Spezie scadute? Non le buttare!

spezie scadute
Condividi con i tuoi amici!
  • 27
  •  
  • 101
  •  
  •  
  •  
    128
    Shares

Spezie scadute, a chi non è mai capitato di trovare in dispensa confezioni datate? Capita infatti che una determinata spezia si acquisti per una circostanza o una ricetta particolare e che poi resti lì, inutilizzata, fino alla data di scadenza. In casi di questo tipo, non pensate subito alla spazzatura: le spezie infatti riservano ancora qualche sorpresa e degli usi alternativi, non alimentari, inaspettati!

spezie-scadute-usi

E’ bene sottolineare inoltre che il fatto che, nonostante una spezia abbia superato la data di scadenza indicata, non significa necessariamente che non sia più buona: nella maggior parte dei casi infatti significa soltanto che il suo potere aromatico non è più al 100%, ma non sussistono danni per la salute. Se invece la spezia, per odore o per colore, si discosta da come dovrebbe essere, al di là del fatto se abbia superato la data di scadenza o no, può non essere stata conservata bene e in quel caso allora è meglio buttarla nei rifiuti organici.

Ecco qualche spunto per riutilizzare le spezie scadute nelle nostre dispense, in linea con il motto… Non sprecare!

Spezie scadute usi alternativi

Profumatore per ambiente

Anche se la spezia non ha più l’aroma di un tempo, come profumatore per ambiente può svolgere il suo compito al meglio!
Se poi la si fa bollire prima, grazie al calore, la spezia ritrova parte dell’aroma. Per creare quindi un profumatore per ambiente personalizzato, basta far bollire in un pentolino dell’acqua e le proprie spezie preferite e posizionare poi il tutto in casa, dove meglio si crede.

Le spezie più profumate come ad esempio la salvia, l’origano e chiodi di garofano non hanno nemmeno bisogno di essere ravvivate in acqua bollente e si possono inserire direttamente in sacchettini di cotone da posizionare negli armadi o nei punti di casa che volete profumare. Grazie al loro aroma intenso, queste spezie si rivelano particolarmente utili anche per profumare e contrastare i cattivi odori della scarpiera.

Disegni e pitture

Alcune spezie, per loro stessa natura, sono ricche di pigmenti e hanno un potere colorante. I più creativi, approfittando di questa caratteristica, possono dedicarsi a quadretti, disegni e creazioni artistiche naturali, usando le spezie come coloranti. La curcuma, il curry, la lavanda e la ginestra, ad esempio, ben si prestano a questo scopo. Via libera alla creatività dunque!

Esfoliante per il corpo

Tutte le spezie con consistenza granulare possono trasformarsi in ottimi e profumati scrub. Si possono semplicemente aggiungere al sapone oppure si può creare uno scrub ad hoc unendo vari ingredienti, come ad esempio olio extra vergine d’oliva, la spezia o e spezie scelte e del sale fine, per un effetto esfoliante e al contempo idratante. Le combinazioni sono tantissime: a voi la scelta di spezie e ingredienti! Una volta creato lo scrub, non resta che passarlo delicatamente con movimenti circolari su cute detersa.

Deterrente per gli insetti

Se gli insetti non vi lasciano in pace o banchettano con le vostre piante preferite, le spezie scadute possono fornire la soluzione ideale. In particolare le spezie più piccanti come il pepe o il peperoncino, se disposte nel vaso, sul terriccio o nei punti d’ingresso da cui insetti e formiche accedono in casa, possono diventare un ottimo deterrente. C’è solo da tenere presente che, più vecchia è la spezia, più il suo potere piccante diventa debole.

Video ricette bio con ingredienti a base di spezie.

Conchiglie di grano saraceno con curcuma, tofu e peperoni.

Focaccine di Kamut alle spezie

Bulgur con zucca e porri.

Profuma la tua casa in modo naturale!

Condividi con i tuoi amici!
  • 12
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    12
    Shares

Sapevate che esistono tantissimi modi per profumare la propria casa in modo naturale, senza dover per forza ricorrere a spray chimici o a deodoranti per ambiente industriali e artificiali? Per donare alle stanze di casa un fresco profumo infatti, basta davvero poco… a volte basta anche soltanto un mazzo di fiori appena colto o dei mazzetti di fiori secchi, come la lavanda! Ecco qualche spunto profumato… a cui ispirarsi!

profumazioni naturali casa

Oli essenziali
Un modo semplicissimo per profumare casa consiste nell’utilizzare gli oli essenziali. Disponibili in tantissime varianti, sono un prodotto davvero versatile. Se ne può mettere qualche goccia nel potpourri o nel diffusore di casa, oppure su dei fazzolettini da posizionare negli armadi. Gli oli essenziali ben si prestano anche ad essere abbinati tra loro per dare vita a profumi e accostamenti inediti.


Acqua profumata

Un’altra soluzione per profumare casa consiste nel creare da sè una bottiglietta di acqua profumata, da nebulizzare all’occorrenza, evitando così l’uso di deodoranti spray, chimici e dannosi per l’ambiente. Realizzare un acqua profumata è molto semplice: basta procurarsi uno spruzzino o un contenitore a spray, riempirlo di acqua e diluirci all’interno qualche goccia dei vostri oli essenziali preferiti (mixando a piacere tra le varie fragranze) ed anche, se l’idea vi piace, spezie e petali di fiori. In caso di uso di petali e spezie l’acqua va prima lasciata a riposo qualche ora, in modo che si profumi bene, poi va diluita e a questo punto messa nello spruzzino e nebulizzata.

spray-acqua-profumata

Cannella
Un’altro metodo, perfetto se vi piacciono le profumazioni speziate e amate le candele, consiste nel contornare tutte le candele di casa con abbondante cannella, in modo che, accendendole assieme, si possa diffondere un buonissimo profumo per la casa.

Candele profumate bio
Chi preferisce non avere a che fare con intrugli, può usare semplicemente delle candele profumate. Attenzione però: in commercio ne esistono tante tipologie diverse, con tante profumazioni; è imporatnte sceglierle bio ed ecologiche, per profumare la vostra casa con la fragranza che più vi piace, in tutta sicurezza.


La menta

Con il suo profumo fresco e rilassante, la menta è perfetta per profumare casa! Basta raccogliere le foglie e posizionarle in casa, in una ciotola. Se vi sentite creative, potete anche realizzare un bel centro-tavola a base di menta, per avere una cucina adorna e al contempo profumata.

Questi sono solo alcuni esempi di come profumare casa in modo naturale. Lasciate libero sfogo alla fantasia e vedrete che ne troverete tanti altri, in relazione anche alla stagione, ai vostri gusti e a quello che più vi piace.
menta-profumo-casa

5 metodi per riutilizzare i collant

Condividi con i tuoi amici!
  • 19
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    19
    Shares

Chi è alle prese in questo periodo con il cambio-armadio alzi la mano!
Tra gli indumenti che non rivedremo più in questi mesi caldi ci sono sicuramente i collant e, dopo un’attenta analisi, è facile rendersi conto che tanti di essi saranno comunque non più utilizzabili in autunno perchè rovinati, usarati, bucati o smagliati. Invece che buttarli nella spazzatura, ecco 5 metodi per dare loro nuova vita e riutilizzarli con una nuova, utile funzione.

L’importante… è non sprecare!

1) Collane fantasiose
Le più creative possono in questo caso sbizzarrirsi in creazioni e bijoux di ogni tipo! La parola d’ordine è “osare” e gli spunti e le possibilità sono davvero infinite: non resta che rimboccarsi le maniche e dare libero sfogo alla propria fantasia! Ecco qualche spunto!

Immagine tratta dal sito web http://www.fusillacreativa.it/
Immagine tratta dal sito web http://www.fusillacreativa.it/

colllane-con-riciclo-collant

collana-con-collant

2) Lavaggi in lavatrice di capi delicati
Alcuni capi, durante il lavaggio in lavatrice, rischiano di rovinarsi. Per evitare danni, si possono utilizzare i vecchi collant e chiudere i capi delicati all’interno tramite nodi, per un lavaggio sicuro e a prova di capo delicato!

lavaggio-capi-delicati

riuso-collant-lavatrice

3) Spugna saponata
Avete in casa numerosi resti di saponette e non sapete che farne? Raggruppateli tutti e chiudeteli con un nodo all’interno di un pezzo di collant: avrete così creato una spugna esfoliante fai da te, con tanto di sapone incorporato, da tenere in doccia e bagnare all’occorrenza: una proposta funzionale, comoda e utile!

collant-spugna-sapone

4) Pupazzi di ogni tipo
Come esistono tante tipologie di collant, allo stesso modo partendo da queste calze è possibile realizzare diversi tipi di pupazzi. Ce n’è per tutti i gusti e per tutte le capacità: a voi la scelta!
Tra le nostre proposte ci sono anche le teste verdi, i simpatici pupazzi, semplicissimi da creare,  a cui crescono i capelli, da realizzare con collant, terriccio e semi d’erba: buon divertimento!

giocattoli-per-bambini-collant

pupazzi-collant

 

teste-verdi-collant

5) Supporto per piante
Chi ha il pollice verde apprezzerà sicuramente questo uso alternativo dei collant. Le calze elastiche infatti si possono usare per legare le piante in vaso ai loro supporti, senza stressare le foglie e i rami. Basta tagliarle le calze a strisce più o meno sottili, a seconda delle necessità, e il gioco è fatto!

collant-supporto-piante

10 buoni motivi per non gettare i sacchetti di carta.

Condividi con i tuoi amici!

Chi ha l’abitudine di comprare quotidianamente il pane dal proprio fornaio di fiducia, si trova ogni giorno costretto ad avere a che fare con il sacchetto di carta che lo contiene e, ahimè, il più delle volte, non sapendo che farne, lo getta nell’immondizia. Eppure… mai gesto fu più sbagliato! Buttare i sacchetti di carta infatti è un vero peccato perchè i modi per riutilizzarli sono tanti, sono interessanti e sono davvero utili!

Dunque,voi cercate di non rovinarli troppo e liberateli dalle briciole, e io vi dirò dieci buoni motivi per non gettarli nella spazzatura!

sacchetto-carta-uso-creativo

 

1)    In primis partiamo dal riuso più classico e comune che consiste nel mettere da parte i sacchetti di carta per riutilizzarli per la spesa al mercato di frutta e verdura e per la raccolta differenziata di carta e cartone, in ufficio e nelle varie stanze della casa.

 

2)    Capita spessissimo che, non appena ci sia necessità di fare un pacchetto regalo, non sia reperibile da nessuna parte carta da regalo oppure, in alternativa, nascosti in improbabili cassetti e scatoloni, si scovino soltanto residui di carta da da pacchi natalizia e completamente inadatta per il regalo da impacchettare in quel momento. In questo caso i sacchetti del pane possono fungere da valido strumento per realizzare pacchetti regalo semplici e dal colore neutrale. Sta poi a voi, in base al vostro livello di creatività, decidere di decorarli e colorarli o presentarli così. Unico accorgimento: prima di incartare il regalo posizionate il sacchetto sotto un peso (va benissimo anche un dizionario) in modo da rimuovere eventuali pieghe.

 

3)    Lo stesso discorso vale per i biglietti d’auguri. Proprio nell’istante in cui si decide di scrivere il biglietto da abbinare al pacco regalo, ci si rende conto che in casa non c’è traccia di buste e fogli adeguati. Niente paura: sarà sufficiente ritagliare un sacchetto di carta per realizzare un simpatico biglietto a costo zero, da avvolgere poi a pergamena. Questa è la struttura base del biglietto: se avete tempo, voglia e fantasia siete poi liberissimi di colorarlo, decorarlo, incollarlo su cartoncino. Un suggerimento per un biglietto completamente green? Scegliete di incollare il biglietto realizzato con il sacchetto del pane sul cartoncino della scatola del riso o della pasta il risultato sarà ecologico, economico e originale!

 

4)    I sacchetti di carta sono molto utili per riporre e conservare patate, cipolle e aglio. Infatti, proprio grazie ai sacchetti in carta che ritardano la gemmazione e che permettono una conservazione più duratura, potrete tranquillamente riporli in dispensa, purchè al riparo da luce e umidità.

sacchetto-carta-riciclo-creativo

 

5)    I sacchetti di carta sono molto utili per l’essicazione di erbe aromatiche come, ad esempio, il rosmarino e l’origano. Posizionatele nei sacchetti e riponete il tutto in un luogo lontano dall’umidità in attesa che il processo di essiccazione si concluda.

 

6)    Lo stesso procedimento sopra descritto è applicabile per la lavanda e per i petali di fiori. Una volta terminata l’essicazione sarà possibile realizzare, sempre mediante l’uso di sacchetti di carta, sacchettini per profumare gli armadi. Potrete utilizzare i sacchetti stessi, sigillandoli e appendendoli ad una gruccia, oppure potrete ritagliare pezzi di sacchetto, riempirlo con i fiori essiccati e chiuderlo con un nastro. In entrambi i casi il vostro armadio sarà profumatissimo!

 

7)    Ecco qui un utilizzo piuttosto inconsueto del sacchetto di carta, ma molto utile! Vi è mai capitato di trovare macchie di cera su tappeti o tovaglie? Per rimuoverle esiste un trucco semplicissimo: distendete il sacchetto di carta sulla macchia e passateci sopra il ferro da stiro; la cera, a contatto col calore si scioglierà e resterà attaccata al foglio di carta.

sacchetto carta candeline

 

8)    Adorate passare le serate sul divano di casa, guardando film e mangiando pop corn fatti in casa? Conservate i sacchetti di carta perché, in serate come queste, li scoprirete davvero utili! Specialmente se avete invitato ospiti!

 

9)    Sempre in caso di ospiti a cena, per allestire la tavola in modo originale, utilizzate i sacchetti di carta che avete conservato! E’ sufficiente rigirarli all’interno (in caso di marchi stampati) e arrotolarne i bordi e…voilà! Avrete realizzato un contenitore per i grissini molto speciale o anche dei porta candeline unici nel loro genere.

 

10) Se siete già abitualmente dediti al riciclo dei materiali, allora apprezzerete l’idea di ritagliare i sacchetti di carta in tanti quadratini da usare come una sorta di blocco per prendere appunti, scrivere la lista della spesa o annotazioni di vario. Allo stesso modo, altrettanto utile può essere ricoprire la copertina dei libri che si teme di rovinare, proprio utlizzando i sacchetti di carta.

Riciclo creativo: 6 idee per i vasetti di omogeneizzati!

Condividi con i tuoi amici!
  • 26
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    26
    Shares

Chi ha a che fare con bambini piccoli, sa bene quanti vasetti di omogeneizzati vengono usati ogni giorno. Invece che buttarli, perché non pensare di donare loro nuova vita e nuova utilità? Le possibilità sono davvero tante e molto carine: noi vi proponiamo 6 spunti, voi lasciate libero sfogo alla vostra fantasia!

1) Graziosi portacandele
I vasetti ben si prestano a diventare dei graziosi portacandele. In vista dell’estate, sono perfetti per decorare e abbellire giardini e balconi e sono personalizzabili secondo il vostro gusto, usando carta, spago, foglie ecc.

candele-vasetto

 

riciclo-barattoli

2) Lampade da soffitto
Chi ama le idee originali e creative sicuramente apprezzerà questo impiego inusuale e molto ad effetto dei vasetti di omogeneizzato

lampade-vasetti

3) Piccola serra!
Un altro modo intelligenti per dare nuova vita a questi piccoli barattoli di vetro è trasformarli in piccoli vasetti, riempirli di terra e piantarci le proprie piantine preferite, siano esse spezie o fiori.

vasetti-piantine

 

 

Riciclo-dei-barattoli-piantine

4) Bomboniere
Come risparmiare sulle bomboniere per il battesimo e proporre un’idea creativa? Usando i vasetti degli omogeneizzati! Le possibilità sono tante, così come le decorazioni! All’interno mettete i confetti che preferite e il gioco è fatto!

Immagine tratta da http://partymamma.net/
Immagine tratta da http://partymamma.net/

vasetti-bomboniera2

 

5) Comodi porta-spezie
Per avere le spezie sempre a disposizione e ben ordinate, perchè non usare i vasetti? Una soluzione originale, comoda e soprattutto funzionale!

portaspezie

6) Hobbystica e cucito
Chi si diletta con ago e filo o si dedica alla realizzazione di collane, orecchini e di creazioni fai da te, sa bene quanto sia complicato tenere in ordine perline, bottoni, fili, aghi, pietre ecc.
Anche in questo caso i vasetti di omogeneizzati rappresentano una soluzione comoda e utile per avere tutto il materiale in ordine e al contempo sotto mano.

vasetti-perline

vasetto-cucito2

vasetto-cucito