You Are Here: Home » Bellezza » Come combattere i malanni primaverili.

Come combattere i malanni primaverili.

ragazza addormentataLa primavera che abbiamo desiderato, invocato e tanto agognato è finalmente arrivata eppure non riusciamo ad accoglierla con  salti di gioia che vorremmo fare perché ci sentiamo stanchi, spossati e apatici. Questa descrizione vi calza a pennello? Non vi preoccupate: siete solamente uno dei due milioni d’italiani che soffrono di mal di primavera.

 

Cos’è il mal di primavera? Si tratta del tipico malessere dovuto al cambio di stagione, più facile da sentire nel passaggio dall’inverno alla primavera, ossia dal buio e dal freddo, alla luce e al calore, e che quest’anno, a causa dei continui mutamenti del tempo e degli sbalzi di temperatura, si fa decisamente più feroce. A soffrirne maggiormente sono le donne ma, in linea generale, nel lento passaggio dall’inverno alla primavera, a tutti noi può capitare di sentirci stanchi, spossati, deboli, irritati, ansiosi e poco concentrati, anche solo per pochi giorni.

I fattori che influenzano il nostro corpo causandoci stanchezza e spossatezza sono molteplici, tra essi ci sono ad esempio le giornate che diventano più lunghe e impegnative, il caldo improvviso, che ci spossa, il rilascio della stanchezza e delle tossine accumulate nel corso dell’inverno e, non ultima, la nostra cattiva alimentazione. Vero è che ogni cambio di stagione rappresenta per il nostro corpo un vero e proprio stress, un mutamento importante per il nostro metabolismo e le nostre difese immunitarie, ai fini dell’adattamento, adattamento che alcuni fanno più fatica di altri a fare.

Tra le condizioni metereologiche e le nostre reazioni fisiologiche esiste dunque uno stretto legame, scandito dal ticchettio del nostro orologio interno: i nostri ritmi biologici infatti sono scanditi e regolati dal susseguirsi e dal cadenzarsi di stimoli ambientaldonna correi esterni e dall’alternarsi della notte con il giorno.

 

Ma come fare per cercare di limitare l’impatto del cambio di stagione e per sentire il meno possibile tutti i malanni che lo accompagnano?

 

La soluzione è semplice: basta prestare un po’ più di attenzione a quel che il nostro corpo ci comunica e prestare ascolto a quello che la natura stessa ci sussurra.

Incrementare l’attività fisica e il consumo di frutta e verdura sono già due ottimi modi per riacquistare un po’ dell’energia perduta e fare il pieno di vitamine: l’alimentazione infatti rappresenta un’arma molto importante ed efficace per combattere i malanni primaverili e, a questo proposito, è bene cercare anche di ridurre il consumo di salumi o, se si riesce, addirittura eliminarli per un po’ dalla nostra alimentazione, poiché, sonno primaverileessendo molto calorici e grassi, aumentano la sensazione di stanchezza.

Quando ci si sente stanchi, la tentazione di stendersi sul divano e poltrire è molto forte, ma bisogna cercare di combatterla, muoversi è importante perché l’attività fisica stimola la produzione di endorfina, enegizzante per il corpo e la psiche.

E’ molto importante anche cercare di ritagliarsi un po’ di tempo per sé, lontani dallo stress e dalla frenesia quotidiana, cercando di dedicare qualche ora al proprio benessere, passeggiando ad esempio con il cellulare spento, facendo un bel bagno o leggendo un libro.

Infine, anche se ci sembra di essere molto stanchi o, al contrario, di non avere assolutamente sonno,  andare a letto e svegliarsi sempre alla stessa ora, per regolarizzare il ritmo sonno/veglia, è un ottimo rimedio per vincere la stanchezza primaverile.

Come combattere i malanni primaverili.

About The Author

Number of Entries : 243

Leave a Comment

Scroll to top