Come combattere il caldo.

Quando le temperature salgono e il caldo si fa sentire, non è semplice adattarsi. Non tutti infatti tolleriamo le alte temperature allo stesso modo e per alcuni resistere al caldo è davvero difficile. L’aria condizionata però non è l’unica soluzione possibile per trovare un po’ di refrigerio: chi preferisce non usarla, adottando qualche escamotage e ricorrendo a qualche semplice trucco, potrà comunque trovare un po’ di tregua alla calura.

comabattere-caldo

Ecco qualche consiglio da tenere presente: si tratta per lo più di semplici regole dettate dal buon senso che però, se rispettate, possono davvero aiutare a affrontare la calura estiva nel migliore dei modi.

1) Bere tanta acqua
Può sembrare un consiglio banale ma non va assolutamente sottovalutato. Quando le temperature salgono infatti il nostro corpo fatica a mantenere la giusta temperatura e il corretto livello di idratazione. Bere acqua, anche quando non si ha sete, aiuta il corpo a trovare il suo equilibrio e a mantenersi idratato. Sarebbe meglio però preferire acqua a temperatura ambiente o, al massimo, fresca, evitando invece di berla ghiacciata. Il refrigerio che sembra dare inizialmente un bicchier d’acqua ghiacciato (o una bibita) e solo momentaneo ed è effimero; si tratta in realtà di uno shock per il nostro corpo e per i vasi sanguigni che si restringono improvvisamente ed il rischio è quello di una congestione.

frullati-centrifughe-contro-caldo2) L’alimentazione… aiuta!
La scelta di alcuni cibi invece di altri aiuta il corpo a mantenersi idratato e ad avere le giuste forze per affrontare la giornata. Meglio sempre prediligere cibi freschi e leggeri che non appesantiscano lo stomaco e che non necessitino di una digestione laboriosa. Via libera a frutta e verdura fresca, anche sotto forma di frullati, spremute e centrifughe. Meglio evitare invece i cibi fritti  e le ricette troppo elaborate.

3) Abiti giusti
In caso di caldo e afa è bene prestare attenzione anche all’abbigliamento. Meglio indossare abiti di lino e cotone e abbandonare quelli sintetici che scaldano e impediscono al corpo di avere la giusta sudorazione. Anche i jeans andrebbero messi momentaneamente da parte a favore di pantaloni più comodi, gonne lunghe o pantaloncini corti, così come sarebbe meglio prediligere scarpe aperte, comode e leggere, che facciano respirare i piedi.

4) Qualche accortezza anche in casafinestra-aperta-mattina
Nei giorni più caldi, è comunque possibile mantenere una leggera frescura anche in casa se ci si comporta nel modo corretto. Le finestre vanno aperte e la casa va areata solo la mattina presto, poi vetri  e imposte andranno chiusi, lasciando in casa una leggera penombra. Si potranno riaprire le finestre la sera, quando la temperatura sarà più fresca. Inoltre in casa è meglio preferire un buon deumidificatore rispetto a condizionatori e ventilatori ed evitare di avere sbalzi di temperatura troppo alti tra una stanza e l’altra.

5) Attenzione agli orari!
Se la giornata è davvero torrida, sarebbe meglio, se possibile, evitare di uscire di casa nelle ore più calde. Se invece la cosa non è possibile è bene uscire attrezzati, con cappello, occhiali da sole e una bottiglia d’acqua a portata di mano. In caso di anziani e bambini è invece raccomandabile rispettare il divieto di uscire nelle ore più calde e, se possibile, sarebbe meglio per loro trascorrere i periodi più caldi in villeggiatura e nel verde, lontano dall’arsura della città.

 

Come pulire il divano: i segreti per farlo tornare come nuovo!

Amato, vezzeggiato e desiderato, è molto difficile che il divano manchi in una casa! Oggetto d’arredo usatissimo e super apprezzato, viene scelto non solo per l’estetica ma anche per la comodità: il tempo che si passa sul divano infatti è davvero tanto! Sul divano ci si rilassa, si schiaccia un pisolino, si guarda la tv, si ricevono ospiti e amici e spesso si sgranocchiano spuntini o anche si cena davanti al proprio film preferito. Se poi condividete casa con qualche animale domestico, sapete bene che non siete gli unici ad apprezzare la comodità del divano!

divano-pulizia-fai-da-te

C’è però un secondo lato della medaglia, meno piacevole: proprio perchè così tanto usato e così tanto amato, il divano si sporca in fretta, si macchia facilmente, è ricettacolo di polvere e acari e, soprattutto, non sempre è così agevole da pulire.
In caso di divano sfoderabili le operazioni di pulizia sono semplici e si possono effettuare in casa, usando la propria lavatrice e seguendo le indicazioni dell’etichetta. Non tutti i divani però sono sfoderabili e spesso anche quelli che lo sono, presentano alcune parti che non si possono stacccare dal corpo principale. Che fare allora in questi casi?
Semplice: utilizzare qualche rimedio fai da te, comodo ed efficace, che ci permetta di pulire e igienizzare in profondità il nostro amatissimo divano.

come-pulire-divano-rimediL’aspirapolvere: un fedele compagno
Prima di procedere con lavaggi e detersioni, è importante rimuovere polvere, peli, sporcizia e briciole dal divano. Il modo più comodo, veloce ed efficace per farlo è usando un aspiratore potente in grado di rimuovere residui e sporco da ogni angolo.

Detersione
Dopo aver rimosso lo sporco si passa alla detersione. Il miglior detergente da usare per pulire e fondo il divano si realizza da sè, usando pochi ingredienti di facile reperibilità in casa. Basta procurarsi un secchio con una capienza di circa 2 litri e riempirlo di acqua tiepida, aggiungerci il succo di un limone e due cucchiaini di bicarbonato, per avere un ottimo detergente. Prima di procedere con la pulizia, consigliamo di testare la resistenza del tessuto in un punto del divano poco visibile e poi, se tutto è ok, procedere con la pulizia. L’azione combinata di limone e bicarbonato permetterà di eliminare anche le macchie più resistenti e svolgerà un’azione repellente contro gli acari.

pulizia-divaniE in caso di divani di pelle?
Se il vostro divano è in pelle o in ecopelle, allora il prodotto da realizzare per pulirlo dovrà essere diverso. Quel che serve in questo caso è una soluzione a base di aceto bianco (un bicchiere) e due litri di acqua. Bisogna immergere il panno in questa soluzione e passarlo sul divano, per una pulizia accurata ed efficiente.

Mantenere il divano pulito e ben deterso è importante, sia per una buona manutenzione del divano stesso che per questioni d’igiene, soprattutto se in casa ci sono bambini.

Cinque idee per riciclare i vecchi leggins

I leggins sono un capo che difficilmente manca nell’armadio di una donna. Comodi, pratici e molto più resistenti dei collant, sono disponibili in vari tessuti e in diversi colori in modo da essere usati in tutte le stagioni e in ogni occasione. Quando però i leggins si usurano o rovinano, invece che buttarli, perchè non dare loro nuova vita trasformandoli in qualcosa di diverso ma altrettanto utile?

Ecco cinque idee creative per riciclare i vecchi leggins!

1) Panni per la polvere
In casa, quando c’è da fare le pulizie, i panni per la polvere sembrano non bastare mai! Munitevi di  forbici e tagliate i vostri vecchi leggins: rimpinguerete in questo modo la vostra fornitura di panni per la polvere!

leggins-panno-polvere

2) Manicotti per le braccia
Per dare al tuo look un tocco originale e glamour, puoi trasformare i tuoi vecchi leggins in comodi manicotti per le braccia. Basta tagliare la parte superiore e abbinarli all’abito che preferisci!

manicotti-leggins

 

3) Leggins… versione estiva!
Un’altra idea utile consiste nel tagliare le gambe dei leggins e realizzare dei comodi pantaloncini corti, funzionali e aderenti, da usare sia in casa che al mare. Colorati, scuri, con fantasie… ce n’è per tutti i gusti!

pantaloncini-corti-leggins

 

4) Accessori per capelli fai da te
Essendo piuttosto elasticizzati, i leggins ben si prestano a trasformarsi anche in elastici, fiocchi e fasce per capelli. Basta ritagliare dalle gambe strisce di diverso spessore e lunghezza, a seconda di quel che volete realizzare, e dare vita a tanti diversi accessori glamour! Lasciate libero sfogo alla vostra fantasia e personalizzate i vostri nuovi accessori per capelli a seconda dei vostri gusti e del vostro umore del momento!

fascia capelli leggins

5) Pantaloni per neonato
Se avete dei leggins comodi, elasticizzati e colorati che non usate più, potete trasfromarli in divertenti pantaloni per neonato. basta accorciarli e adattarli alla gambe del piccolo e il gioco è fatto. Costo zero e risultato bellissimo!

leggins-riciclo-bambino

Come realizzare un latte detergente naturale

Struccarsi è un’abitudine preziosa e importante che ogni donna dovrebbe avere: pulire la pelle e liberare i pori da trucco e impurità è infatti fondamentale per il benessere della cute e per avere un viso fresco e luminoso. Un prodotto fondamentale per la pulizia del viso e per struccarsi è sicuramente il latte detergente. Tuttavia non è necessario acquistarlo: il latte detergente si può infatti anche realizzare da sè, in modo da avere sempre a disposizione un prodotto naturale, senza alcool, siliconi e sostanze nocive.

latte-detergente-bio
Per realizzare un prodotto di questo tipo, cosa serve? Innanzitutto il latte che beviamo!
Ecco gli ingredienti che servono per realizzare un latte detergente naturale e biologico.

150 ml di latte di riso
1 cucchiaio di fiori di camomilla
1 cucchiaio di farina integrale

Il latte va fatto scaldare in un pentolino e, prima che raggiunga il bollore, vanno aggiunti i fiori di camomilla. Dopo qualche minuto il latte va tolto dal fuoco e passato al colino per togliere i fiori. Il latte filtrato va poi lasciato raffreddare e va unito alla farina integrale, mescolando con cura. Il vostro latte detergente naturale è pronto: per usarlo basta passarlo sul viso inumidito aiutandosi con un batuffolo di cotone e poi sciacquarlo con acqua tiepida. Il latte detergente rimanente si può conservare il frigorifero per qualche giorno e, a seconda della stagione, può essere applicato sul viso sia freddo, appena tolto dal frigo, che a temperatura ambiente. Usando un prodotto di questo tipo, senza sostanze chimiche e artificiali, la pelle resterà fresca e tonica e la salute ne trarrà giovamento.

Zanzare: rimedi naturali per tenerle alla larga!

Quando si parla di estate, di vacanze, di serate all’aperto e di gite, purtroppo non si può fare i conti senza di loro: le spiacevoli e fastidiose zanzare. Difficili da tenere alla larga, le zanzare sono un vero e proprio tormento e con le loro punture danno l’assillo a tutti, senza risparmiare nessuno!

zanzare-rimedi-naturali

Repellenti, spray, bracciali, salviette, candele… in commercio i prodotti per tenerle alla larga sono tantissimi ma purtroppo si tratta prevalentemente di sostanze chimiche, dannose per l’ambiente e in alcuni casi anche per chi le usa. Chi ha la pelle molto delicata avrà infatti notato come alcuni repellenti tendano subito ad irritarla. Potendo scegliere, sarebbe meglio optare per prodotti biologici contro le zanzare, sicuri e certificati e green. Infine bisogna rendersi conto anche che le specie di zanzare sono varie e diverse, alcune più aggressive di altre e alcune resistenti a certi repellenti, per cui non è sempre facile trovare un prodotto ad ampio raggio che sia in grado di tenerle lontane tutte.

Tenendo presente che anche le zanzare, seppur fastidiose e antipatiche, ricoprono un loro ruolo in natura e sono utili nella catena alimentare perchè cibo prediletto di tanti uccelli, anfibi, pesci e insetti, perchè non provare ad usare qualche rimedio naturale per tenerle alla larga? Ne guadagneremo noi in salute e ne guadagnerà sicuramente anche l’ambiente.

Ecco alcuni rimedi naturali molto efficaci, assolutamente da provare!

Un bicchiere d’aceto accanto al comodino
Ci sono odori che le zanzare proprio non tollerano. Tra essi c’è sicuramente l’odore dell’aceto, per le zanzare davvero fastidioso. Per tenerle lontane di notte e dormire sonno tranquilli basterà solamente posizionare sul comodino un bel bicchiere d’aceto e le zanzare si terranno alla larga. Se però questo odore non aggrada nemmeno voi, potrete usare dei sacchettini di lavanda, decisamente più profumati ma altrettanto efficaci.

Erba gatta

Tra le piante che le zanzare non amano, c’è l’erba gatta. Facilissima da coltivare, l’erba gatta è molto sgradita alle zanzare e fiorisce tra maggio e agosto, proprio il periodo giusto! Questa pianta è inoltre sgradita anche ai topi e agli scarafaggi.

erba-gatta-repellente-zanzare

 

 

Olio essenziale alla citronella
Si tratta di uno dei rimedi naturali più noti sgraditi alle zanzare. Ha una profumazione molto forte e, se crea fastidio, si può miscelare ad altri oliiessenziali come il geranio e il basilico, anch’essi odiati dalle zanzare


Pipistrelli

I pipistrelli, animali immotivatamente temuti dall’uomo, sono ghiotti di zanzare e sono il miglior rimedio naturale per combatterle: pensate che un solo pipistrello in una notte ne può mangiare ben 2000. Se tra i vostri vicini di casa avete anche una simpatica famigliola di pipistrelli ritenetevi dunque fortunati! In alternativa potreste posizionare in un luogo tranquillo, ben riparato dalla luce e nel verde, una Bat Box: si tratta di una scatola di legno che, se risponde a tutti i requisiti prima elencati, potrebbe diventare casa di uno o più pipistrelli e assicurarvi un’estate libera dalle zanzare!

Borse da mare… fai da te!

Alla ricerca di un modo per distinguersi in spiaggia? Eccone uno: sfoggiando una bellissima e comoda borsa da mare, unica nel suo genere perchè realizzata con le proprie mani! Realizzare da sè la propria borsa da mare infatti unisce l’utile al dilettevole: permette di avere una o più borse diverse, realizzate secondo i propri gusti, a costo zero, o quasi, portando a nuova vita materiali di recupero e di riuso e dando vita a pezzi unici e inimitabili.

Da una semplice borsa di tela per la spesa, ad esempio, si può ricavare una bellissima borsa da spiaggia. Bisogna procurarsi della stoffa di due colori, forbici, ago e filo, tagliare la stoffa a strisce e ricoprire la borsa.

borsa mare fai da te

Avete presente tutte quelle magliette che, per un motivo o per l’altro, giacciono inutilizzate nell’armadio occupando solo spazio? Ecco, proprio quelle magliette sono perfette per diventare borse da mare colorate, divertenti e sempre diverse!

borsa-mare-maglietta

Le possibilità sono tante e non è strettamente necessario saper cucire alla perfezione. Basta qualche taglio, qualche punto dove serve e il gioco è fatto. Via libera alla personalizzazione, ovviamente!

borse-colorate-con-magliette

Anche le vecchie borse di paglia possono essere rivisitate e rese più colorate ed attuali: basta decorarle con stoffe, fiori e con i colori che più vi piacciono.

borsa di paglia 1

Anche in questo caso, a seconda delle vostre abilità con ago, filo o macchina da cucire, potrete sbizzarrirvi spaziando dalle decorazioni più semplici, a quelle più impegnative e complesse.

borsa mare paglia 2

E cosa dire poi di un’originalissima borsa trasparente realizzata con la vecchia zanzariera? Un’idea glamour, originalissima e semplice da realizzare!

borsa con zanzariera

Le più brave potranno invece realizzare bellissime borse all’uncinetto: eleganti, originali e raffinate, ideali per portare con sè in spiaggia tutto l’occorrente per una giornata di totale relax!

borsa mare uncinettoAnche in questo caso, per quel che riguarda modelli, colori e tipologie, ognuno potrà scegliere le caratteristiche più in linea con i propri gusti.

Oltre ad essere eco-friendly, originali e divertenti, le borse da mare fai da te sono perfette anche come idea regalo in vista dei tanti compleanni estivi: un’idea unica e originale che ogni festeggiata non potrà che apprezzare!

 

 

Crema mani idratante fai da te

Frequenti lavaggi, l’azione degli agenti atmosferici e alcuni lavori domestici e non solo possono rendere la pelle delle mani secca, screpolata e arida. In questi casi l’applicazione costante di una crema idratante può dare ottimi risultati e ridonare alla pelle delle mani il suo aspetto morbido, liscio e vellutato.
Le creme idratanti per le mani in commercio sono tantissime ma avete mai pensato di provare una crema mani in versione fai da te? Anche in questo caso le ricette da realizzare sono davvero numerose: noi oggi ve ne proponiamo una semplice da realizzare, molto profumata e rigorosamente hand-made!
Ecco la nostra ricetta, tutta da provare!

Crema-mani-fai-da-te-bio

Ingredienti:
60 gr di burro di karitè
30 gr di olio di mandorle dolci
15 gr di burro di cacao
10 gocce di olio essenziale al limone
10 gocce di olio essenziale al pompelmo rosa

Preparazione
La realizzazione della crema è semplicissima: il burro di karitè, il burro di cacao e l’olio di mandorle dolci vanno uniti assieme e mescolati con una frusta fino a creare un composto senza grumi. Il composto va poi profumato con gli oli essenziali (noi abbiamo scelto il limone e il pompelmo rosa, voi potete scegliere le vostre essenze preferite) e mescolato nuovamente. La crema è già pronta: può essere conservata in frigorifero per 1 mese /1 mese e mezzo; di volta in volta riempite un piccolo vasetto con la quantità di crema che vi serve e portatelo sempre con voi. Un suggerimento: la crema è molto ricca e corposa, usatela in piccole quantità, spalmatela e fatela assorbire con cura.

7 rimedi naturali per tenere lontane le formiche da casa

Con l’arrivo del caldo, capita spesso di trovare le formiche in casa. Esse infatti, instancabili lavoratrici e attente accumulatrici di provviste, si avventurano in casa in gruppo, attratte dalle nostre dispense e in cerca di cibo. Disposte a tutto per rimpolpare le lo scorte ormai scarne, questi simpatici animaletti riescono davvero a insinuarsi ovunque, creando disagi e fastidi ai proprietari di casa.

formiche-rimedi-naturali

Le formiche non sono pericolose e non fanno nulla di male e per tenerle lontane da appartamenti e dispense, non serve usare pesticidi o prodotti chimici che le uccidano e dannosi per l’ambiente. Esistono infatti dei rimedi più semplici ma altrettanto efficaci. Si tratta di soluzioni green, naturali al 100% in grado di tenere lontane le formiche, nel rispetto della natura e dell’ambiente. Noi ve ne proponiamo sette, a voi la scelta di quale risponda meglio alle vostre esigenze!

1) Aceto
Le formiche sono molto sensibili agli odori e alcuni di essi non li tollerano proprio. L’aceto, ad esempio, crea loro molto fastidio. Un modo per tenerle alla larga da casa consiste nel riempire un bicchiere di aceto, aggiungerci qualche goccia di olio essenziale all’eucalipto e spennellare alla base porte, finestre e tutti i punti d’accesso di casa. L’operazione va ripetuta ogni 4/5 giorni finchè le formiche non si arrenderanno.

2) Origano
Anche con l’origano le formiche non hanno un buon rapporto. Cospargere le zone interessate con mucchietti d’origano aiuterà in modo efficace a tenerle lontane e darà alla vostra casa un buon profumo!

3) Lavanda
Anche l’odore della lavanda disturba le formiche. Mettere vasi di lavanda sul balcone o in giardino, davanti a casa, sarà un ottimo dissuasore per le formiche.

4) La menta
Se c’è una cosa che alle formiche non piace , questa è la menta! Mettere delle bustine di tè alla menta o delle foglie di menta essiccata nei punti in cui le formiche accedono in casa  e in breve tempo vedrete i risultati!

menta-contro-formiche

5) Bloccare le fessure
Se porte e finestre in legno presentano fessure, è bene sigillarle con un po’ di silicone. Questo potrebbe bastare a impedire l’accesso delle formiche in casa

6) Pulizia!
Le formiche entrano in  casa perchè in cerca di cibo. Lasciare in giro briciole, zucchero, miele e tutti quegli alimenti di cui sono ghiotte non è certo una buona tattica! Fate quindi attenzione a sigillare bene le confezioni e a pulire spesso i pavimenti, magari usando una miscela di acqua, limone e aceto, che alle formiche non piace.

7) Zucchero… dissuasore!
Le formiche, come tutti gli animali e le piante dell’ecosistema, sono utilissime in natura e il fatto di non volere che entrino in casa è molto diverso dal non volerle in giardino. Un’idea per deviare il loro percorso e allontanarle da casa consiste nel posizionare nei pressi delle zone di accesso a casa (ma non troppo vicino) dei granelli di zucchero e poi creare un piccolo percorso verso l’esterno: le formiche lo seguiranno sicuramente!

formiche-rimedi-naturali-per-allontanarle

Sprout: la matita ecologica… da piantare!

Può una matita trasformarsi in una pianta? Se si tratta di Sprout… sì!
Questa matita in legno di cedro, grafite e argilla vanta infatti una particolarità davvero speciale: al posto del classico gommino ha invece una capsula protettiva contente dei semi che, se piantati, danno vita ad una pianta di volta in volta diversa.

matita-ecologica.pianta-sprout

Dopo l’uso infatti, quando la matita diventa troppo piccola per essere temperata e impugnata, anzichè buttarla, va inserita in un sprout-piantinavasetto con terriccio, avendo cura di coprire bene la capsula e lasciare visibile il moncherino di matita come se fosse un’etichetta riconoscitiva (su ogni matita infatti c’è scritto il tipo di piantina che nascerà) e nel giro di pochi giorni la matita darà vita ad una piantina e si vedranno i primi germogli. La parola Sprout significa proprio germoglio e la matita è disponibile in tantissime varietà diverse di semi. Sprout è totalmente ecologica: è realizzata con legno certificato, torba e semi biologici e, al fine di favorire la germinazione, ogni matita contiene un minimo di 4 semi a seconda del tipo di pianta; inoltre non contiene materiali tossici (piombo incluso), rilascia un buon odore e scrive in modo scorrevole.

 

Far nascere la propria piantina è semplicissimo: servono solo un buon terriccio, sole, acqua e tanto amore! Una volta inserita nel terreno la capsula idrosolubile e biodegradabile, a contatto con l’acqua, si scioglierà e i semi potranno germogliare nel giro di qualche giorno dando vita a fiori, verdura, piante aromatiche o erba, a seconda del tipo di pianta che avrete scelto.

matita-ecologica-piantina-istruzione-sprout-ecomarket_4

Il progetto, davvero innovativo e anti-spreco, è nato dall’idea di un gruppo di studenti del Mit (Massachusetts Institute of Technology), una delle più importanti Università di ricerca del mondo, allo scopo di recuperare e dare nuova vita alle matite, quando diventano troppo piccole per essere utilizzate ancora. Grazie alla piattaforma di crowdfunding Kickstarter il progetto ha potuto essere finanziato e concretizzarsi, vincendo anche il premio di “Miglior prodotto Eco-frendly” del 2013.
La matita Sprout è oggi disponibile alla vendita e acquistabile anche su ecomarket.bio.

Acquistabili singolarmente o disponibili nelle confezioni da 3 o da 8 pezzi, le matite Sprout sono perfette come idea per un regalo sostenibile, originale e green al 100%. Amatissime da chi ha il pollice verde e da chi apprezza i regali sfiziosi e originali, le matite sono vendute in confezioni con indicazioni precise su come piantare la matita e prendersene cura.

sprout-matita-eco-verdura

Spezie scadute? Non le buttare!

A chi non è mai capitato di trovare in dispensa confezioni di spezie ormai scadute? Capita infatti che una determinata spezia si acquisti per una circostanza o una ricetta particolare e che poi resti lì, inutilizzata, fino alla data di scadenza. In casi di questo tipo, non pensate subito alla spazzatura: le spezie infatti riservano ancora qualche sorpresa e degli usi alternativi, non alimentari, inaspettati!

spezie-scadute-usi

E’ bene sottolineare inoltre che il fatto che, nonostante una spezia abbia superato la data di scadenza indicata, non significa necessariamente che non sia più buona: nella maggior parte dei casi infatti significa soltanto che il suo potere aromatico non è più al 100%, ma non sussistono danni per la salute. Se invece la spezia, per odore o per colore, si discosta da come dovrebbe essere, al di là del fatto se abbia superato la data di scadenza o no, può non essere stata conservata bene e in quel caso allora è meglio buttarla nei rifiuti organici.

Ecco qualche spunto per riutilizzare le spezie scadute nelle nostre dispense, in linea con il motto… Non sprecare!

spezie-profumo-ambienteProfumatore per ambiente
Anche se la spezia non ha più l’aroma di un tempo, come profumatore per ambiente può svolgere il suo compito al meglio!
Se poi la si fa bollire prima, grazie al calore, la spezia ritrova parte dell’aroma. Per creare quindi un profumatore per ambiente personalizzato, basta far bollire in un pentolino dell’acqua e le proprie spezie preferite e posizionare poi il tutto in casa, dove meglio si crede.
Le spezie più profumate come ad esempio la salvia, l’origano e chiodi di garofano non hanno nemmeno bisogno di essere ravvivate in acqua bollente e si possono inserire direttamente in sacchettini di cotone da posizionare negli armadi o nei punti di casa che volete profumare. Grazie al loro aroma intenso, queste spezie si rivelano particolarmente utili anche per profumare e contrastare i cattivi odori della scarpiera.

Disegni e pitture
Alcune spezie, per loro stessa natura, sono ricche di pigmenti e hanno un potere colorante. I più creativi, approfittando di questa caratteristica, possono dedicarsi a quadretti, disegni e creazioni artistiche naturali, usando le spezie come coloranti. La curcuma, il curry, la lavanda e la ginestra, ad esempio, ben si prestano a questo scopo. Via libera alla creatività dunque!

Esfoliante per il corpo
Tutte le spezie con consistenza granulare possono trasformarsi in ottimi e profumati scrub. Si possono semplicemente aggiungere al sapone oppure si può creare uno scrub ad hoc unendo vari ingredienti, come ad esempio olio extra vergine d’oliva, la spezia o e spezie scelte e del sale fine, per un effetto esfoliante e al contempo idratante. Le combinazioni sono tantissime: a voi la scelta di spezie e ingredienti! Una volta creato lo scrub, non resta che passarlo delicatamente con movimenti circolari su cute detersa.

Deterrente per gli insetti
Se gli insetti non vi lasciano in pace o banchettano con le vostre piante preferite, le spezie scadute possono fornire la soluzione ideale. In particolare le spezie più piccanti come il pepe o il peperoncino, se disposte nel vaso, sul terriccio o nei punti d’ingresso da cui insetti e formiche accedono in casa, possono diventare un ottimo deterrente. C’è solo da tenere presente che, più vecchia è la spezia, più il suo potere piccante diventa debole.

 

piante-spezie-insetti