Dieta Detox con i superfood (Workshop Milano)

Susan-Tomassini-workshop-detox
Condividi con i tuoi amici!
  • 19
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
    20
    Shares

La Dieta Detox con i superfood, speciale Workshop  Detox 🌱 “The Clever Kitchen” con la nutrizionista Susan Tomassini di Foodwise, tenuto a Milano martedì 23 gennaio 2018.

Il primo di tanti eventi in programma per una sana e consapevole alimentazione bio in collaborazione con EcomarketBio. Il Workshop Dieta Detox con i superfood è dedicato a tutti quelli che vogliono rimettersi in forma, depurarsi e stare bene.

Dieta Detox con i superfood
Dieta Detox con i superfood

Susan ci mostra un percorso Detox attraverso un menù davvero interessante. Spiega perché è essenziale disintossicarsi periodicamente per restare sani , per recuperare l’energia e contrastare l’invecchiamento. La prima regola è mangiare sano senza rinunciare al gusto.

Dieta Detox con i superfood: ricette Super Simple Smart

Susan per seguire la Dieta Detox ci propone un menù facile, semplice e delizioso. Molto delizioso:  le ricette e i piatti proposti durante l’evento sono davvero gustosi. Perchè rinunciare al gusto durante il detox?

Le ricette del Workshop  Detox sono le seguenti:

  • Detox Green Smoothie.
  • Super Muesli.
  • Insalata di quinoa e verdure con salsa Tahin.
  • Le palline delle felicità con semi di chia.

Vuoi ricevere informazioni sui prossimi eventi e workshop dedicati alla alimentazione bio? Resta aggiornato. Iscriviti alla nostra Newsletter!

La Dieta Detox con i superfood in 3 fasi

La prima settimana  prevede l’eliminazione di tutti gli alimenti che intossicano il nostro organismo e che riducono la nostra energia e vitalità. Gli alimenti da eliminare prima di tutto sono il caffè, l’alcool, il frumento, i latticini e lo zucchero raffinato.

La seconda settimana è dedicata alla preparazione di alimenti sani, mangiare bene e liberare l’organismo dalle le tossine accumulate. Bisogna costruire un corpo più forte dall’interno verso l’esterno e nutrirsi con alimenti naturali. Il tuo nuovo pasto, semplice e nutriente, ti aiuterà a bilanciare i livelli di zucchero nel sangue, a prevenire qualsiasi risposta allo stress che potrebbe provocare stanchezza e aumento di peso.

La terza settimana  prevede la reintroduzione degli alimenti che hai eliminato durante la disintossicazione. I pasti devono essere regolari e consumati più o meno allo stesso orario. Imparerai a comprendere quali sono gli alimenti che hanno un effetto positivo sul tuo benessere. Scoprirai come mantenere comportamenti alimentari salutari anche durante i periodi di forte stress, come mantenere i livelli di energia ottimali e come mantenere il peso ideale.

Con la Dieta Detox con i superfood impari a gustare nuovi alimenti

Gli alimenti base  della dieta detox sono i “SuperFoods” ricchi di elementi nutritivi e benefici per l’organismo. Siamo sempre un po’ straniti di fronte ad alimenti non soliti ma solo perché non li conosciamo o perché non sappiamo come cucinarli.
Susan ci spiega le proprietà del cibo detox e come cucinarlo. È facile preparare deliziose ricette una volta familiarizzato con nuovi alimenti e imparato ad usarli in cucina.

Vuoi ricevere informazioni sui prossimi eventi e workshop dedicati alla alimentazione bio? Resta aggiornato. Iscriviti alla nostra Newsletter!

Il menù di Natale: tra tradizione e salute.

Il menù di Natale
Condividi con i tuoi amici!
  • 14
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    14
    Shares

Il menù di Natale, consigli di sopravvivenza.

Il menù di Natale.
Ci siamo. E’ quasi Natale. Leggi tutto l’articolo in fondo alla pagina troverai una sorpresa per te e la tua famiglia 😉

Anche quest’anno molti di noi si ritrovano a chiedersi quale menù proporre ad amici e parenti per il pranzo del 25 o per il cenone dell’ultimo. E tu quale menù proponi?

Se sei nel dubbio possiamo aiutarti noi ad avere qualche idea in più, qualche asso nella manica un po’ originale, buono ma anche sano per il tuo corpo. Insomma qualcosa che ti possa aiutare ad alleggerire il carico calorico (ma anche proteico, di grassi e zuccheri semplici) delle tue festività.

Il menù di Natale : troppe calorie, zuccheri, grassi e proteine per troppi giorni.

In effetti se ci pensi bene le vacanze natalizie sono le uniche festività nell’anno in cui ripetutamente si hanno e si creano occasioni ed appuntamenti attorno ad un tavolo, che sia per un pranzo, per una cena, ma pure soltanto per una chiacchierata e per stare insieme. Quando sotto Natale insomma si decide di incontrare un familiare o un amico sembra che non lo si possa fare senza una fetta di panettone,  di pandoro o del torrone o del cioccolato a contorno. Niente a che vedere con la Pasqua o il Carnevale, il Natale fa storia a sé.

Il segreto? Evitare l’accumulo ripetuto.

Ed il problema è tutto qui.
L’accumulo di calorie durante tutte le festività non sta tanto nel singolo pranzo o cenone in cui si mangia con un’abbondanza che sembra non vedere limiti, ma nel continuare a mangiare in eccesso (nutrizionale e calorico) per più giorni consecutivamente.

E’ l’accumulo ripetuto che crea problemi soprattutto in termini di peso (eccesso calorico) ma anche in termini di benessere fisico. Fermo restando che celebrare il Natale consiste anche nell’onorarlo a tavola, riuscire a contenere l’eccesso calorico è un’ottima strategia per non rincorrere il peso perduto una volta che le feste sono finite.

Se ti è di aiuto puoi calcolare il tuo Indice di Massa Corporea (IMC) online, sul sito del Ministero della Salute, così da avere un’idea reale e diretta del tuo peso corporeo.

La formula è abbastanza semplice: dividi il peso, espresso in kg, per il quadrato dell’altezza, espressa in metri, ed ottieni il tuo IMC (Kg/m2).

A Natale insomma non si sta a dieta, ma si limitano i danni. Questo è il trucco. E allora perchè non provi a farti ispirare dal nostro menù biologico e scegliere qualcosa tra le nostre proposte così da poter intervallare portate della tua tradizione natalizia a piatti più leggeri e sani ma pur sempre golosi?

Il menù di Natale 100% biologico di EcomarketBio

Scarica il Menù Natale 100% biologico 2017

Scarica qui il PDF del  Menù di Natale 100% biologico, nel nostro comodo libretto pieghevole.

Il menù’ di Natale 100% biologico di EcomarketBio, prepara il menù di Natale con tutta la famiglia guardando le nostre video ricette:

Fai la prima colazione con il Muesli, la tua miscela di cereali

colazione muesli
Condividi con i tuoi amici!
  • 8
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    8
    Shares

Il muesli è una miscela di cereali e frutta secca, ideale da preparare per la prima colazione perché fonte di energia. È molto popolare in Svizzera dove è consumato anche per cena. Inizialmente faceva parte della dieta riservata ai vegetariani, oggi è presente in qualsiasi dieta alimentare.

Maximilian Oskar Bircher-Benner, medico e nutrizionista svizzero, morto nel 1939, inventò il Birchermüesli, ricetta da cui proviene il muesli. La ricetta originale del Birchermüesli è caratterizzata da quattro ingredienti fondamentali: fiocchi d’avena, latte, una manciata di noci, la mela grattugiata e un po’ di succo limone.

Come si mangia il muesli

Oggi è consigliato accompagnarlo con latte, yogurt o latte di soia. Ci sono tante varietà, ma ci piace rispettare la ricetta semplice e originale. È  facile da preparare, basta solo dotarsi di un alimento base come i fiocchi di avena, questi sono di origine italiana e basta aggiungere il latte di soiasucco di limone e mela grattugiata.

colazioni-muesli
Selezione di muesli disponibili su www.ecomarket.bio

I benefici del muesli

  • L’avena è un prezioso alimento per la nostra dieta quotidiana, è ricca di fibre ed è in grado di fornire energia senza innalzare la glicemia. È ricca di proteine quindi ideale per le diete vegetariane.  Ha un alto contenuto di fibre solubili per questo aiutano la regolarità intestinale e a dare un senso di sazietà. Abbassa il livello di colesterolo nel sangue, protegge le arterie dall’aterosclerosi.
  • Il latte è uno degli alimenti più nutrienti e completi, è ricco vitamine del gruppo A e B , di calcio e di vitamina D (essenziale per le ossa e i denti ).
  • Il latte di soia, è considerato un’ottima alternativa al latte vaccino anche dai nutrizionisti, è privo di lattosio (quindi ideale per chi è intollerante) è senza colesterolo. Contiene vitamine e fibre.
  • Le noci contengono preziose proprietà per la nostra salute. Sono ricche di proteine vegetali, di omega 3, di sali minerali e di energia. Sono potenti antiossidanti, fonte di vitamine, specialmente della vitamina E che protegge i tessuti dell’organismo dai radicali liberi. Aiutano a mantenere stabile il livello di colesterolo nel sangue, a rinforzare la memoria e a regolare i cicli di sonno – veglia grazie alla presenza di melatonina.Come si dice… una mela al giorno toglie il medico di torno. Le mele sono ricche di fibre, vitamine, soprattutto C, e sali minerali. Svolgono una forte azione antiossidante preservando le cellule dall’invecchiamento precoce. Controllano la glicemia, il colesterolo e hanno proprietà antinfiammatorie.

Niente di più semplice e di salutare per iniziare un nuovo giorno con una ricarica di energia e vitalità, piena di benessere psicofisico che aiuta ad affrontare con il giusto equilibrio le sfide che ci attendono tutti i giorni.

Lo sapevi che?

Vale la pena ricordare che la dieta del dottor Maximilian Oskar Bircher-Benner è basata essenzialmente su una alimentazione ricca di vegetali vivi (verdura e frutta cruda e fresca) e considerati banditi dalla dieta invece tutti gli alimenti “morti” quali cibi cotti o conservati, prodotti industriali, alcool, sale, zucchero, carni, salumi, uova, latte, tè, caffè, bevande sintetiche, marmellata, formaggi e pane bianco. Cosi come ricorda Katherine Milton, una eminente scienziata alimentare e ricercatrice presso l’Università di Berkley afferma che: «La prevalenza diffusa di problemi di salute legati all’alimentazione, in particolare nei paesi altamente industrializzati, suggerisce che molti esseri umani non stanno mangiando in un modo compatibile con la loro biologia».

Nel 1903, l’illustre nutrizionista che inventò il Birchermüesli pubblicò un libro: «Brevi fondamenti della terapia nutrizionale, sulla base della tensione energetica in cucina» in cui descrive le potenzialità benefiche del cibo crudo, per questo possiamo definirlo come il precursore del raw-food, insomma, un vero crudista, un visionario per la sua epoca.

Maggiori informazioni, in lingua inglese, direttamente dagli archivi della Università di Zurigo, “A new way of living: Maximilian Bircher-Benner (1867-1939)  una lettura educativa ed affascinante.

Ricetta vegetariana: tortino di tofu

Condividi con i tuoi amici!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Colorato, saporito e ricco di vedure, il tortino di tofu è ottimo da gustare come piatto unico ma anche come secondo o come accompagnamento all’aperitivo. Realizzarlo è semplice e il successo di questo piatto è garantito!

Ingredienti
500 gr di farina
25 gr di lievito bio
350 gr di tofu morbido
1 cipolla bianca
1 carota
1 peperone giallo
50 gr di piselli
100 gr di funghi secchi
Aneto
Basilico
Paprica
Aceto di vino bianco
Olio extra vergine d’oliva
Sale
Pepe


Preparazione

Per realizzare il tortino di tofu si comincia dalla pasta: in una terrina capiente vanno uniti farina, lievito, acqua e un filo di olio extra vergine d’oliva; gli ingredienti vanno impastati con cura e poi l’impasto va lasciato a lievitare per un’ora circa. Nel frattempo procuratevi una padella, tagliate fine la cipolla e mettetela nella teglia con un po’ di olio e lasciatela appassire per qualche minuto a fuoco medio, finchè non diverrà dorata. Pulite ora le verdure e i funghi, tagliate il tutto in piccoli pezzi e unite alla cipolla. Lasciate cuocere il misto di verdura con coperchio a fuoco dolce per 15-20 minuti, mescolando di tanto in tanto. Terminato il tempo di cottura, trasferite il tutto in una terrina e aspettate che si raffreddi. Aggiungete ora un cucchiaio di aceto, un po’ di sale e pepe e mescolate; aggiungete anche il tofu tagliato in piccoli pezzi e mescolate delicatamente. E’ arrivato il momento di insaporire il piatto con le spezie: aggiungete aneto, basilico e paprica in base ai vostri gusti, mescolate e fate ancora cuocere il tutto per 5 minuti scarsi.  Nel frattempo, in uno stampo rotondo, stendete l’impasto, rinforzando bene i bordi con la pasta, riempite con il ripieno di verdure e tofu, livellate bene e infornate il tortino in forno pre-riscaldato a 200°per 25/30 minuti. Servite tiepido.

 

Cotoletta di seitan al forno

Condividi con i tuoi amici!
  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    6
    Shares

Le cotolette di seitan sono buone, gustose, saporite e, essendo cotte al forno, sono leggere e salutari. Prepararle è semplice e il piatto è di sicuro successo!

seitan cotolette

Ingredienti per 4 persone
600 gr di seitan a fette
Pangrattato
Olio extravergine d’oliva, 1 cucchiaio
Mezzo bicchiere d’acqua
Un bicchiere di salsa di soia
Sale
Pepe
Erbe aromatiche
Limone

Preparazione
In una terrina vanno uniti assieme l’acqua e la soia e, dopo aver mescolato, vanno messe in ammollo le fette di seitan per una ventina di minuti. Trascorso il tempo, le fette vanno tolte dalla scodella, passate nel pangrattato da entrambi i lati e disposte in una teglia precedentemente oliata. Le fette vann0 condite con sale, pepe, un po’ di succo di limone e le erbe aromatiche e poi cotte a 200° in forno pre-riscaldato per 15-20 minuti circa. L’ideale è gustarle calde e croccanti!

Ricetta vegana: Torta alle nocciole

Condividi con i tuoi amici!
  • 34
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
    35
    Shares

Ingredienti scelti con cura e biologici, morbidezza e bontà sono le caratteristiche che meglio descrivono la torta vegana alle nocciole. Ecco la ricetta e tutte le indicazioni per prepararla!

torta-nocciole-vegan

Ingredienti:
250 gr di farina integrale
200 gr di zucchero di canna integrale
Mezzo bicchiere di latte di soia
150 gr di nocciole sgusciate
1 bustina di lievito per dolci
1 cucchiaio di olio extra vergine d’oliva
60 gr di olio di semi di girasole
6 cucchiai di fecola di patate
Scorza di limone
Zucchero a velo

Preparazione:
Per preparare la torta occorre innanzitutto tritare le nocciole e unirle, in una terrina capiente, allo zucchero, all’olio d’oliva e all’olio di semi di girasole. La farina va passata al setaccio a parte assieme al lievito e alla fecola di patate e poi questi ingredienti vanno aggiunti agli altri uniti precedentemente nella terrina, avendo cura di mescolare bene. Per ammorbidire il composto ed evitare la formazione di grumi, aggiungete il latte di soia e la scorza di limone. Oliate poi per bene una tortiera e versatevi all’interno il composto. Infornate in forno pre-riscaldato a 180° per 45 minuti circa; per accertarvi che la torta sia ben cotta, fate la prova dello stecchino di legno che dovrà risultare asciutto, altrimenti prolungate la cottura di una decina di minuti. Prima di servire la torta, lasciatela raffreddare e guarnitela con lo zucchero a velo e un po’ di nocciole sbriciolate.

Gazpacho: fresco, gustoso e saporito!

Condividi con i tuoi amici!
  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    6
    Shares

In estate la voglia di mangiare cibi gustosi ma al contempo freschi e leggeri diventa una vera e propria necessità. Il Gazpacho è un piatto che risponde a questi requisiti e, con il suo sapore inconfondibile, riscuote sempre numerosissimi consensi!

Ingredienti
6 pomodori maturi
2 spicchi di aglio
1 cipolla bianca
Olio extra vergine d’oliva
Aceto di vino rosso
1 cetriolo
Mezzo peperone rosso
5 fette di pane
Sale

Preparazione
In una terrina capiente mettere il cetriolo tagliato a pezzetti, i pomodori puliti tagliati a cubetti e la cipolla e il peperone, anch’essi lavati con cura, sminuzzati. Prelevate e sminuzzate la mollica da due delle fette di pane, mettete anch’essa nella terrina e aggiungete l’aglio schiacciato. Mescolate il contenuto della terrina e aggiungete ora un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva, un cucchiaio di aceto di vino rosso, un pizzico di sale e mescolate. Dopo aver mescolato nuovamente il tutto per amalgamarlo al meglio, versate il contenuto della terrina nel frullatore e frullate finchè il composto non sarà diventato una crema morbida e omogenea. Dopo averne verificato il sapore e aver corretto eventualmente di sale, il Gazpacho va riposto in frigorifero e lasciato riposare per un paio di ore. Andrà servito bello fresco, accompagnato da fette di pane abbrustolite.. una vera delizia!

Terrina del bosco, il dolce dell’estate

Condividi con i tuoi amici!
  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares

Se siete in vacanza in montagna approfittatene! Preparare la Terrina del Bosco è semplice e, se preparata con i frutti di stagione colti durante le passeggiate, il risultato è davvero impagabile!

Ingredienti
400 gr di lamponi
250 gr di fragole
250 gr di mirtilli
Zucchero di canna
Vino rosso frizzante
Aceto balsamico
Menta 
Succo d’arancia

Preparazione
La prima cosa da fare è lavare bene la frutta, soprattutto se è stata colta fresca nel bosco. In tal caso lavatela sotto l’acqua corrente, lasciatela a sgocciolare su un canovaccio pulito e infine sfregatela con molta delicatezza con il canovaccio. Trasferite tutta la frutta in una terrina, unitevi un bicchiere di vino, qualche cucchiaio di aceto balsamico, tre cucchiai di zucchero di canna e infine mezzo bicchiere di succo di arancia. Mescolate con delicatezza e lasciate il tutto in frigorifero per un’ora circa, in modo che la frutta prenda sapore. Quando è il momento di servire il dolce, disponete la frutta in coppette e guarnite con la menta tritata.

Per i più golosi:
Chi lo desidera, può aggiungere alla macedonia di bosco una pallina di gelato al gusto di panna in modo da rendere la terrina del bosco ancora più gustosa!

Muffin al lime e semi di papavero

Condividi con i tuoi amici!
  • 7
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    7
    Shares

Hai mai assaggiato i muffin al lime e semi di papavero? Ecco una ricetta diversa dal solito, per rendere speciali e donare un tocco di originalità ai tradizionali muffin! 😉 Gli amanti della sperimentazione e dei gusti inediti non resteranno assolutamente delusi da questa buonissima novità! Ecco le indicazioni per realizzarla.

Ingredienti:
180 ml di olio di semi di girasole
230 gr di farina di farro
230 gr di zucchero di canna integrale
1 uovo
1 albume
160 ml di latte di soia
1 cucchiaino di lievito in polvere
Sale
Semi di papavero
1 lime

Preparazione (per 12 muffin)
Prima di iniziare a preparare i muffin, pre-riscalda il forno a 190° e inserisci nello stampo per muffin gli appositi pirottini di carta.
In una terrina capiente aggiungi alla farina, il lievito e il sale; mescola con cura e poi aggiungi anche lo zucchero. In una seconda terrina sbattere l’uovo, l’albume e l’olio di semi di girasole. A parte spremo il lime e  grattugiane la buccia: aggiungi in questa seconda terrina un cucchiaio del suo succo e un cucchiaio della sua scorza. Il contenuto delle due terrine va ora unito con delicatezza, vanno aggiunti i semi di papavero e il tutto va mescolato sommariamente perché dovrà restare grumoso. Il composto andrà quindi disposto nei pirottini, riempiendoli solo per 2/3 poiché, in fase di cottura, il composto lieviterà. Prima di infornare lo stampo, cospargi i muffin di semi di papavero e scorza grattugiata di lime. Il tempo di cottura è di circa 25/30 minuti, alla fine del quale i muffin risulteranno dorati e gonfi. Una volta sfornati a voi la scelta se servirli ancora caldi o lasciarli raffreddare.  🙂

Tiramisù… senza le uova!

Condividi con i tuoi amici!
  • 10
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    10
    Shares

Più leggero della ricetta tradizionale e adatto a soddisfare le voglie delle donne in gravidanza che non possono mangiare uova crude, il tiramisù senza uova è facile e veloce da preparare ed è buonissimo!

ricetta-tiramisu-no-uova

Ingredienti:
Una confezione di biscotti simil Pavesini
500 gr di mascarpone
250 ml di latte parzialmente scremato
200 gr di zucchero di canna
Cacao amaro q.b.
Una tazza di caffè
200 ml di panna

Preparazione
Cominciamo la preparazione del tiramisù dalla crema di mascarpone, unendo il mascarpone allo zucchero e amalgamandoli bene con la frusta. In una seconda ciotola va invece montata la panna e, quando risulterà bella vaporosa, andrà unita delicatamente alla crema di mascarpone e ad essa incorporata. Lasciate la crema a riposare in frigo qualche minuto. Nel frattempo prendete una pirofila e copritene il fondo con i pavesini bagnati leggermente nel caffè, disposti vicini l’uno all’altro; i pavesini vanno ora ricoperti con uno strato di crema di mascarpone e poi, nuovamente, realizzate uno strato di pavesini imbevuti di caffè. Terminate con uno strato di crema e  lasciate il tiramisù in frigorifero per qualche ora. Prima di servirlo, date una bella spolverata di cacao amaro.