiglie in PET o gli scarti provenienti dalle normali produzioni di occhiali dando agli stessi nuova forma e nuova vita.

Aspirapolvere: anche le parti della carrozzeria di un aspirapolvere possono essere realizzate recuperando bottiglie e contenitori in PET.

Componenti scooter: controscudo, pedana, portatarga, vano sottosella, parafango, fiancata: realizzate con una quota parte significativa di plastiche miste eterogenee derivanti dalla selezione della raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggi in plastica.

Abbiamo visto che la raccolta differenziata, della plastica in questo specifico caso, é molto utile e virtuosa e che il comportamento quotidiano delle persone singole influenza in modo rilevante sia la società civile che l’ambiente!
Quindi fai la differenza: differenzia!

Fai la differenza: differenzia!

About The Author

Number of Entries : 106

Leave a Comment

Scroll to top