You Are Here: Home » Alimentazione Bio » Alimentazione naturale » Dimmi cosa mangi, ti dirò come dormi

Dimmi cosa mangi, ti dirò come dormi

Secondo una ricerca svolta dall’Osservatorio nazionale sulla salute della donna, i cui risultati sono stati resi noti in questi giorni a Expo 2015, nove donne italiane su dieci pensano che un’alimentazione sana ed equilibrata sia la chiave per la prevenzione di molte patologie, in particolare dell’ipertensione e delle malattie metaboliche. A questa va aggiunta anche l’insonnia, che può essere legata a un periodo di maggiore stress o preoccupazioni, a un passaggio biologico (specie per le donne), alle temperature estive che disturbano le notti, oppure può essere cronica. In questo ultimo caso si tratta di una vera patologia per la quale occorre consultare il medico, ma nelle altre circostanze un valido aiuto viene proprio dall’alimentazione.

 

 

 

Il sonno e il non sonno hanno molto a che fare con la digestione e, di conseguenza, con uno stato il benessere generale capaci di regalarci anche notti serene nelle braccia di Morfeo. Si sa che bevande come caffé o soft drink a base di caffeina sono eccitanti e quindi sconsigliate la sera, ma anche l’alcol è da evitare poiché dopo un primo effetto “sedativo” che induce sonnolenza, si rivela in realtà un carico di lavoro eccessivo per il fegato che “si ribella” provocando notti agitate con numerosi risvegli, dovuti anche ad una maggiore diuresi notturna. In estate gli episodi di insonnia posso essere più frequenti, quando le temperature diventano eccessive anche di notte. In questi casi, oltre a cercare di areare la stanza con sistemi di ventilazione naturale e non condizionata che raffredda troppo il corpo e non favorisce un riposo continuativo, è preferibile non consumare cene fredde e bevande fredde, come invece accade normalmente, perché il nostro organismo deve lavorare duramente per portare la temperatura del cibo a livello della temperatura corporea e invece dovrebbe essere “regolato sul minimo” per trovare riposo. Meglio cene tiepide con verdure al vapore, pasta, riso e zuppe lasciate raffreddare a temperatura ambiente.

Ecco una mini guida degli alimentari di base per favorire la distensione, predisponendo il corpo al riposo.

 

  • 14296carboidrati non raffinati: riso e pasta integrali, molto più digeribili dei carboidrati raffinati, inducono rilassamento a rilascio prolungato; stesso effetto anche con i semi di sesamo da aggiungere alle verdure o da mangiare puri; i legumi in modica quantità e in particolare le lenticchie, sono un altro cibo amico del sonno.
  • cibi ad alto contenuto di magnesio: i semi di zucca sono tra gli alimenti che ne contengono in misura maggiore e sgranocchiarli prima di coricarsi può aiutare a distendere la muscolatura e quindi a combattere stress e ansia; effetto simile si raggiunge con un consumo costante di pesce e verdura a foglie larghe come per esempio bietola, verza, spinaci ricche anche di vitamina B6 e acido folico che supportano la quantità di magnesio nel favorire il rilassamento muscolare.
  • alimenti che contengo triptofano: è un amminoacido essenziale che innalza i livelli di serotonina e melatonina, l’ormone che induce sonnolenza; tra i cibi più ricchi troviamo il latte, anche latte vegetale il tofu, formaggi freschi come la ricotta, oltre al già citato sesamo.

 

 

 

 

Dimmi cosa mangi, ti dirò come dormi

About The Author

Number of Entries : 106

Leave a Comment

Scroll to top