You Are Here: Home » Alimentazione Bio » Dimagrire usando l’olfatto

Dimagrire usando l’olfatto

In Italia due adulti su cinque (pari al 42% della popolazione) hanno un eccesso ponderale, il 31% in sovrappeso e l’11% è obeso. Purtroppo, però solo il 10% degli obesi,  nonostante l’evidenza, si ritiene tale perché sulla percezione di se stessi entrano in gioco molte variabili culturali e personali, oltre che disagi psicologici.42-47255355-web-350x233
Tornare in forma richiede impegno, ma per farlo con un approccio più soft si può partire dalla riscoperta dell’olfatto e dal risveglio del metabolismo.
Rieducare l’olfatto per alimentarci meglio e perdere peso. Scienza o fantascienza? «Solo scienza», chiarisce Giovanna Caccavelli, medico nutrizionista e ricercatrice di Sprim Italia. «Il programma si chiama Dieta S, dove S sta per smell, sexy and science». Lo studio si base sul ruolo dell’olfatto nella nutrizione e nella dieta molto sottovalutato. «Nessuno annusa più gli alimenti», spiega la nutrizionista. «Buona parte di ciò che noi consideriamo il profumo di un alimento, in realtà viene percepito da recettori che si trovano dietro la faringe. Questo è molto importante perché attraverso l’olfatto ognuno può percepire il senso di appetito e di sazietà».di-7
Che ruolo può avere, quindi, l’olfatto in una dieta?
«Può servire», sottolinea la dottoressa, «a regolare il nostro rapporto con il cibo trasformandosi in una sorta di interruttore che ci comunica quando non abbiamo più bisogno di mangiare. Diciamo che, rieducando l’olfatto, potremmo saziarci anche soltanto del profumo degli alimenti. Con un senso dell’olfatto mal allenato potremmo continuare a mangiare a oltranza».
Obiettivo della Dieta S è riuscire a far perdere il 10% del peso corporeo, il target indicato dalla task force europea antiobesità, non in sei mesi ma in un tempo ridimensionato e in maniera sana.
Oltre la rieducazione dell’olfatto, fondamentale è la riattivazione del metabolismo attraverso micronutrienti quali zinco, magnesio e vitamina B6 perché è dimostrato che aiutano a ricostruire la massa magra e a diminuire quella grassa».
Secondo recenti studi le persone obese o a digiuno, infatti, hanno un olfatto più sviluppato, mentre la capacità di percepire odori è inferiore in chi ha un peso forma nella norma. Questi dati hanno portato a una semplice conclusione: le persone che hanno fame o sono in sovrappeso o hanno la necessità di consumare cibo anche attraverso il 0d05111ca256ef716d22f6ad7cd9aa46naso. I profumi, come sappiamo bene, possono essere veri tentatori. Responsabile di questo meccanismo è la grelina, un ormone coinvolto nel determinare il senso di fame.
È possibile quindi che l’olfatto influenzi il processo che fa ingrassare?Sì, ed è anche stato dimostrato che più forte è l’aroma di un cibo, minori sono le quantità che ne vengono mangiate. Durante gli studi, infatti, sono stati somministrati budini alla vaniglia ai volontari. Chi mangiava i budini maggiormente addizionati alla vaniglia, ha ridotto di quasi il 10% la porzione mangiata. Questo il segreto del dimagrimento: i cibi dall’aroma più intenso ingannano il cervello illudendolo di aver consumato molto di più.

Poche regole per una dieta naturale ed equilibrata

La causa del numero sempre più crescente dei problemi di sovrappeso è sicuramente nel consumo eccessivo di zuccheri e grassi. Per perdere i chili in eccesso, la carta vincente è scegliere un’alimentazione bio.
Prediligete una dieta a base di frutta e verdura da consumare due volte al giorno. Eliminate lo zucchero raffinato (saccarosio) e sostituitelo con il fruttosio utilizzando lo zucchero di canna, o il miele biologico. Il componente principale del miele è proprio il fruttosio, che dà al miele un potere dolcificante superiore al saccarosio, e allo stesso tempo una fonte di energia da conservare più a lungo.dieta-bio-400x250

Colazione: frutta fresca da alternare con cerealibiscotti integrali o yogurt, o caffè bio o caffè d’orzo.
Pranzo: verdure, pasta bioriso bio o integrale, legumi e cereali come orzo e farro o grano saraceno.
Spuntino: frutta fresca o frutta secca e bacche di Goji
Cena: pesce magro e verdure.

Il condimento ideale in una dieta bio è l’olio extra vergine di oliva a spremitura a freddo. Indispensabile anche bere 1,5/2 litri di acqua oligominerale al giorno.

 

0ed4687f0b14fad528ad8abf3b1df4f3

 

 

Dimagrire usando l’olfatto

About The Author

Number of Entries : 106

Leave a Comment

Scroll to top